Un film: “L’amore al tempo del colera”

l'amore ai tempi del colera

La scorsa notte la televisione ha ritrasmesso  il film del 2007 “L’amore ai tempi del colera”, tratto dell’omonimo romanzo di Gabriel García Márquez.
E’ la storia di un amore che consuma, brucia, fa ammalare. Come il colera, un’altra malattia incurabile, periodicamente presente nell’epoca in cui vivono i protagonisti del romanzo. Due malattie con gli stessi sintomi, che fanno dire alla madre del protagonista:
“L’unico guaio che tu abbia avuto è stato il colera!”                                                                     al che lui risponde :                                                                                                                            “No mamma, tu confondi il colera con l’amore.”

Il protagonista è il telegrafista e poeta Florentino, che si innamora perdutamente della bella Fermina. I due si scambiano lettere appassionate, ma il padre della ragazza ha altri obiettivi per lei, per cui la obbliga a lasciare Cartagena e trasferirsi da una cugina. Quando lei fa ritorno in città, i due si incontrano casualmente, ma Fermina gli toglie ogni speranza definendo il loro amore un’illusione.
Passano gli anni, e Florentino, sempre innamorato, continua ad attenderla e a disperarsi.
Firmina nel frattempo si ammala e viene visitata da un affermato medico perché si teme che abbia contratto il colera. Con il favore del padre, accetta la corte di quel sofisticato dottore e lo sposa, trasferendosi con lui a Parigi.
Florentino però non demorde e decide di aspettarla fino a quando non sarà vedova. Intanto scrive lettere d’amore su commissione e inizia a lavorare nella Compagnia Fluviale del Caribe gestita da suo zio che, spinto dalla madre del giovane, cerca di allontanarlo spesso per motivi di lavoro, sperando che questo possa aiutarlo a lenire il suo mal d’amore. Su uno dei battelli della Compagnia Fluviale, Florentino scopre il sesso, dopo di che disperde il suo amore in decine e decine di donne, annotando meticolosamente tutti gli incontri su un libriccino, senza mai dimenticare, però,  Firmina.
Quando la donna e il marito rientrano a Cartagena, lei ha praticamente dimenticato Florentino, che invece ha sempre lei nella mente e nel cuore. Ora è lui a gestire la Compagnia Fluviale lasciatagli dallo zio e ha una giovane amante.  Quando il marito di Fermina muore, lui si reca subito da lei offrendole il suo amore, ma viene scacciato.
Florentino però non si scoraggia e comincia a inviarle appassionate lettere d’amore, come ai tempi della loro giovinezza, Alla fine la donna cede alla sua corte e i due riscoprono l’antica passione. E’ su uno dei battelli di Florentino che il loro amore viene finalmente consumato, dopo aver atteso di concretizzarsi per un lungo periodo, dal 1879 agli anni ’30, cioè per ben “51 anni, 9 mesi e 4 giorni, notti comprese.”

 

Advertisements

11 thoughts on “Un film: “L’amore al tempo del colera”

  1. Magnifico film! Una storia d’amore che mi ha commosso ❤
    Ho scoperto Xavier Bardem in questo film e da allora cerco di non perdermi un suo film.
    Vorrei leggere il libro. È di Isabel Allende?
    È molto diverso dal film?
    Un abbraccio,
    Vicky

    Liked by 2 people

  2. L’ho “incocciato” di nuovo anche io ..l’interpretazione di Bardem è perfetta quanto quella della figlia di Vittorio Mezzogiorno!
    Ambientazioni, colori, tradizioni, paesaggi e un prodotto culturale che parte dall’Europa e che stento ad accettare in “Cronaca di una morte annunciata”, ma un lessico che è entrato nella nostra parlata.
    La mia formazione mi ha permesso di leggere un pò di Marquez; Cent’anni di solitudine è impareggiabile..credimi. Mi pare di averne dovuto studiare qualcosa in lingua originale.
    Non male anche “Autunno del colonnello”.

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s