CINEFORUM: “L’altro volto della speranza”

l'altro volto della speranza

Wikström, un commerciante di camicie di Helsinki , lascia la moglie e decide di cambiar vita. Con un’ingente somma vinta a poker compra uno squinternato ristorante in cui lavorano tre dipendenti, che lo guardano inizialmente con un certo scetticismo.

Nello stesso tempo Khaled, giovane rifugiato siriano in fuga da Aleppo e sbarcato quasi per caso a Helsinki, chiede asilo politico ma si vede negare l’accoglienza perché il governo finlandese ritiene Aleppo una zona non così pericolosa da giustificare la concessione di un visto da rifugiato.
Per evitare il rimpatrio fugge e, incontrato per caso Wikström, dopo un iniziale scambio di pugni, inizia a lavorare nel suo ristorante come inserviente. Il titolare, con l’aiuto dei tre dipendenti, gli procura dei documenti falsi e lo aiuta a rintracciare la sorella di cui ha perso le tracce sulla rotta balcanica che i due avevano seguito per entrare nell’Unione europea.
Il tutto, sullo sfondo del razzismo più becero della popolazione in cui per fortuna esistono alcune persone, soprattutto quelle ai margini della società, che si aiutano fra di loro senza chiedere nulla in cambio, con gesti anche piccoli, come l’offerta di una sigaretta o uno sguardo. E’ una piccola comunità fatta di musicisti di strada, camerieri, cuochi, portuali, camionisti, spazzini. che accoglie senza chiedere spiegazioni e non si preoccupa di infrangere qualche legge che ritiene ingiusta.
Ma non è un film melenso sui buoni sentimenti, basato sull’illusione che le persone e le situazioni possano migliorare: il neonazista che giura la morte a Khaled resta tale fino alla fine del film, quando lo accoltella chiamandolo “sporco ebreo”.
Mi è sembrato piuttosto il ritratto, dipinto a volte con surreale umorismo, di una società possibile, all’interno della quale non si agisce contro qualcosa o qualcuno, ma semplicemente per il bene proprio e degli altri.

 

14 thoughts on “CINEFORUM: “L’altro volto della speranza”

  1. Bhè…Aki Kaurismäki per me…..è davvero tra i più grandi.
    I Leningrad Cowboys… tra l’altro li ho visti per mia fortuna.
    Tatjana… Ho affittato un… L’uomo senza passato…. Juha…..
    Dai…

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s