“Arrangement in Black and White”

Dorothy Parker

“Arrangement in Black and White”

by Dorothy Parker (1927)

(abridged)

The woman with the pink velvet poppies twined round the assisted gold of her hair traversed the crowded room at an interesting gait combining a skip with a sidle, and clutched the lean arm of her host.
“Now I got you!” she said. “Now you can’t get away!”
“Why, hello,” said her host. “Well. How are you?”
“Oh, I’m finely,” she said. “Just simply finely. Listen. I want you to do me the most terrible favor. Will you? Will you please? Pretty please?”
“What is it?” said her host.
“Listen,” she said. “I want to meet Walter Williams. Honestly, I’m just simply crazy about that man. Oh, when he sings! When he sings those spirituals! Well, I said to Burton, ‘It’s a good thing for you Walter Williams is colored,’ I said, ‘or you’d have lots of reason to be jealous.’ I’d really love to meet him. I’d like to tell him I’ve heard him sing. Will you be an angel and introduce me to him?”
“Why, certainly,” said her host. “I thought you’d met him. The party’s for him. Where is he, anyway?”
“He’s over there by the bookcase,” she said. “Let’s wait till those people get through talking to him. Well, I think you’re simply marvellous, giving this perfectly marvellous party for him, and having him meet all these white people, and all. Isn’t he terribly grateful?”
“I hope not,” said her host.
“I think it’s really terribly nice,” she said. “I do. I don’t see why on earth it isn’t perfectly all right to meet colored people. I haven’t any feeling at all about it not one single bit. Burton oh, he’s just the other way. Well, you know, he comes from Virginia, and you know how they are.”
“Did he come tonight?” said her host.
“No, he couldn’t,” she said. “I’m a regular grass widow tonight. I told him when I left, ‘There’s no telling what I’ll do,’ I said. He was just so tired out, he couldn’t move. Isn’t it a shame?”
“Ah,” said her host.
“Wait till I tell him I met Walter Williams!” she said. “He’ll just about die. Oh, we have more arguments about colored people […]. But I must say for Burton, he’s a heap broader-minded than lots of these Southerners. He’s really awfully fond of colored people. Well, he says himself, he wouldn’t have white servants. And you know, he had this old colored nurse, this regular old nigger mammy, and he just simply loves her. Why, every time he goes home, he goes out in the kitchen to see her. He does, really, to this day. All he says is, he says he hasn’t got a word to say against colored people as long as they keep their place. He’s always doing things for them, giving them clothes and I don’t know what all. The only thing he says, he says he wouldn’t sit down at the table with one for a million dollars. […]”
“Poor Burton! Now, me, I don’t feel that way at all. I haven’t the slightest feeling about colored people. Why, I’m just crazy about some of them. They’re just like children, just as easy-going, and always singing and laughing and everything. Aren’t they the happiest things you ever saw in your life? Honestly, it makes me laugh just to hear them. Oh, I like them. I really do” […]
“Now this Walter Williams,” she said. “I think a man like that’s a real artist. I do. I think he deserves an awful lot of credit. Goodness, I’m so crazy about music or anything, I don’t care what color he is. I honestly think if a person’s an artist, nobody ought to have any feeling at all about meeting them. That’s absolutely what I say to Burton. Don’t you think I’m right?”
“Yes,” said her host, “Oh, yes.”
“That’s the way I feel,” she said. “[…] Oh, I get so furious when people are narrow-minded about colored people. […] Of course, I do admit when you get a bad colored man, they’re simply terrible. But as I say to Burton, there are some bad white people, too, in this world. Aren’t there?”
“I guess there are,” said her host.
“Why, I’d really be glad to have a man like Walter Williams come to my house and sing for us, some time,” she said. “[…] Oh, can’t he sing! Isn’t it marvellous, the way they all have music in them? It just seems to be right in them. Come on, let’s us go on over and talk to him. Listen, what shall I do when I’m introduced? Ought I to shake hands? Or what?”
“Why, do whatever you want,” said her host.
“I guess maybe I’d better,” she said. “I wouldn’t for the world have him think I had any feeling. I think I’d better shake hands, just the way I would with anybody else. That’s just exactly what I’ll do.”
They reached the tall young Negro, standing by the bookcase. The host performed introductions; the Negro bowed.
“How do you do?” he said.
The woman with the pink velvet poppies extended her hand at the length of her arm and held it so for all the world to see, until the Negro took it, shook it, and gave it back to her.
“Oh, how do you do, Mr. Williams,” she said. “Well how do you do. I’ve just been saying, I’ve enjoyed your singing so awfully much. I’ve been to your concerts, and we have you on the phonograph and everything. Oh, I just enjoy it!”
She spoke with great distinctness, moving her lips meticulously, as if in parlance with the deaf.
“I’m so glad,” he said. […]
“I should think you’d love singing them,” she said. “It must be more fun. All those darling old spirituals oh, I just love them! Well, what are you doing, now? Are you still keeping up your singing? Why don’t you have another concert, some time?”
“I’m having one the sixteenth of this month,” he said.
“Well, I’ll be there,” she said. “I’ll be there, if I possibly can. You can count on me. Goodness, here comes a whole raft of people to talk to you. You’re just a regular guest of honor! Oh, who’s that girl in white? I’ve seen her some place.”
“That’s Katherine Burke,” said her host.
“Good Heavens.” she said, “Is that Katherine Burke? Why, she looks entirely different off the stage. I thought she was much better-looking. I had no idea she was so terribly dark. Why, she looks almost like . . . Oh, I think she’s a wonderful actress! Don’t you think she’s a wonderful actress, Mr. Williams? Oh, I think she’s marvellous. Don’t you?”
“Yes, I do,” he said.
“Oh, I do, too,” she said. “Just wonderful. Well, goodness, we must give someone else a chance to talk to the guest of honor. Now, don’t forget, Mr. Williams, I’m going to be at that concert if I possibly can. I’ll be there applauding like everything. And if I can’t come, I’m going to tell everybody I know to go, anyway. Don’t you forget!” “I won’t,” he said. “Thank you so much.”
“Oh, my dear,” she said. “I nearly died! Honestly, I give you my word, I nearly passed away. Did you hear that terrible break I made? I was just going to say Katherine Burke looked almost like a nigger. I just caught myself in time. Oh, do you think he noticed?”
“I don’t believe so,” said her host.
“Well, thank goodness,” she said, “because I wouldn’t have embarrassed him for anything. Why, he’s awfully nice. Just as nice as he can be. Nice manners, and everything. You know, so many colored people, you give them an inch, and they walk all over you. But he doesn’t try any of that. Well, he’s got more sense, I suppose. He’s really nice. Don’t you think so?”
“Yes,” said her host.
“I liked him,” she said. “I haven’t any feeling at all because he’s a colored man. I felt just as natural as I would with anybody. Talked to him just as naturally, and everything. But honestly, I could hardly keep a straight face. I kept thinking of Burton. Oh, wait till I tell Burton I called him ‘Mister’!”

                       ✨   🍸   🥂   🍾   ✨  🍸   🥂   🍾   ✨

“Composizione in bianco e nero”

La donna con i papaveri di velluto rosa attorcigliati intorno all’oro assistito dei suoi capelli attraversò la stanza affollata con un’andatura interessante che combinava un saltello con un passo di traverso, e afferrò il braccio magro del padrone di casa.
“Ora l’ho presa!” disse. “Ora non può andarsene!”
“Ma certo. Salve,” disse il suo ospite. “Bene. Come sta?”
“Oh, sto benissimo,” disse lei. “Semplicemente benissimo. Ascolti. Voglio che mi faccia un enorme favore. Lo farà? Vuole farlo per favore? Per favore? “
“Cos’è?” disse il suo ospite.
“Ascolti”, disse lei. “Voglio incontrare Walter Williams. Onestamente, sono semplicemente pazza di quell’uomo. Oh, quando canta! Quando canta quegli spiritual! Bene, ho detto a Burton: “È davvero un’ottima cosa per te che Walter Williams sia di colore”, gli ho detto, “altrimenti avresti molti motivi per essere geloso.” Mi piacerebbe davvero incontrarlo. Mi piacerebbe dirgli che l’ho sentito cantare. Vuole essere un angelo e presentarmelo? “
“Ma sì, certamente,” disse il suo ospite. “Pensavo che lo avesse già conosciuto. La festa è per lui. Dov’è lui, comunque? “
“È laggiù vicino alla libreria”, disse lei “Aspettiamo finché quelle persone non finiscono di parlargli. Beh, penso che lei sia stato semplicemente meraviglioso a fare questa festa, così perfettamente meravigliosa, per lui, facendogli incontrare tutta questa gente bianca e tutto il resto. Non è terribilmente grato? “
“Spero di no”, disse il padrone di casa.
“Penso che sia davvero molto bello”, disse lei “Lo penso proprio. Non capisco perché al mondo non sia perfettamente giusto incontrare gente di colore. Io ne ho proprio nessun pregiudizio al riguardo, nemmeno uno. Burton invece è tutto l’opposto. Beh, sa, lui viene dalla Virginia, e lei sa come sono là”
“È venuto anche lui stasera?” disse il padrone di casa.
“No, non poteva”, disse lei. “Mi posso considerare una regolare moglie trascurata stasera. Gliel’ ho detto che quando sono uscita: “Nessuno può dire che cosa farò”, ho detto. Era così stanco che non riusciva a muoversi. Non è un peccato? “
“Ah”, disse il padrone di casa.
“Aspetti che gli dica che ho conosciuto Walter Williams!” lei disse. “Ne morirà. Oh, abbiamo sempre più discussioni sulla gente di colore… Ma devo dire a favore di Burton, che è di mente molto più aperta di molti di questi sudisti. E ‘davvero molto affezionato alle persone di colore. Lui stesso dice non vorrebbe avere domestici bianchi. E sa, aveva questa vecchia bambinaia di colore, questa fedele vecchia balia negra, che lui semplicemente ama. Ebbene, ogni volta che torna a casa, va in cucina per vederla. Lo fa, davvero, fino a oggi. Tutto ciò che dice è che non ha da dire una parola contro le persone di colore finché rimangono al loro posto. Fa continuamente cose per loro, dando loro vestiti e io non so cos’altro. L’unica cosa che dice, è che non si siederebbe al tavolo con uno loro neanche per un milione di dollari… Povero Burton! Ora, io, non mi sento affatto così. Io non ho il minimo pregiudizio contro la gente di colore. Ma certo, vado pazza per alcuni di loro. Sono proprio come dei bambini, altrettanto faciloni, e sempre a cantare e ridono e via dicendo. Non sono le cose più felici che lei abbia mai visto nella sua vita? Onestamente, mi vien da ridere solo a sentirli. Oh, mi piacciono Mi piacciono davvero … Adesso questo Walter Williams. Penso che un uomo così sia un vero artista. Lo penso davvero. Ritengo che meriti un sacco di credito. Bontà divina, vado pazza per la musica od ogni altra cosa del genere, e non mi interessa di che colore è. Onestamente penso che se qualcuno è un artista, nessuno dovrebbe avere alcun pregiudizio a incontrarlo. Questo è assolutamente ciò che dico a Burton. Non pensa che io abbia ragione? “
“Sì,” disse il padrone di casa, “Oh, sì.”
“È così che mi sento”, disse lei… Oh, divento così furioss quando le persone hanno vedute così ristrette riguardo la gente di colore… Certo, devo ammettere che quando trovi un uomo di colore che è cattivo, sono semplicemente tremendi. Ma come dico a Burton, ci sono anche dei bianchi cattivi in questo mondo, non è vero?”
“Immagino di sì” disse il padrone di casa.
“Beh, sarei davvero felice di invitare un uomo come Walter Williams a casa mia a cantare per noi, qualche volta”, disse lei. “… Oh, come canta! Non è meraviglioso il modo in cui tutti loro hanno la musica dentro? Sembra proprio dentro di loro. Andiamo, andiamo dall’altra parte e parliamo con lui. Ascolti, cosa devo fare alle presentazioni? Dovrei stringergli la mano? O cos’altro?”
“Beh, faccia quello che vuole”, disse il padrone di casa.
“Credo che forse sia meglio così”, disse lei. “Non vorrei per niente al mondo che lui pensasse che ho dei pregiudizi. Penso che farei meglio a stringergli la mano, proprio come farei con chiunque altro. Ecco esattamente quello che farò. “
Raggiunsero il giovane negro, in piedi accanto alla libreria. Il padrone di casa fece le presentazioni; il negro si inchinò.
“Piacere” disse.
La donna con i papaveri di velluto rosa stese la mano per tutta la lunghezza del braccio e la tenne così affinché tutti vedessero, fino a quando il negro non la prese, la strinse e gliela restituì.
“Oh, piacere, signor Williams,” disse. “Bene, piacere. Ho appena detto che mi è piaciuto molto il suo modo di cantare. Sono stata ai suoi concerti, e l’ascoltiamo al fonografo e tutto il resto. Oh, mi piace proprio! “
Parlava con grande distinzione, muovendo le labbra meticolosamente, come se parlasse con un sordo.
“Sono così felice”, disse lui…
“Penso che le piaccia cantare,” disse. “Deve essere proprio un divertimento, Tutti quei cari vecchi spiritual oh, li adoro! Bene, e cosa stai facendo, adesso? Continua a cantare? Perché non fa un altro concerto, una volta o l’altra?”
“Me farò uno il sedici di questo mese”, disse lui
“Bene, ci sarò” disse lei. “Ci sarò lì, se posso. Può contare su di me. Bontà divina, ecco che arriva un’intera schiera di persone a parlare con lei. Proprio un normale ospite d’onore! Oh, chi è quella ragazza in bianco? L’ho vista in qualche posto. “
“Quella è Katherine Burke”, disse il padrone di casa.
“Buon cielo.” Disse lei, “E’ Katherine Burke? Beh, sembra completamente diversa giù dal palco. Pensavo che fosse molto più carina. Non avevo idea che fosse così terribilmente scura. Beh, sembra quasi … Oh, penso che sia un’attrice meravigliosa! Non pensa che sia un’attrice meravigliosa, Mr. Williams? Oh, penso che sia meravigliosa, non è vero?
“Sì, lo so”, disse lui.
“Oh, lo penso anch’io,” disse lei. “Semplicemente meraviglioso. Bene, bontà divina, dobbiamo dare a qualcun altro la possibilità di parlare con l’ospite d’onore. Ora, non si dimentichi, signor Williams, sarò a quel concerto, se posso. Sarò lì ad applaudire come tutti. E se non potrò venire, dirò comunque a tutti quelli che conosco di andarci. Non dimentichi! “
“Non lo farò,” disse lui. “Grazie mille.”
“Oh, povera me,” disse lei. “Avrei voluto sprofondare! Onestamente, le do la mia parola, stavo per morire dall’imbarazzo. Ha sentito quella terribile pausa che ho fatto? Stavo per dire che Katherine Burke sembrava quasi una negra. Mi sono trattenuta appena in tempo. Oh, pensa che lo abbia notato?
“No, non credo,” disse il padrone di casa
“Bene, grazie al cielo,” disse lei , “perché non avrei voluto affatto imbarazzarlo. E’ terribilmente carino. Non potrebbe essere più carino di così. Buone maniere e tutto il resto. Sa, tante persone di colore, dai loro un dito e ti calpestano. Ma lui non è così. di Beh, ha più buon senso, suppongo. E ‘davvero carino Non lo pensa anche lei? “
“Sì,” disse il padrone di casa
“Mi è piaciuto”, disse lei. “Non ho alcun pregiudizio riguardo al farro che sia un uomo di colore. Mi sono sentita naturale come lo sarei con chiunque altro. Ho parlato con lui altrettanto naturalmente, e tutto il resto. Ma onestamente, riuscivo a malapena a tenere l’espressione seria. Continuavo a pensare a Burton. Oh, aspetti finché non dico a Burton che l’ho chiamato ‘Signore’! “
(L.Z.)

Advertisements

31 thoughts on ““Arrangement in Black and White”

  1. Yes, that is the way things were… Or still are?
    I just heard of a Colombian lady I know, saying: “What are we going to do with all those Venezuelans flooding into Colombia and bringing lots of disease?”
    (I never liked her very much…)

    Liked by 2 people

      1. My grandfather would have said: “there will be war”. He had a German rifle he’d brought back from WWI. When the next war started, he wrapped the rifle in greasy cloth and buried it in the garden. Just in case…

        Liked by 2 people

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s