Il primo ‘Viaggio sulla Luna’🌝

la lune

Il primo viaggio sulla Luna risale al primo settembre del 1902, quando a Parigi viene presentato il film muto di Georges Méliès “Viaggio nella Luna” (Le Voyage dans la lune), uno dei capolavori del cinema ai suoi esordi.

Liberamente basato sui romanzi di due capostipiti della fantascienza, “Dalla Terra alla Luna” di Jules Verne (1865) e “I primi uomini sulla Luna” di H. G. Wells (1901), si trattava di un film che rientrava nella tematica del viaggio fantastico sulla Luna, frutto di una lunga tradizione letterari (basti citare Ariosto, Cyrano de Bergerac, Poe …).
Il tema era diffuso nel teatro di féerie e negli spettacoli di fiera dell’ultimo Ottocento, e c’era stata persino un’operetta di Jacques Offenbach, “Le voyage dans la Lune”, prodotta con successo nel 1875 al Teatro della Gaîté.

Per il cinema, il primo ad andare sulla Luna fu Méliès, pochissimi anni dopo aver visto le opere iniziali dei fratelli Lumière. Si tratta di una gioiosa fantasticheria dalla durata di 14 minuti, che all’epoca era considerato un lungometraggio, suddivisa in vari quadri. L’opera è entrata nell’immaginario collettivo per una delle sequenze più evocative del periodo, quella in cui si vede la navicella spaziale, una specie di proiettile, che si conficca nell’occhio della Luna, raffigurata con un volto umano, facendola lamentare.
La missione è stata organizzata un gruppo di astronomi che si fa sparare da un gigantesco cannone direttamente sul nostro satellite, dove fanno la conoscenza dei Seleniti metà insetti e metà uccelli, il cui re vuole imprigionarli. Riescono però a fuggire, raggiungere la loro navicella sospesa a uno scoglio e a lasciarsi precipitare verso la Terra, dove vengono accolti come eroi.

🌝

Fu la prima opera di finzione cinematografica a conoscere un successo mondiale, ma fu anche oggetto di pirateria, compiuta innanzitutto da Thomas Edison, che ne curò personalmente la contraffazione, a partire da una copia, e la distribuzione negli Stati Uniti
Siccome al tempo non esisteva ancora la tutela dei diritti d’autore, Méliès, non ebbe risorse per contrastare la pirateria del suo film.
La sua carriera fu gloriosa ma brevissima, prima che il regista uscisse di scena, a soli 52 anni. Fu infatti travolto dal tumultuoso sviluppo del cinema, che lo trovò impreparato e incapace di stare al passo coi tempi che richiedevano un film alla settimana, con costi esorbitanti per le case indipendenti come la sua. Fu quindi costretto prima a ipotecare la sua casa di produzione, poi a venderla per una manciata di franchi al rivale Pathé.
Ormai sul lastrico e pieno di debiti, protestò contro un sistema tanto ingiusto dando alle fiamme 520 negativi dei suoi film.

Finì come venditore di caramelle e giocattoli in un negozietto nella Gare Montparnasse con la seconda moglie, un’attrice, e morì in miseria a 77 anni, ormai quasi completamente dimenticato, in una casa di riposo della Mutuelle du cinéma, a Orly.

29 thoughts on “Il primo ‘Viaggio sulla Luna’🌝

  1. Far beyond the ideas of right and wrong there is a field. I’m going to wait for you there. -Rumi- Out beyond ideas of wrongdoing and rightdoing there is a field. I’ll meet you there. Loin, au-delà des idées du bien et du mal, il y a un champ. C’est là que je te retrouverai. Beautiful

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s