Il David di Michelangelo

David

Il 9 settembre 1501, il ventiseienne Michelangelo iniziò a lavorare al blocco di marmo da cui doveva trarre il celebre David, provando la durezza del blocco con qualche colpo di scalpello.

La statua (alta 520 cm, incluso il basamento di 108 cm) era stata commissionata dalla corporazione Arte della Lana e dagli Operai del Duomo di Firenze, che desideravano un’opera nuova, monumentale, da collocare in uno dei contrafforti esterni della cattedrale di Santa Maria del Fiore.
Non era la prima volta che l’impresa era stata tentata. Infatti quell’enorme blocco di marmo bianco era infatti già stato abbozzato da due scultori che tuttavia avevano presto rinunciato all’impresa per la povera qualità del materiale, che presentava fragilità e fenditure.

Michelangelo si applicò con tenacia e dedicò tre anni di duro lavoro quotidiano all’opera, eseguita in un’aura di mistero e attesa con trepidazione dai fiorentini curiosi di sapere l’esito di una prova così difficoltosa.
Il rigoroso riserbo venne sciolto alla vigilia della festa di San Giovanni, patrono cittadino, il 23 giugno 1503, quando il popolo poté finalmente ammirare la scultura. Venne infatti aperto il recinto di legno che era stato voluto dall’artista per non essere disturbato dagli occhi indiscreti di chi voleva vedere “il gigante” in lavorazione, e la popolazione fu in grado di ammirare il capolavoro in via di completamento.

La stata venne dichiarata “quasi finita” all’inizio del 1504 e trasportata nella sua sede definitiva qualche mese dopo: non più nei contrafforti del Duomo ma in una collocazione di massimo risalto scelta da una commissione di cui facevano parte anche famosi artisti del tempo.
Venne posta davanti a Palazzo Vecchio, a simboleggiare la forza della nuova repubblica e vi rimase fino al 1873 per poi essere trasportata al riparo dai danni causati dagli agenti atmosferici all’interno della Galleria dell’Accademia di Firenze. Quella che attualmente si ammira in Piazza della Signoria è una copia realizzata nel 1910 dallo scultore Luigi Arrighetti in occasione di un concorso.

Questo capolavoro ritrae l’eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare il suo temibile avversario, il gigante Golia, con una semplice fionda.
Da sempre considerato il simbolo della bellezza maschile nell’arte così come la Venere del Botticelli lo è per quella femminile, viene ritenuto da molti il più bell’oggetto artistico mai creato dall’uomo, quello che il Vasari nel 1550 definì in grado di togliere “il grido a tutte le statue moderne et antiche, o greche o latine che elle si fossero. Perché in essa sono contorni di gambe bellissime et appiccicature e sveltezza di fianchi divine, né grazia che tal cosa pareggi, né piedi né mani né testa che a ogni suo membro di bontà, d’artificio e di parità né di disegno s’accordi tanto. E certo chi vede questa non dee curarsi di vedere altra opera di scultura fatta nei nostri tempi o negli altri da qual si voglia artefice”

Advertisements

25 thoughts on “Il David di Michelangelo

  1. Passano i secoli errata ancora una delle sculture più belle del mondo. Io sono innamorata anche dei bronzi di Riace, amore e psiche e tante altre ma il David, è il David😍 grazie per tutte queste informazioni!

    Liked by 1 person

  2. Bonjour ou bonsoir mon Ami, Amie LUISA

    Je regarde souvent
    En ouvrant une fenêtre, que ce soit au lever ou au coucher du soleil
    Si le matin afin si une belle journée s’annonce
    Et Le soir en admirant le ciel étoilé
    Mais tiens ce matin
    J’ai une petite pensée pour vous tous

    Ceux qui peuvent lire mon petit message
    Je leur dédies une belle semaine ensoleillé
    Pour le soir une belle nuit de sommeil
    Prenez bien soin de vous

    Bisous. Bernard

    Liked by 1 person

  3. *L*inaugurazione del David * 8 settembre * 1504 *
    . . . Era l’8 settembre del 1504 quando venne inaugurato il David, posizionato mesi prima sull’arengario di Palazzo Vecchio. Era stato portato lì nel giugno dello stesso anno ma, prima di poterlo presentare in via ufficiale, avevo bisogno di ultimarlo.
    https://michelangelobuonarrotietornato.com/2019/09/08/8-settembre-1504-linaugurazione-del-david/
    . . . Il David non doveva trovarsi lì. Mi era stato commissionato per essere collocato al di sopra di uno sprone dei contrafforti della cupola del duomo di Santa Maria del Fiore. Vista la bellezza i committenti preferirono istituire un’apposita commissione formata dai più grandi artisti del tempo per decidere dove metterla.
    . . . Il 28 gennaio del 1504, dopo accese discussioni, la commissione composta fra gli altri da Andrea della Robbia, Leonardo da Vinci, Filippino Lippi, Davide Ghirlandaio e Sandro Botticelli, scelse come collocazione finale l’arengario di Palazzo Vecchio.
    .
    – Il sempre vostro –
    Michelangelo Buonarroti –
    https://michelangelobuonarrotietornato.com/author/michelangelobuonarrotiscultore/
    .
    .
    • Nuova mostra: Mind of the Master
    https://michelangelobuonarrotietornato.com/2019/09/07/nuova-mostra-mind-of-the-master/
    . . . Dal 22 settembre 2019 al 1 maggio 2020, il Cleveland Museum of Art aprirà i battenti al pubblico con la mostra Michelangelo: Mind of the Master.
    Il protagonista indiscusso di questa nuova esposizione saranno i 24 disegni miei appartenenti alle collezioni del Teylers Museum di Haarlem, realizzata in parte dalla collezione privata della regina Christina di Svezia ma anche gli altri che arriveranno per l’occasione dal Getty Museum e da fogli appartenenti allo stesso Cleveland Museum.
    Fra i disegni esposti ci saranno studi per gli ignudi della volta della Sistina, per la tomba di Giulio II e per la cupola della Basilica di San Pietro.
    .
    https://michelangelobuonarrotietornato.com/category/michelangelo-buonarroti/
    .

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s