The Rainbow (a poem)🌈

Millais-Blind_Girl
John Everett Millais- 1856 – The Blind Girl

The Rainbow (by Christina Rossetti)

Boats sail on the rivers,
And ships sail on the seas;
But clouds that sail across the sky
Are prettier than these.

There are bridges on the rivers,
As pretty as you please;
But the bow that bridges heaven,
And overtops the trees,
And builds a road from earth to sky,
Is prettier far than these.

“The Rainbow” is a short poem by Christina Rossetti talking about the superior beauty of clouds and rainbows in comparison to ships and bridges, i.e. the superiority of nature over man-made creations.

In the first half of the poem the comparison is between boats, ships and the flying clouds. They are all beautiful and they all sail, but the clouds, which sail across the sky, win by far.
In the second half of the poem the comparison is between a bridge and a rainbow. They have both the same shape, and stretch across a distance, but the rainbow goes from the earth to the sky, rather than from one patch of ground to another.

 

L’ARCOBALENO
Le barche navigano sui fiumi,
e le navi navigano sui mari;
ma le nuvole che navigano nel cielo
sono ancor più belle.

Ci sono ponti sui fiumi,
belli come vi pare;
ma l’arco che fa da ponte alla volta celeste,
che sovrasta gli alberi,
e costruisce una strada dalla terra al cielo,
è molto più bello.
(L.Z.)

52 thoughts on “The Rainbow (a poem)🌈

  1. Off topic: questa è la versione completa della mia poesia Fuoco sacro:
    Fuoco Sacro

    Ho il fuoco sacro della poesia,
    e non c’è ostacolo o scoglio
    che riesca a sviarmi o mi porti via,
    cammino per le strade e le piazze
    a volte, posso sembrarvi un po’ perso,
    ma la mia mente vola e libra leggera,
    immersa totalmente in un nuovo verso,
    nel suo impalpabile e lieve universo,
    mio smisurato mondo: infinito,
    dove guerre e crudeltà sono bandite
    ove il sogno è realtà, e la realtà un miraggio,
    colmo di dolore e spietatezza, e dove è negata
    l’infanzia e la giovinezza, il male è padrone
    assoluto, deruba i sogni e le speranze,
    illusioni d’una vita migliore, sotto piogge di bombe
    più o meno “intelligenti”, intelligenza d’un demonio,
    che distrugge la vita in ogni sua parvenza,
    le feste d’un matrimonio, rito nuziale con Satana
    corpi spazzati via come fuscelli
    in nome di un Dio cieco e sordo,
    in nome di un Dio sordo e cieco.
    In tutta questa assurda situazione,
    la mia mente cerca, testardamente, poesia,
    oscilla, vacilla, riprende la rotta e l’ispirazione:
    la poesia non salverà il mondo; ma l’umanità,
    il suo stato d’animo più profondo, ineguagliabile,
    brucerà e risorgerà in un fuoco sacro,
    Fuoco sacro che la monderà.

    M’immergerò in un mare d’emozioni
    tra onde di perifrasi di sinonimi
    flussi di sentimenti fragili come cristalli
    dove i pesci son parole, espressioni di gioia
    o di dolore, frasi d’amore o di stupore
    ove il mondo è meraviglia, nuvola di zucchero
    e di vaniglia, dove splende la mia sensibilità
    dove sfavilla la mia fragilità,
    che di salute son cagionevole, ma la mia forza
    è nella poesia, mia compagna e amica
    mio riferimento costante, mio solido picchetto
    che mi sorregge sulla parete impervia della vita,
    sulla quale m’innalzo con i miei versi,
    punti di riferimento nelle costellazioni dei cuori
    di chi come me soffre i patimenti
    di un corpo fragile che t’inganna, ti conduce
    sui binari della sofferenza, in stanze disadorne
    d’ospedali dove la noia fa da padrona
    e le notti ed i giorni, si susseguono uguali
    i minuti sono ore, e le ore sono anni,
    dove scorre la tua vita appesa ad un filo
    filo di seta fragile e sottile, filo di speranza
    di volerne uscirne vivo.
    Ho trascorso gran parte della vita
    in ospedale, un filo rosso continuo ed intrecciato,
    che ha rafforzato la mia sensibilità
    costruito una rude corazza sulla mia emotività:
    Ho il fuoco sacro della poesia

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s