“The Child Who Never Grew”

The child who never grew

The child who never grew was Pearl Buck’s daughter, Carol.
The author wrote a poignant memoir of her relationship with her oldest daughter, which hasn’t been translated into Italian yet.

The piece was first published in book format in September 1950, after being published in “The Lady’s Home Journal” in the previous May, at a time when having a mentally retarded family member was often kept as a secret.

Caroline Grace Buck, born in 1920, was the first born and only child of Lossing and Pearl Buck, when they were living in North China

She suffered from phenylketonuria (PKU) a disorder which made her unable to metabolize the amino acid phenylalanine and would later cause her mental retardation. Pearl says that she never knew the cause of her daughter’s deficiency (or at least she didn’t know it at the time of writing): Carol was diagnosed with PKU only in her 30s, after PKU had been discovered by a Norwegian physician and biochemist in the 1950s.

A radical change in diet would have been helpful, but it was too late: Carol was already too old for this to be useful.
The book doesn’t mention the exact age of the girl at the time of writing, only that “in years she is old enough now to have been married and to have children of her own – my grandchildren who will never be”. It doesn’t even mention her name, or the child’s father.

That disease is a rare but potentially serious inherited disorder, which increases the levels of a substance called phenylalanine in the blood. This is an amino acid, toxic to the nervous system, obtained through the diet: it is found in all proteins and in some artificial sweeteners. Therefore, people with PKU need a special diet which must start from birth, in order to limit phenylalanine.
It must be a diet that completely avoids high-protein foods (such as meat, eggs, nuts and dairy products) and controls the intake of many other foods, such as potatoes and cereals, and grains such as bread and pasta, and also aspartame, an artificial sweetener.
Untreated PKU can damage the brain and nervous system, which can lead to learning disabilities, behavioural problems, and neurological problems such as seizures and tremors.

In the book the author says that her child was born healthy and beautiful and she had no idea that anything was wrong. But, when she was three and still unable to talk, it was clear that she was not developing at the normal rate.
Pearl consulted several doctors in China and eventually took her to the United States for further testing and evaluation. The specialists discovered that her mind had stopped growing: she was “severely retarded” but there was nothing that could be done.
Pearl then took her back to China and began to teach Carol to read and write, to distinguish colours and notes, and to sing. Carol eventually learned how to write her own name, sing simple songs, and read very simple sentences.
During this time, Carol was kept concealed from the world.  For more than two decades Pearl was evasive about her existence in interviews: the most she would reveal was that she had ‘‘two little daughters. One is away at school and one … is at home with us’’

At the age of nine, Carol was placed in one of the best schools for disabled children in the United States, chosen because of the kindness shown to its residents. And, to be able to pay for it Pearl began to write her masterpiece: The Good Earth.
The Child Who Never Grew, translated into thirteen languages, is the moving account of
her efforts to find a good life for her mentally retarded daughter and how this helped her become a more compassionate person.

So by this most sorrowful way I was compelled to tread, I learned respect and reverence for every human mind. It was my child who taught me to understand so clearly that all people are equal in their humanity and that all have the same human rights. None is to be considered less, as a human being, than any other, and each must be given his place and his safety in the world…

My child taught me to know, too, that mind is not all of the human creature. Though she cannot speak to me clearly, there are other ways in which she communicates. She has an extraordinary integrity of character. She seems to sense deception and she will not tolerate it. She is a child of great purity. She will not tolerate habits that are filthy and her sense of dignity is complete. No one may take liberties with her person. Neither will she endure cruelty. If a child in her cottage screams, she hurries to see why, and if the child is being struck by another child or if an attendant is too harsh, she cries aloud and goes in search of the housemother. She has known to push away the offending one. She will not endure injustice. An attendant, laughing, said to me on day, ‘We have to treat her fairly or she makes more trouble for us.

What I am trying to say is that there is a whole personality not concerned with the mind, and children mentally deficient often compensate for their lack by other qualities of goodness…”
“Così, in questo modo doloroso, sono stata costretta ad andare avanti, ho imparato il rispetto e la considerazione per ogni mente umana. È stata mia figlia a insegnarmi a capire chiaramente che tutte le persone sono uguali nella loro umanità e hanno gli stessi diritti umani. Nessuno deve essere considerato inferiore, come essere umano, agli altri e ognuno deve avere il suo posto e la sua salvaguardia nel mondo …

Mia figlia mi ha anche insegnato che la mente non è tutto nelle creature umane. Sebbene lei non riesca a parlarmi chiaramente, ci sono altri modi in cui comunica. Ha una straordinaria integrità di carattere. Sembra avvertire l’inganno e non lo tollera. È una bambina di grande purezza. Non tollera le brutte abitudini e il suo senso di dignità è totale. Nessuno può prendersi delle libertà con lei. E non sopporta la crudeltà. Se un bambino nella sua residenza urla, si affretta a capirne il motivo, e se un bambino viene colpito da un altro o se un assistente è troppo duro, piange e va alla ricerca della direttrice. Sa respingere chi provoca. Non tollera l’ingiustizia. Un responsabile mi ha detto ridendo un giorno: “Dobbiamo trattarla in modo giusto altrimenti ci crea problemi”.

Quello che sto cercando di dire è che esiste un’intera personalità che non riguarda il cervello e che i bambini mentalmente carenti spesso compensano questa mancanza con altre buone qualità …”

(L.Z.)

34 thoughts on ““The Child Who Never Grew”

  1. Ciao Luisa. Dopo tempo (in cui ho usato poco i blog) ripasso qui, sul tuo.
    I totally agree with toutloperaoupresque655890715 , about having a mentally hill son or daughter.
    Naturalmente sulla dignità’ di ogni essere umano non si transige, questa deve essere totale e egualitaria per ogni persona, sana o malata. ma lasciami esprimere un io parere sulle malattie mentali, di ogni tipo e natura. La dignità umana e i diritti sono cosa sacra, ma i mali ci sono. E la malattia mentale è, secondo me, il peggiore dei mali. Mi si potrà dire che la cattiveria sia il peggiore dei mali, ed è+ vero. Molti che sono “mentally retarded” a tal riguardo sono spesso angeli in terra, come diceva mio fratello per i “down”. Ma con “il peggiore dei mali” mi riferisco alle malattie. Supponi, a fantasia e solo a titolo di esempio, che esista la reincarnazione e che prima di nascere noi si sia messi davanti a delle scelte, esempio “dover macere cieco o ritardato mentalmente. In un simile (teorico ) frangente, dovendo per forza scegliere fra le due condizioni umane da vivere, io sceglierei “cieco”. ” I lost my sight. Only… my sight, but did’t lose my brain, and my mind…” (Ray Charles, la pensava come me).
    Mah, purtroppo, quando accade accade, che lo vogliamo o meno.
    Una cosa che davvero non sopporto, è che un malato mentale venga preso in giro. La società è crudele. Anche un semplice esaurimento, pur temporaneo e risolutivo, “ti marchia”. Ti racconto questo (non e’ una vicenda autobiografica grazie al cielo, ma solo un esempio di fantasia). “Ti marchia”. Se in un luogo di lavoro uno si sente male a livello di infarto, 118, ricovero in ospedale, degenza e rientro al lavoro mettiamo dopo un mese. “Oh, signor Rossi, ben tornato,come sta? Si e’ ripreso bene?”- e si festeggia magari il suo rientro al lavoro. Ma se il signor Rossi si sente male per ha un collasso nervoso, da’ in escandescenze, 118, ricovero, degenza di qualche mese. Si ristabilisce, ma…”sta arrivando lo scemo”, “io con quello non ci lavoro..”, anche dopo tempo. Bella differenza eh? Anche socialmente, la malattia mentale.. Ciao.

    Liked by 3 people

    1. Condivido il tuo pensiero riguardo alla diversa considerazione sui malati. Un male fisico viene riconosciuto e compassionato. Chi ha un male mentale viene sminuito, e chi ha un male dell’anima viene considerato come un incapace che si crogiola nel proprio inferno.
      Grazie per essere passato a farmi visita

      Liked by 1 person

      1. Ciao. Vero, infatti ne so qualcosa. Io vivo da solo a causa della timidezza; ora, in definitiva ho imparato a non lamentarmi: “colpa tua”, “non ti sei dato da fare”, “tu lo hai scelto”, fino ad arrivare al fior fiore della intelligenza: beato te che sei da solo”. Da Nobel proprio, con l’aggiunta geniale di: “capisco non trovare nessuno in casa, ma per il resto..”-immagina il sorrisetto del collega che mi disse questo–; me lo disse mentre, stavamo sul luogo di lavoro, stava dando dieci euro a un figlio che passo’ da noi e gli chiese dei soldi per il motorino. “…ma per il resto…”. Il fattore economico, esiste solo e solo quello. “tu si che stai bene, scapolo…”. “Giovanni, e gli affetti, la famiglia, hai realizzato due bei ragazzi, hai una moglie che…”. E lui, faccetta da schiaffi: “eh, va’bbeh…”. e io gli dissi: “va bbeh? Ma va….glielo dissi eh? Solo il lato economico. E poi chi vive solo addirittura spende di piu’! Lo stipendio mi partiva tutto, come la pensione oggi, senza fare alcun che’ di che. Oltre a una vita vuota di affetti e di amore.
        Quando ho detto invece a colleghi e amici di avere il diabete (tra l’altro ce l’ho in forma lieve, di tipo 2), “oh, mi dispiace, davvero? Riguardati eh?”. Proprio come hai scritto tu: “Un male fisico viene riconosciuto e compassionato..”. Gramsci scrisse una pagina in cui critica l’indifferenza ai problemi sociali e politici, è famosa infatti la sua frase, “odio gli indifferenti”. Ecco, alla sua maniera, odio i superficiali. Ciao.

        Liked by 1 person

      1. Ormai mi viene automatico correggere, non è tanto per “preoccupazione”. Cosi’, anche perché’, a parte qui da te, se in altri siti scrivo tipo “hai fato una bela cosa”, ecco, mi piace anche far vedere che so che si scrive “fatto”, “bella”, anche se il senso si capisce. Facebook mi piace per questo: “copia commento”, “elimina”, “modifica”, si va su “modifica” e non servono commenti aggiuntivi. Poi con la comunicazione a distanza ci possono essere dei fraintendimenti,; direttamente basta dire “no, guarda che non intendevo questo…”, infatti nei commenti faccio molte chiose. Perché’ e’ successo, trovare un commento di disappunto e io a scrivere “intendevo a carattere generale”. E l’altro/ altra:”oh, scusami”. Le corrige servono anche a questo, ove non si può’ modificare.
        Riguardo al mio “sfogo”, esteriormente io vivo serenamente come posso il mio essere “persona sola”. Sai la canzone dei Platters, “the great pretender”: “I’m lonely but no one can tell”. Amici e parenti non vedono in me un “triste” (anche se contento non lo sono per niente…). Dove lavoravo, delle ragazze a servigio civile per un anno, solo alla fine di quell’anno hanno saputo che vivo solo (considera, le ragazze non sono del mio paese e il luogo di lavoro stesso è in altra località). “E’ spossato lei?”. “No, sono single…”- Ah, ecco..”. E’ un esempio di quanto io “non dia a vedere”. Pensa poi agli uomini soli che bevono, sono trasandati. Io sono quasi astemio, e qualche vicina mi ha fatto i complimenti per come tengo la casa. “qualche vicina..”, ed un a collega, poi mia sorella, venuta in ferie da Torino. Come si dice, “lodato da Cesare” 🙂
        “la solidarietà è una bella parola vuota per molti.”. Si’, ma io soprattutto non tollero più’ la superficialità’. Gramsci chiude il suo scritto cosi’:: “odio chi non parteggia, odio gli indifferenti”. Cosi’ io, odio chi non riflette, odio i superficiali. che poi sono bravini nei lavoretti, nelle cosette pratiche . Come ne “il nome della rosa” le persone senza cultura vengono chiamate “i semplici” io chiamo questi “i pratici”, nel senso che sono solo…pratici, e che tolti dai lavoretti, dalla campagna, dal fare il vino in casa o innaffiare l’orto, non valgono un fico secco 🙂
        Ciao.

        Liked by 1 person

      2. Purtroppo la società, i media e la scuola stessa (io sono stata insegnante) non. abituano più alla riflessione. Tutto resta alla superficie senza un’opinione vera non influenzata dal pensare comune

        Liked by 1 person

  2. What a beautiful testimony to the value of every human life.
    The description of the child’s sense of right and wrong makes her sound almost like an angel, who, although not speaking our language, nevertheless lets it be known what she (and God) will and will not tolerate.

    Liked by 2 people

  3. Ciao. Non in tutti i commenti appare “replay”, scrivo qui. Ti riferisci a delle “colpe” della scuola, dei media che non educano e / o non abituano alla riflessione. Vero, trovo gente superficiale anche fra la gente colta come una giornalista che conobbi a Torino- che fece un servizio su un comitato spontaneo cui faceva parte mio fratello che viveva li’-, una tizia in gamba e preparata. Si cadde sul’argomento “scapoli” e lei”: sia contento cosi’, va’, ché ci sono mali peggiori…”. Sminuire e snobbare problemi non fisici, sempre. Ma io mi riferisco a gente che è fra l’altro di una ignoranza della madonna, come si dice volgarmente. Fra i miei amici e conoscenti, che mi vedo in piazza o al bar, io e qualche altro abbiamo la terza media inferiore; gli altri hanno la quinta elementare, e sono di una ignoranza clamorosa! A parte qualcuno, che pero’ non manca di superficialità 🙂
    Io in parte li giustifico. Ma a starci cinque minuti a chiacchierarci, è vuoto totale. “Hai innaffiato i pomodori?”. “Io non ancora, e tu?”. “Zitto che è entrato il cane del confinante che…”, che barbetta. Questo ti da’ una idea del loro “livello” e del perché’, parafrasando i monaci de “il nome della rosa” (“i semplici”), io li definisca “i pratici” perché’ sono solo… “pratici” e che nei discorsi (discorsi? “Chiacchiere a vanvera e di basso livello”, è già una definizione generosa) non escono..dal seminato, è proprio questo il caso. Come in quella canzone che dice “i campi da arare, e niente di piu’…”.
    Ciao 🙂

    Liked by 2 people

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s