San Cristoforo (e i suoi fardelli)

Ghirlandaio,_san_cristoforo,_forse_da_san_miniato_fra_le_torri
Ghirlandaio (1449-1494)

Oggi, 25 luglio,  si celebra San Cristoforo, il patrono di viaggiatori e automobilisti, quello che una volta appariva su magneti e medagliette da tenere in macchina come protezione o portafortuna.

Secondo la leggenda il santo gigante fece attraversare un fiume, trasportandolo sulle proprie spalle, il bambino che poi si sarebbe rivelato il Cristo. Il nome Cristoforo significa infatti “portatore di Cristo”. Quel bimbo di passo in passo diventava sempre più pesante fino a rappresentare il peso del mondo intero.

Ho visto questo Santo sullo stemma di Vilnius, capitale della Lituania, dove ha sostituito il personaggio che vi appariva anticamente: un leggendario eroe lituano raffigurato nell’atto di trasportare l’amata moglie dall’altra parte di un fiume reggendola sulle proprie spalle.

San Cristoforo di fardelli dovette reggerne un altro, quando nel 1969 papa Paolo VI autorizzò una revisione completa del calendario liturgico. Oltre all’eliminazione di alcuni santi che si appurò non fossero mai esistiti, ad altri, come san Cristoforo, non venne tolta l’aureola, ma fu data minor importanza. Furono infatti trasferiti in un memoriale opzionale, diventando oggetto di venerazione a livello locale.

Quella revisione causò non poche reazioni. Per esempio il New York Times pubblicò in data 10 maggio 1969 un articolo dal titolo drammatico: “200 Catholic Saints Lose Their Feast Days” (“200 santi cattolici perdono il loro giorno di festa.”)

Tra i santi autorevoli penalizzati veniva citato anche san Cristoforo :
“Two of the best-known saints in the Roman Catholic Church, Valentine, patron of sweethearts, and Christopher, patron of travelers, were dropped from the official liturgical calendar today in a sweeping change that removed more than 200 from the list of saints whose feast days are celebrated by the whole church”

(“Due dei più famosi santi della Chiesa Cattolica Romana, Valentino, patrono degli innamorati, e Cristoforo, patrono dei viaggiatori, sono stati tolti oggi dal calendario ufficiale liturgico in un radicale cambiamento che ha rimosso dall’elenco più di 200 santi la cui festa è celebrata da tutta la chiesa.”)

20 thoughts on “San Cristoforo (e i suoi fardelli)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s