Michele III l’Ubriacone (parte 3)

(Qui la prima e la seconda parte)

L’Imperatore bizantino Michele III, costretto al matrimonio con la basilissa Eudokia Decapolitissa, non era mai stato felice con lei, che non riusciva neppure a dargli un erede. Quindi, dopo l’allontanamento della madre Teodora e la sua reclusione insieme alle figlie in convento, riprese la relazione con Eudokia Ingerina, la donna che amava e che avrebbe desiderato sposare. Ma non voleva né rischiare scandali né inimicarsi il clero, quindi decise di non divorziare dalla legittima moglie, ma di trovare una soluzione più soddisfacente. Costrinse il suo consigliere Basilio a divorziare dalla moglie Maria dalla quale aveva avuto anche dei figli e a sposare la sua Ingerina. In tal modo avrebbe potuto averla a corte, vicino a sé. Per ricompensarlo, gli concesse le attenzioni e la disponibilità della sorella Tecla, che venne pertanto fatta uscire dalla clausura.

Basilio, amico e confidente di Michele, divenne sempre più ascoltato e influente, fino a riuscire a convincerlo che lo zio Barda, divenuto troppo potente, mirasse al trono. Una volta eliminato l’ingombrante cesare, ottenne di essere associato al trono come co-imperatore, al posto del defunto, e di essere anche adottato (e dunque reso erede).
Una mossa strana, quell’adozione, anche se sembra che il piccolo Leone, ufficialmente figlio di Basilio e Ingerina, fosse in realtà figlio di Michele III. Con quell’atto l’imperatore si assicurava che l’Impero sarebbe passato prima o poi a suo figlio naturale. Se avesse invece riconosciuto ufficialmente Leone come figlio, avrebbe creato uno scandalo e messo a rischio non solo il suo potere imperiale, ma anche la vita del piccolo. Non era infatti raro che i pretendenti scomodi venissero accecati o castrati, poiché il trono veniva precluso a ciechi ed eunuchi.

Quando sembrò che Michele volesse cambiare atteggiamento nei confronti di Basilio, questi, timoroso di fare la stessa fine che lui aveva orchestrato per Barda, ordì una congiura.
Offrendogli un banchetto. passò la serata a gozzovigliare con quello che lo considerava un amico fidato e lo fece ubriacare . Quando l’imperatore si ritirò a riposare, Basilio lo accompagnò, addirittura baciandogli la mano in segno di rispetto. Una volta certo che Michele fosse addormentato, entrò nel suo appartamento, di cui aveva fatto manomettere le serrature, accompagnato da otto congiurati. L’imperatore che giaceva stordito nel suo letto fu trucidato: gli vennero mozzate di netto entrambe le mani e in seguito , non essendo ancora morto, fu finito con un colpo al ventre .
Il cadavere venne lasciato sul pavimento, con le budella di fuori e ricoperto di sangue. Solo più tardi gli fu buttata addosso la coperta di un suo cavallo.
Michele morì all’età di 27 anni, dopo 25 anni di regno, e Basilio, impadronendosi dell’impero, diede inizio a una nuova dinastia : la dinastia macedone.

Michele III ebbe una fama peggiore di quanto meritasse e il suo abuso di alcool divenne l’oggetto di una campagna denigratoria di ampia portata.
Denominato l’Ubriacone, fu accusato di lasciare il governo nella mani dei suoi favoriti, di aver dissipato tutto il tesoro imperiale, fino a mettere in vendita i preziosi ornamenti del palazzo e delle chiese.
Tuttavia le moderne rivalutazioni storiche ne hanno delineato un profilo abbastanza positivo, sia dal punto politico che finanziario e religioso.
.
A bollarlo facendolo apparire come un essere spregevole, dedito al vizio e al vino, era stata non solo la storiografia ecclesiastica, ma anche la dinastia macedone che manipolò la memoria storica in una vera e propria ‘damnatio memoriae’ per togliere ogni colpa al proprio fondatore, Basilio I  il Macedone .

(3. Fine)

Immagine: Michele III incorona Basilio co-imperatore (Michael III Crowns Basil Co-emperor by Unknown Artist – Public Domain)

Advertisement

33 thoughts on “Michele III l’Ubriacone (parte 3)

  1. Luisa, hai narrato la storia di Michele III come una pièce teatrale in cui giorni, mesi e anni si condensano efficacemente e tengono in sospeso lo spettatore, qui lettore, finché la vicenda non giunge al suo epilogo, in questo caso tragico e sconcertante. Ma la vicenda appartiene alla storia e ci fa capire quanto siamo subdolamente fortunati a vivere nella modernità. Subdolamente perché fortune come queste chiedono una contropartita in termini di alienazione mentale. Chissà se nei secoli futuri ci sarà un’altra Luisa che narrerà efficacemente, come te adesso, la storia dei nostri governanti.

    Liked by 4 people

    1. Ci sarà: la realtà dei fatti può essere stabilita solo a distanza, quando ogni notizia interessata o colpevole reticenza non gioveranno più a molti.
      La storia dei nostri governanti, comunque è inqualificabile e mi auguro che non venga usata da tutti, all’estero, come uno specchio del carattere degli Italiani

      Liked by 1 person

  2. Davvero interessante, complimenti Luisa! Come sempre crei post impeccabili.
    Questo fa apriore un po gli occhi sul mondo del potere già da tempi remoti. Le macchinazioni di palazzo non passano mai di moda.

    Liked by 3 people

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s