The Edge

The poem is taken from the only volume of poetry, “Five Poems” (2002). written by American prose-writer Toni Morrison (1931-2019).

THE EDGE

He was a boy – just a boy –
and I was a very young girl.
In blazing light and shadows trimmed in gold
we took the risk of love
the grist of love
the dreamy, steamy mist of love.
For he was a boy – just a boy –
and I was a very young girl
racing to the edge of love
the bed of love
the love-me- til-I’m-dead of love.
He was a boy – just a boy –
and I was a very young girl.

We were new to time
and dreams were real.
We could play out the line
[Get] to the edge of life
the bed of life
the love-me-til-I’m-dead of life.
For he was a boy – just a boy –
and I was a very young girl.

The poem describes a young girl’s first sexual experience. It is a moment of excitement and tension, a new experience where dreams are real, and she feels free to get to the edge and cross the line of innocence.

IL LIMITE

Lui era un ragazzo – solo un ragazzo –
e io una ragazzina.
Nella luce ardente e nelle ombre contornate d’oro
ci siamo esposti all’azzardo dell’amore
al traguardo dell’amore
all’annebbiamento sognante e maliardo dell’amore
Perché lui era un ragazzo – solo un ragazzo –
e io una ragazzina.
che correva verso il limite dell’amore
il letto dell’amore
l’amami-fino-alla-morte dell’amore.
Lui era un ragazzo – solo un ragazzo –
e io una ragazzina.

Eravamo nuovi alla situazione
e i sogni erano reali.
Superammo nel gioco ogni recinzione
fino al limite della vita
il letto della vita
l’amami-fino-alla-morte della vita.
Perché lui era un ragazzo – solo un ragazzo –
e io una ragazzina.
(L.Z.)

Durante la traduzione, ho cercato di riprodurre l’attenzione dedicata da Morrison ai suoni, come si nota nelle parole “grist”, “risk” e “mist”.

image: Dante Gabriel Rossetti  (between1860 and 1862) – Victoria and Albert Museum 

43 thoughts on “The Edge

  1. Ciao. I Haven’t understood only two words, “trimmed ” and “grist”.. Neither google translating system has understood it, on the part “italiano”, remains written “grist” . I have understood anyway all the rest, and the meaning of the poem. Beautiful poem. Someone of your friends has written that this poem mignt “encourage” to make experiens in an erarly age, or somethin like this. Maybe….
    – Do you know (of course you do) the son “la cura” by Franco Battiato? Ah, this does’nt encourage a boy at all.
    I explane what I mean in Italian:immagina un ragazzo che ascolta “la cura: “ti sollevero’, da tutte le tue paure e dalle tue ipocondrie, dai tuoi turbamenti. Percorreremo insieme le vie che portano alla essenza. ..Conosco le leggi del mondo, e te ne faro’ dono, superero’ le correnti gravitazionali, lo spazio e la luce per non farti invecchiare…”. pensa ‘sto povero ragazzo che ascolta in macchina dall’autoradio queste parole, che ha conosciuto una ragazza – la prima- da qualche giorno, e si mette in crisi…”superare lo spazio la luce, andare verso l’infinito, spiegarti le leggi del mondo..” Ragazza mia, al massimo io ti posso portare in pizzeria!”. Luisa, la sindrome di Battiato!!! – Avrai capito che scherzo, I was joking 🙂
    Ciao.

    Liked by 2 people

    1. Grist è una parola che ha messo alla prova anche me. In pratica vuol dire cereale da macinare, ma penso che la Morrison l’abbia usata solo per la rima, per cui l’ho tradotta liberamente, cercando un’armonia di suono e di significato con il resto.
      Trim invece significa spuntare (i capelli) per cui ho pensato che si riferisse a un contorno, che poi stava bene con il contorno d’oro che a volte hanno le ombre

      Like

      1. Ecco, ecco… “ma penso che la Morrison l’abbia usata solo per la rima…”. 🙂 Sorrido perche’ questo mi ricorda un genere poetico sardo, “is muttos” (letteralmente “i versi”, nota come somiglia a “i motti”), ancor piu’ noti come “muttos de amore” (essendo l’argomento principe, l’amore, anche in questo genere. I muttos, o muttos de amore, si compongono di due parti. Non sempre, ma quasi sempre, la prima parte e’ SOLO PER LA RIMA. Ti faccio un esempio: “*in sa cghina bella, mi pongo a fai arranda, nottesta e cras’a notti, aspettu sa domanda”. “nella bella cucina, mi metto a far ricamo- solo per la rima con: “per questa notte, o per domani notte , aspetto la tua domanda (la tua dichiarazione d’amore, che tu chieda la mia mano). Vedi? Un disco di questi muttos de amore, versi d’amore, venne inciso quando il Cagliari, nel 1970, vinse lo scudetto. In italiano, ma con la metrica SARDA dei MUTTOS. Le lodi alla squadra, servivano solo per far rima con le parole d’amore. Il componimento, cantato, nomina tutti i giocatori, i tecnici, il medico, l’avvocato della squadra, descrive le imprese dei giocatori, solo per la rima.*
        “Lo scudetto in Sardegna, per te un grande amore nel mio cuore regna.”..”e Riva il mattatore, nel mio cuore regna per te un grande amore….e Bellu l’avvocato-sempre solo per la rima-, appena ci siam visti mi sono innamorato..”ecc ecc, e termina cosi’: “..e con tutte le riserve, cara colomba mia il tuo amore mi serve, il tuo amore mii serve…”. Ciao 🙂

        Like

      2. Grazie per questo meraviglioso commento che mi ha fatto scoprire un mondo poetico che non conoscevo! La creatività, l’inventiva e la freschezza popolari sono per me una fonte inesauribile di sorprese 🙏🙏🙏

        Like

      3. Grazie Luisa. Poesia popolare, non prodotta da studi scolastici. Ma nei semplici di campagna c’è comunque tanta cultura. Due miei zii, avevano la quinta elementare, uno scriveva poesie, e tutti e due sapevano moltissimi versi di Dante a Memoria, Ludovico Ariosto, Omero, Tasso ecc. Uno dei due aveva “Ariosto”come suo preferito. Mi interrogava, “cosa state studiando di letteratura antica…’. /”odissea”, gli risposi. -dove siete arrivati? “-“ieri abbiamo studiato Ulisse e Nausicaa…”. _”cosa disse Ulisse a Nausicaa , lo sai?”. Gli risposi a parole mie, in modo riassuntivo, come mi si chiedeva a scuola (la versione in prosa). E mio zio , a memoria:”si, si, va bene, ma Ulisse le disse: “non so se degg’io chiamarti dea o umana donna..”eccetera. Quinta elementare. All’altro zio, sempre quinta elementare, se gli chiedevo ad esempio “parlami di Nerone..”, aprivo un libro. A messa nel sentire “dal libro dei giudici…” e io che ricordavo “zio Emilio, quando ero piccolo mi parlava dei giudici, Gedeone, sansone…”.
        Ciao Luisa 🙂

        Liked by 1 person

  2. Ok, at last, finalmente si apre il browser che mi permette di mettere i like , anche se altre cose le fa l’altro browser. Come la barzzelletta di uno che si vanta con gli amici e dice loro “io e mio fratello sappiamo tutto..”. Gli amici lo mettono alla prova, risponde esattamente a tre domante, alla quarta dice “no, questo lo sa mio fratello..”. Cosi’ sono questi due browser. Di nuovo ciao 🙂

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s