Sogno (Bollicine) ✍️

Invitata su Facebook da  Lucia Triolo a partecipare al DECENNIO DI AVVICINAMENTO DELLE CULTURE –  Esposizione internazionale virtuale, inserirò dieci mie poesie, una al giorno. A mia volta, oggi ho invitato Manuela Di Dalmazi, che ringrazio anticipatamente.

4° giorno

SOGNO (BOLLICINE) ˚॰°ₒ৹๐

Sospesa in una bollicina
di champagne
mi libravo nell’oro
senza pensieri
rimbalzando
accarezzata dal bordo

Nessun limite
alla danza
nessuna pastoia
impediva al mio spirito
di librarsi leggero
nel perlage della vita

poi…

la trappola
della realtà
è di nuovo
scattata

I was invited on Facebook by Lucia Triolo to participate in the DECADE OF APPROACHING CULTURES – International virtual exhibition

I will post a poem every day

My 4th   poem can be translated more or less like this:

DREAM

Suspended in a bubble
of champagne
I was hovering in that gold
cheerfully
bouncing
if caressed by the rim

No limit
to my dance
no trammels
could stop my spirit
from floating lightly
in the perlage of life

Then …

I was
once again
trapped
by reality

Immagine: foodandbev.it/2014/01/bollicine-italiane-da-record/

38 thoughts on “Sogno (Bollicine) ✍️

  1. Io feci un sogno, da ragazzo. Mi vidi in mezzo ad un bel prato verde, correvo con altri ragazzi (e ragazze), correvamo e dicevamo “che bello! La liberta’, possiamo correre, persino volare! Infatti detto questo mi levai in volo – no, non avevamo ali- ed altri raagazzi mi venivano appresso. Poi vidi sopra di me una specie di grande braccio, che impugnava un martello, un grosso martello che si abbatteva su di me, prima di colpirmi lessi nel “manico” del martello che quella specie di “Thor” brandiva, nell’aria, la scritta a caratteri cubitali: “REALTA'”, il martello colpi’ e mi trovai nel letto di casa, sentivo tuonare,la giornata era brutta e pioveva.
    Mi sono ricordato di questa cosa, nell’aver letto: “poi… la trappola della realtà è di nuovo scattata”.
    Ciao Luisa 🙂

    Liked by 2 people

    1. Purtroppo spesso i sogni cozzano contro la triste realtà!
      Devo dire che a me capita spesso di sognare di volare, non in alto, ma planare a pochi centimetri dal suolo come un treno a levitazione magnetica. Riesco così a percorrere grandi distanze … ed è molto piacevole 🚆🛫

      Liked by 1 person

      1. Ciao Luisa, grazie per la tua risposta, peraltro veloce. Si’, deve essere davvero piacevole “planare” come un treno a levitazione magnetica e percorrere grandi distanze. Io non sogno spesso di volare, capito’ quella volta, e qualche altra volta. Il planare tipo treno a levitazione magnetica non e’ coda irrealizzabile. Certo, esiste gia’, ma intendo farlo a corpo libero o quasi. Immagina dei pattini, che al posto delle rotello o delle “blades” hanno una superficie liscia, e la “pista” essere qualcosa di simile alla linea ferroviaria a levitazione, indurre magnetismo nei pattini (od in uno skateboard oppurtunamente costruito). e’ possibilissimo. Pero’, agli effetti pratici, resta per ora un sogno. Anche perche’ il percorso sarebbe limitato dalla pista, o strada “adatta”. Il principio tecnologico e’ una cosa, la attuazione su vasta scala e’ un’altra. E’ ‘ lontano il tempo in cui in cui piste per questo tipo di pattinaggio fiancheggiano una strada per centinaia di chilometri, come le piste ciclabili oggi.
        Come hai visto, a me piace fantasticare. In “ritorno al futuro”, ricorderai, degli scooter con uno “skate” al posto delle ruote, sfrecciavano a mezzo metro da terra- e dall’acqua.
        Comunque io, nella reealta’, qualcosa di simile al volo a plarare, riesco ancora a farlo. In mare, dove ci sono quattro metri , scendere in diagonale, rasentare con la pancia il fondale e poi risalire, sempre in diagonale. Da giovane ti toccavo i 7-8 metri. Ora tre, quattro metri. Con l’acqua limpida, sembra davvero di volare. Ho un post dove a 64 anni, ho fatto una immersione. Te la faro’ vedere. Ciao 🙂

        Liked by 1 person

    1. If reality is gloomy it is the escape from it that can be a rescue anchor, but then we have to deal with the real world again and this can become traumatic –
      Thank you, Rebecca, for your precious words🙏💜🙏

      Like

  2. Si, bellissimo. Pensa, non uso mai accessori, muta, pinne, o maschera. No, semplicemente da bagnante, vado dove ci sono alcuni metri d’acqua e mi immergo, prendo fiato nuotando supino e ancora giù. A 35, 40, 45 anni ti toccavo il fondo a 15 metri, lo so da amici pescatori esperti del fondale, le volte chi mi sono tuffato da una loro barca (da riposato, non avendo dovuto raggoingere a nuoto il “punto voluto”).
    Come “prova”, un pugno di fango, o alghe. Mostrare tale “prova” è un “classico” nella balneazione 🙂
    Puoi vedere se vuoi, sul mio music blog , casella “cerca”, il video, post”io, al mare”.
    Avevo 64 anni (l’età non mi permette più di scendere a quelle profondità, e non è da pretendere, anzi… ), c’erano circa 4 metri di profondità o giù di lì.
    Ciao Luisa, buona serata 🙂

    Liked by 1 person

  3. LUISA IT’S KINDA LIKE GOING TO GET THAT SPLENDID ICE CREAM, NOT JUST ICE CREAM BUT VERY SPECIAL FLAVOR AND GREAT TEXTURE AND TASTE , COLOR & FRUIT SOOO FRESH and that friend , WHO INSISTS ON COUNTING CALORIES & THE COST OF PRICE AND HOW HER COMPLEXION WILL BREAK OUT AFTERWARDS ( FEELING GREAT ONE MOMENT THEN NEXT FEELING LIKE YOU SHOULD HAVE STAYED HOME AND ARE BROCCOLI INSTEAD ) 🥦🍨🍧🍦🍦🍡🍰🎂🥦

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s