Cesare Pavese – “Due”

Uno dei maggiori intellettuali italiani del XX secolo, Cesare Pavese, scrittore, poeta, saggista e traduttore, nacque il 9 settembre 1908 e morì il 27 agosto 1950 (vedi qui)

Ecco una sua poesia dal titolo “Due”, il ritratto di due innamorati spossati dopo un momento di passione.

Due

Uomo e donna si guardano supini nel letto:
i due corpi si stendono grandi e spossati.
L’uomo è immobile, solo la donna respira più a lungo
e ne palpita il molle costato. Le gambe distese
sono scarne e nodose, nell’uomo. Il bisbiglio
della strada coperta di sole è alle imposte.

L’aria pesa impalpabile nella grande penombra
e raggela le gocce di vivo sudore
sulle labbra. Gli sguardi delle teste accostate
sono uguali ma più non ritrovano i corpi
come prima abbracciati. Si sfiorano appena.

Muove un poco le labbra la donna, che tace.
Il respiro che gonfia il costato si ferma
a uno sguardo più lungo dell’uomo. E la donna
volge il viso accostandogli la bocca alla bocca.
Ma lo sguardo dell’uomo non muta nell’ombra.

Gravi e immobili pesano gli occhi negli occhi
al tepore dell’alito che ravviva il sudore
desolati. La donna non muove il suo corpo
molle e vivo. La bocca dell’uomo s’accosta.
Ma l’immobile sguardo non muta nell’ombra.

François Boucher (1753) Ercole e Onfale

Two

Man and woman watch each other lying in bed:
their two bodies stretched out wide and exhausted.
the man is still, only the woman takes long breaths
that quiver her ribs. The legs distended
are bony and knotted in the man’s. The whispers
from the sun-covered street are foisted on them.

The air hangs impalpable in the heavy shadow
and freezes the drops of living sweat
on the lips. The gazes from the adjoining heads
are identical, but they no longer find each other’s bodies
as when they first embraced. They nearly touch.

The woman’s lips move a little, but do not speak.
The breathing that swells the ribs stops
at the longest gaze from the man. The woman
turns her face close to the man’s, lips to lips.
But the man’s gaze does not change in the shadow.

Heavy and still weigh the eyes within eyes
at the warmth of the breath that revives the sweat,
desolate. The woman does not move her body,
supple and alive. The lips of the man come close
but the still gaze does not change in the shadow.

(translated by Linh Dinh)

38 thoughts on “Cesare Pavese – “Due”

  1. Nell’atteggiamento dell’uomo, c’è tutta la disperazione di C. Pavese, convinto che non sapesse amare. E ne era convinto perché non si amava (normale in un letterato che conosce la bellezza) e perché le donne, insofferenti del suo morboso attaccamento, non avrebbero mai potuto amarlo. Scusami,Luisa 🌹. Forse questo Pavese parla un po’ di me.

    Liked by 1 person

    1. Ti ringrazio infinitamente per questo commento che sottolinea l’atteggiamento dell’uomo.
      Tu dici che Pavese parla un po’ di te perché ritengo che anche tu sia un’anima sensibile e torturata, ed è da ciò che ha origine la poesia più profonda

      Like

      1. Ci vuole forse più coraggio a vivere, a fronteggiare le delusioni e i rimpianti, sapendo che il passato non può essere modificato, if futuro è nebuloso e il presente fugge via appena cerchi di afferrarlo 😘

        Liked by 1 person

  2. Bella poesia che ferma il momento dopo la passione! Passione che purtroppo per Cesare Pavese non si sono mai trasfprmati in ampre, quell’amore duraturo sul quale puoi contare. Speriamo che almeno in quei momenti fugaci, sia stato felice!!!!

    Liked by 1 person

  3. È vero, Pavese è il n• 1 di coloro che sanno tradurre in parole le emozioni, uno che ci ha regalato testi meravigliosi, ma sinceramente da lui mi arriva così tanta malinconia e tristezza che mi porta a pensare che piuttosto di essere ricordato per una infelicità così devastante preferisco essere un contadino analfabeta.

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s