Under the Harvest Moon

Yesterday’s full moon, the closest to the September equinox, was the Harvest Moon. Our friend Pat / e-Quips published a wonderful post about it: you can read it here , and also Lara Ferri wrote about it in the post you can find here

In the Northern Hemisphere the Harvest Moon is astronomically significant because even though the time between one moonrise and the next becomes shorter (typically, the Moon rises on average 50 minutes later each day), the satellite tends to rise at about the same time for the few nights that proceed and follow the equinox.
In the past, the light of the full moon meant that farmers could work and harvest their crops until late at night.

Carl Sandburg (1878 – 1967) wrote a poem entitled “Under the Harvest Moon” in 1916.
He was an American writer who was awarded three Pulitzer Prizes in his lifetime: two for his poetry and one for his biography of Abraham Lincoln


“Under the Harvest Moon”

Under the harvest moon,
When the soft silver
Drips shimmering
Over the garden nights,
Death, the gray mocker,
Comes and whispers to you
As a beautiful friend
Who remembers.

Under the summer roses
When the flagrant crimson
Lurks in the dusk
Of the wild red leaves,
Love, with little hands,
Comes and touches you

With a thousand memories,
And asks you
Beautiful, unanswerable questions.

In this poem there is the depiction of two seasons, autumn and summer which also represent people in two stages of their lives.
One is older, reflected in “the harvest” stanza, while the younger is found in “the summer” verse.
Both these periods are beautiful, but while for the older, memory is the prominent detail, the younger has a lot of possibilities before them, they are still in bloom like “summer roses”
Autumn is beautiful with its hues, its leaves that change colour and become wonderful pieces of artwork, but their change indicates decay The fact that the gorgeous autumn leaves will soon perish prompts the poet to call “Death” and “a beautiful friend,” and a “gray mocker”.
When people have reached their autumn, “harvest” indicates that growing time is over, “remember[ing]” may bring pleasant memories, but the harsh reality remains that “Death” is approaching.

The second stanza shifts the focus to summer, a season full of life and possibilities, the season of Love
Love, with little hands,
Comes and touches you

These lines indicate a physicality which was not present in the previous lines.
Now, life and nature do more than remember: everything is still in bloom and able to grow . There are plenty of things to do before the “harvest” arrives. People can ignore an impending end and just think about “beautiful, unanswerable questions.”

La luna piena di ieri la più vicina all’equinozio di settembre si chiama la luna del raccolto. Ne hanno parlato ieri Pat nel post the potete leggere qui e Lara, il cui post è visibile qui

Nell’emisfero settentrionale è astronomicamente significativa perché anche se il tempo tra un sorgere della luna e il successivo diventa più breve (in genere, la Luna sorge in media 50 minuti dopo ogni giorno), nelle notti che procedono e seguono l’equinozio tende a sorgere più o meno alla stessa ora.
In passato la luce del plenilunio permetteva ai contadini di lavorare al loro raccolto fino a tarda notte.
.

Carl Sandburg (1878 – 1967) scrisse una poesia dal titolo “Under the Harvest Moon” nel 1916.
Sandburg uno scrittore americano che ricevette ben tre premi Pulitzer: due per la sua poesia e uno per la sua biografia di Abraham Lincoln

“Sotto la luna del raccolto”

Sotto la luna del raccolto,
quando il tenero argento
gocciola scintillante
sulle notti del giardino,
la Morte, il grigio sbeffeggiatore,
viene e ti sussurra
come un bellissimo amico
che ricorda.

Sotto le rose estive
quando il flagrante cremisi
si nasconde nel crepuscolo
delle selvagge foglie rosse,
l’Amore, con minuscole mani,
viene e ti tocca
con mille ricordi,
e ti pone
bellissime domande ancora senza risposta.

(Trad: L.Z.)

In questa poesia sono rappresentate due stagioni, l’autunno e l’estate, che ritraggono anche l’uomo in due fasi della vita.
Il più vecchio è presente nella strofa del” raccolto”, mentre il più giovane in quella dell’estate.
Questi periodi sono entrambi belli, ma mentre per il più anziano il ricordo è il dettaglio principale, il più giovane ha molte possibilità davanti a sé, è ancora in fiore come una “rosa estiva”
L’autunno è bello con le sue sfumature, le sue foglie che cambiano colore e diventano meravigliose opere d’arte, ma il loro cambiamento indica il loro declino. Il fatto che le splendide foglie autunnali presto periranno spinge il poeta a chiamare “Morte” e “un bellissimo amico” e un “grigio sbeffeggiatore”.
Quando l’uomo ha raggiunto il suo autunno, la mietitura, il “raccolto” indicano che il tempo di crescita è finito, resta solo la possibilità di “ricordare”, che può anche portare memorie piacevoli, mentre resta la cruda realtà che la “morte” si sta avvicinando.

La seconda strofa sposta l’attenzione sull’estate, una stagione piena di vita e di possibilità, la stagione dell’Amore
“Amore, con minuscole mani,
viene e ti tocca”

Questi versi indicano una fisicità, assente nei versi precedenti.
Ora, la vita e la natura fanno più che ricordare: tutto è ancora in fiore e in grado di crescere e ci sono tante cose da fare prima che arrivi il momento del “raccolto”. L’uomo può ignorare la fine imminente e dedicarsi solo a “belle domande ancora senza risposta”.

Ecco Luigi Maria Corsanico che legge magnificamente la mia traduzione:

Grazie!!!

56 thoughts on “Under the Harvest Moon

  1. Una poesia interessante, che pone delle domande e risposte su eventi così naturali che si succedono fin dalle origini del mondo. Sempre belle e preziose le tue traduzioni ! Arricchiscono l’anima. Grazie carissima Luisa !!! < ❤ ❤ ❤

    Liked by 3 people

  2. Bellissima la poesia è mi è piaciuta molto la tua traduzione della spiegazione che ne ha fatto seguito. Sei sempre eccezionale e tra l’altronper lo più parli sempre di autori di cui non è neppure facile trovare biografie 3 loro scritti in italiano, e qui entrano in ballo le tue magistrali traduzioni 🧡

    Liked by 2 people

  3. Beautiful poem by Carl Sandburg. I love the flashes of color he weaves through the poem – silver and grey and crimson and red.
    I’m glad you highlighted the Harvest Moon, shared a bit about it, and featured this poem. Lovely post.

    Liked by 2 people

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s