Shakespeare’s Funeral

Shakespeare’s burial is recorded in Stratford’s Parish Register on 25 April 1616, two days after his death: it was a modest service at Holy Trinity Church, the church where he had also been baptised. The was no public mourning, no one came from London, there were no poetic lamentations, no eulogies, or poems memorialising his death .
This funeral seemed more suited to a wealthy local retiree than to a celebrity.
It was not an event and made no more stir in England than the death of any other forgotten stage actor. Only silence and nothing more.
A stark contrast to what happened when other writers of his time (such as Ben Jonson, Francis Bacon, Spenser and Raleigh) died. Not to mention London’s grief over Richard Burbage’s death. He was Shakespeare’s fellow artist, friend and most famous actor who died three years later. On that occasion the sorrow was so profound that it almost overshadowed the official mourning for Queen Anne’s death a few days earlier.

All this has led many scholars to believe the “Stratford man” was not the author of Shakespeare’s plays.

The first who explicitly claimed that all those plays had been written by someone else was the Reverend James Wilmot, a Warwickshire clergyman who lived near Stratford, from 1726 to 1807.
His doubts were aroused by his inability to find a single book belonging to Shakespeare even after a meticulous search in every public or private library within a 50 miles (80 km) radius of Stratford. At this point, he started to question the validity of his writings and concluded that Shakespeare could not have authored the works attributed to him .
He also conducted interviews in Stratford, but couldn’t find anyone who had anecdotes about him or his family.
How could a person so well known to others be unknown in his hometown? Therefore Wilmot concluded that the Stratford man was not the beloved English playwright, and that those plays were instead written by English philosopher and statesman Sir Francis Bacon, using the pseudonym William Shakespeare.

To tell the truth, not even his will mentions personal papers, manuscripts, books, poems or the eighteen plays that were still unpublished at the time of his death.

In 1857 another Shakespeare scholar, Delia Bacon (no relation to Sir Francis Bacon), in her book “The Philosophy of the Plays of Shakespeare”, attributed the authorship of Shakespeare’s plays, as well as to Francis Bacon, to other social reformers including Sir Walter Raleigh.
Since the publication of her book many studies have been published either in defense or refutation of these “Anti-Stratfordian” claims.
Much of the debate revolves around whether or not the member of a poor illiterate family could have written works of such a high level.
The “Stratfordians” claim that William Shakespeare of Stratford-upon-Avon was the author of the works attributed to him whereas the “anti-Stratfordians” believe that he was just a front to protect the identity of the real author or authors , who for some reason, such as social rank, state security, or gender, were unwilling or unable to accept public credit. Most of them suggest that the Shakespearean canon shows such broad learning, in-depth knowledge of politics, international affairs, languages and geography, familiarity with the royal court and high society, that no one but a highly educated person or court insider could have been the author.


Image : Wikimedia Commons – Sicinius : Shakespeare’s funerary monument, Holy Trinity Church, Stratford.
The memorial was erected within a few years of his death and during Anne Hathaway’s lifetime (before 1623) and is, therefore, thought to be a good likeness

La sepoltura di Shakespeare è registrata nel registro parrocchiale di Stratford il 25 aprile 1616, due giorni dopo la sua morte: si trattò di un modesto servizio religioso alla Holy Trinity Church, la chiesa in cui era anche stato battezzato. Non ci fu nessun lutto pubblico, nessuno arrivò da Londra, non ci furono lamentazioni poetiche, elogi funebri, né poesie che ne commemorassero la sua morte.
Quel funerale parve più adatto a un agiato pensionato locale che a una celebrità.
Non fu un evento e non fece più scalpore in Inghilterra di quanto avrebbe fatto la morte di un qualsiasi altro attore di teatro ormai dimenticato. Solo silenzio e niente di più.
Un contrasto stridente con quello che accadde quando altri scrittori del suo tempo (come Ben Jonson, Francis Bacon, Spenser e Raleigh) morirono! Per non parlare del dolore di Londra per la morte di Richard Burbage. Questi era il compagno d’arte, amico e attore più famoso di Shakespeare, che morì tre anni dopo. In quell’occasione il dolore fu così profondo che quasi offuscò il lutto ufficiale per la morte della regina Anna avvenuta dieci giorni prima.

Tutto ciò ha portato molti studiosi a credere che “l’uomo di Stratford” non fosse l’autore delle opere di Shakespeare.

Il primo che affermò esplicitamente che tutte quelle opere erano state scritte da qualcun altro fu il reverendo James Wilmot, un sacerdote del Warwickshire che visse nelle vicinanze di Stratford, dal 1726 al 1807.
I suoi dubbi furono suscitati dall’impossibilità di trovare un solo libro appartenente a Shakespeare, anche dopo una meticolosa ricerca in ogni biblioteca pubblica o privata entro un raggio di 50 miglia (80 km) da Stratford. A questo punto, iniziò a mettere in dubbio la validità di tutti quegli scritti e concluse che Shakespeare non avrebbe potuto essere l’autore delle opere a lui attribuite.
Condusse anche interviste a Stratford, ma non riuscì a trovare nessuno che avesse aneddoti su di lui o sulla sua famiglia.
Come poteva una persona così conosciuta dagli altri essere sconosciuta nella sua città natale?
Pertanto Wilmot concluse che l’uomo di Stratford non era l’amato drammaturgo inglese, e che quelle opere erano invece state scritte dal filosofo e statista inglese Sir Francis Bacon, usando lo pseudonimo di William Shakespeare.

A dire il vero, neanche il testamento non fa menzione a carte personali, libri, poesie o alle diciotto opere teatrali rimaste inedite al momento della sua morte.

Nel 1857 un’altra studiosa di Shakespeare, Delia Bacon (nessuna relazione con Sir Francis Bacon), nel suo libro “The Philosophy of the Plays of Shakespeare/ La filosofia del teatro di Shakespeare”, attribuì la paternità delle opere di Shakespeare, oltre che a Francis Bacon, ad altri riformatori sociali tra cui Sir Walter Raleigh.
Dalla pubblicazione del suo libro molti altri studi sono stati pubblicati in difesa o confutazione di queste affermazioni “anti-Stratfordiane”.

Gran parte del dibattito verte sulla possibilità che il membro di una povera famiglia analfabeta abbia potuto scrivere opere di un livello così elevato.
Gli “Stratfordiani” affermano che l’uomo di Stratford-upon-Avon fu l’autore delle opere a lui attribuite mentre gli “anti-Stratfordiani” credono che Shakespeare fosse una figura di facciata per proteggere l’identità del vero autore o degli autori, che per qualche ragione, come rango sociale, sicurezza dello stato o genere, non volevano o non potevano accettare crediti pubblici. La maggior parte di essi suggerisce che il canone shakespeariano mostra una tale vastità di cultura, conoscenza approfondita della politica, degli affari internazionali, delle lingue e della geografia, familiarità con la corte reale e l’alta società, che nessuno tranne una persona altamente istruita o un membro della corte avrebbe potuto esserne l’autore.


Immagine: Wikimedia Commons – Sicinius : Monumento funerario di Shakespeare, Chiesa della Santissima Trinità, Stratford
Il memoriale fu eretto alcuni anni dopo la sua morte, durante la vita di Anne Hathaway (prima del 1623) e per questo si pensa che sia somigliante

77 thoughts on “Shakespeare’s Funeral

  1. I wonder how much of this might be due to literacy? Just in terms of literate people being concentrated in London, maybe? So if a celebrity had died in London, it was far more likely to be written about than if they’d died in Stratford?

    Would people of Stratford even have known of Shakespeare’s “fame”, I wonder?

    Liked by 3 people

    1. These are all questions that I have also asked myself, but I still haven’t been able to give an answer and I think I will never manage to., And the more I try to find out something decisive, the more I am confused by discordant studies

      Liked by 2 people

      1. It’s weird, isn’t it. I mean certainly records were kept in Stratford, because of what we *do* know, so there must have been some degree of literacy.

        I wonder when he started to be thought of as “the greatest”? I wonder if, basically, no-one took much notice of him when he was alive?

        Liked by 1 person

  2. Fascinating article. I’m on the side that says Shakespeare didn’t have the education, intellect or background to write plays so fully steeped in history and scholarship — an impossible feat. Clearly, to me, the plays are a collaboration of several brilliantly educated men. The lack of celebrity and widespread mourning surrounding Shakespeare’s funeral — compared, as you note, to the actor Richard Burbage — back this up. This whole matter remains history’s most frustrating unsolved mystery.

    Liked by 3 people

  3. Secondo te, in quel periodo storico e culturale c’erano altri artisti che usavano pseudonimi per non farsi riconoscere?
    A me sembra strano, nel senso che è una “moda” di qualche secolo dopo, ma ammetto di avere una conoscenza limitata.

    Liked by 2 people

      1. Solo se volevano non farsi riconoscere, Ho scoperto che qui da noi Cecco di Ronchitti era uno pseudonimo sotto cui si celò o Galileo Galilei o Girolamo Spinelli per scrivere il pamphlet “Dialogo in perpuosito (a proposito) de la Stella Nuova” (1605), e ancor oggi l’autore non è ben identificabile

        Liked by 1 person

  4. Wonderful, as always! Hmm, I’m inclined to doubt this myself because I agree how could a person from an illiterate family write what Shakespeare is alleged to have wrote. It doesn’t make sense! However, I remain a huge fan of all his/her plays, works and poems. Well done Luisa and thank you! Love and light, Deborah.

    Liked by 1 person

  5. Shakespeare ha lasciato il mistero anche nella sua morte. Tutto il tuo racconto su di lui ha suscitato un interesse insolito perché lo hai fatto in modo prodigioso. Al punto che vorrei che non finisse. Come dici tu, engas una feliz tarde.è stata una faticaccia ma come ricompensa è venuta fuori una narrazione ottimale con un grande contenuto storico. Que tengas una feliz tarde Luisa.

    Liked by 2 people

  6. Un mistero nel mistero la vita e l’esistenza di Shakespeare ! Alla fine più si sa e meno si sa. Meglio restare nella convinzione per quello che sappiamo, almeno non ci perdiamo un mito della letteratura! E’ stato tutto molto molto interessante! Grazie Luisa per questo magnifico lavoro !!! ❤ ❤ ❤

    Liked by 1 person

  7. Dulcis in fondo anche la sua dipartita lascia dei misteri… Questo tuo lavoro è stato molto 8nteressante e istruttivo, in questi giorni mi ci ero affezionata e ora che siamo giunti al termine, direi che un pò mi dispiace. Grazie infinite carissima Luisa per tutto il lavoro da te svolto, hai saputo raccontare la storia in modo davvero meraviglioso senza renderla pesante. Ancora grazie e buonanotte 😘🥀

    Liked by 2 people

      1. Ed io je sono entusiasta in primis perchè come tu sai, sono curiosa e poi la storia, le radici dei personaggi, degli avvenimenti in genere mi hanno sempre appassionata sin da ragazza 😊. Buon pomeriggio 😘

        Liked by 1 person

  8. I have heard of the quarrels about whether he wrote those plays or not? Does it matter? The fact remains that one man (whoever he was wrote all those plays which are still up-to-date… Human genius at its best…
    “Tomorrow and tomorrow and tomorrow…”
    One of the most powerful statements ever written.

    Liked by 2 people

  9. Ingrati, ho dire recente visto i funerali di Marconi più che un principe schiere di tutte le divise di stato banda cavalli neri e carrozza much ado about nothing? Eppure la comunicazione in tutte le sue forme teatro telefono ha sempre la sua valenza

    Liked by 2 people

    1. Vero! La sua morte è passata inosservata ai suoi contemporanei, e questo ha fatto pensare che l’uomo di Stratford non fosse il famoso autore, ma solo un prestanome
      Grazie per la lettura e il commento 🙏

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s