Young Alexander Pope’s Solitude

Alexander Pope, one of the greatest English poets of the eighteenth century, was born in London on 21 May 1688. Considered a master of the heroic couplet (pairs of rhymed lines in iambic pentameter), he is best known for satirical and discursive poetry.
In 1700 when he was only 12 years old he wrote ‘Ode on Solitude’, asserting his desire to live a quiet, and unnoticed life.

Happy the man, whose wish and care
A few paternal acres bound,
Content to breathe his native air,
In his own ground.

Whose herds with milk, whose fields with bread,
Whose flocks supply him with attire,
Whose trees in summer yield him shade,
In winter fire.

Blest! who can unconcern’dly find
Hours, days, and years slide soft away,
In health of body, peace of mind,
Quiet by day,

Sound sleep by night; study and ease
Together mix’d; sweet recreation,
And innocence, which most does please,
With meditation.

Thus let me live, unseen, unknown;
Thus unlamented let me die;
Steal from the world, and not a stone
Tell where I lie.

Pope asserts that happiness can be found in living a secluded, quiet, and self-sufficient life on one’s own land, in a world of peace and tranquillity where life (as a farmer) can be disrupted by absolutely nothing. A peasant has no need for anything beyond his own land without having to undergo external or social pressures. Farming life represents an earthly paradise, and the farmer represents the epitome of a fulfilled life

Towards the end of the Ode, he expands the idea of happiness by mentioning a life filled with study, ease, and innocence.
After having lived “unseen, unknown”, he hopes to leave this world without anyone even noticing, without a stone announcing his birth and death dates.

Alexander Pope wrote this Ode in 1700, when his family had just moved to a small estate, in a little village near the Royal Forest of Windsor far from the main British towns. They had been forced to live there because of their Catholic faith: a statute prevented “Papists” from living within 10 miles (16 km) of London or Westminster. This was not the only unfortunate result of being Catholic : Pope’s formal education had to stop. However he did not give up on learning and dedicated himself to classical literature, paying particular attention to well-known poets of the time and studying many languages in order to read works by French, Italian, Latin, and Greek authors.

Alexander Pope, uno dei maggiori poeti inglesi del Settecento, nacque a Londra il 21 maggio 1688. Considerato un maestro del distico eroico (coppie di versi in rima in pentametro giambico), è noto soprattutto per la poesia satirica e dal tono discorsivo.
Nel 1700 quando aveva solo 12 anni scrisse “Ode sulla solitudine” in cui parla del suo desiderio di vivere una vita tranquilla, semplice e inosservata.

Ode sulla solitudine

Felice l’uomo i cui desideri e cure
si limitano alle poche zolle paterne
pago di respirare l’aria natia
sulla sua terra.

Le cui mandrie gli procurano latte,
i campi pane, e lana per coprirsi il gregge;
i cui alberi gli dan ombra d’estate,
e d’inverno legna.

Beato chi senz’ansia vede
serenamente trascorrer ore, mesi e anni,
in salute nel corpo e in pace nella mente
tranquillo durante il giorno,

placidamente addormentato la notte, che fonde
studio con riposo, il dolce ozio
e l’innocenza che tanto appaga.
con la meditazione.

Lasciatemi viver così, invisibile, ignorato
così lasciatemi morire, senza rimpianto
sottratto al mondo e senza una pietra
a dir dove riposo .

(trad: L.Z.)

Pope afferma che la felicità si trova nel vivere una vita ritirata, calma e indipendente sulla propria terra, in un mondo fatto di pace e tranquillità, in cui la vita (da contadino) non possa essere sconvolta da nulla. Non ha infatti bisogno di nient’altro oltre a quello che gli offre la terra, non deve subire pressioni esterne o sociali: la vita contadina si svolge in un paradiso terrestre e il contadino è l’epitome della vita appagata.
Verso la fine dell’Ode, amplia l’idea di felicità menzionando la possibilità di dedicarsi anche a studio, ozio e innocenza.
Dopo essere vissuto “invisibile, ignorato” , si augura di morire di lasciare questo mondo senza che nessuno se ne accorga senza che una pietra stia lad annunciare la sua data di nascita e morte.

Alexander Pope scrisse questa Ode nel 1700, quando la sua famiglia si era appena trasferita in una piccola tenuta, in un villaggio vicino alla foresta reale di Windsor, lontano dalle principali città britanniche. Erano stati costretti a vivere lì a causa della loro fede cattolica: uno statuto infatti impediva ai “papisti” di vivere entro 10 miglia (16 km) da Londra o Westminster. Questo non era l’unico sfortunato risultato dell’essere cattolici: l’educazione formale di Pope dovette interrompersi. Tuttavia non rinunciò assolutamente a istruirsi dedicandosi alla letteratura classica, prestando particolare attenzione ai noti poeti dell’epoca e studiando molte lingue per poter leggere opere di autori francesi, italiani, latini e greci-

Image Godfrey Kneller – portrait of Alexander Pope

63 thoughts on “Young Alexander Pope’s Solitude

  1. A wonderful post, dear Luisa. Excellent interpretation of a beautiful poem by a great poet, Alexander Pope. Great work. 😊😊. Enjoy the weekend.

    Liked by 4 people

      1. Thank you so much, dear Luisa. 😘😘🥰🥰. Lots of love and hugs to you as well. Have a fantastic Weekend🍕🏠🎉.

        Liked by 1 person

  2. I tuo articoli, Luisa🌹 sono sempre interessanti sotto il profilo strettamente culturale e storico.
    Ho notato un piccolo refuso nella traduzione del sesto verso il cui senso dovrebbe essere questo:
    Le cui mandrie gli procurano latte,
    i campi pane e il gregge lana per coprirsi.
    Scusami di questa intromissione. Dopo averlo letto, ti pregherei di cancellare il mio commento o di lasciare soltanto la prima riga. Grazie e buona serata🙏😘

    Liked by 3 people

    1. Hai fatto bene a informarmi, Marcello caro.
      Ho aggiunto una virgola sperando di rendere così il verso più chiaro. Mi ero lanciata in un chiasmo, senza capire che poteva procurare perplessità🥰🥰🥰

      Liked by 1 person

  3. Alexander Pope was absolutely right when he said that happiness in life could be found in living a scheduled , quiet , and a self- sufficient life only on one’s own land . As there peace and tranquility cannot be disrupted at all . And the best life in this world is that of a life of a farmer as he is self-sufficient and not dependent on anybody at all . Certainly farming life is an earthly paradise . We , in the modern age have forgotten all that . It is we who have made the life of the farmers quite miserable by introducing tools and technologies in the farming sector . Apart from that we have made this sector a capital intensive one which further aggravated the problem of the farmers the world over . In INDIA we have a proverb in HINDI ‘ UTTAM KHETI MADHYAM BAAN , NICH CHAKARI BHIKH NIDAN ‘ meaning by farming is the best profession and then comes business and the rest two i.e. services and beggary are the worst profession of all . In this sense Alexander Pope should be considered not only as a great poet of his times ( 17th century ) but he was a universal poet who was born on 21st May , 1688 in England . But LUISA ! Credit goes to you who has made him universal despite the fact that he was virtually persecuted simply because he was a Catholic and his family was shifted to a small village estate in the Royal Forest of Windsor, about ten miles far from the main town of London . Thanks !

    Liked by 3 people

    1. Another one of your wonderful comments, which always add value to my posts.
      I agree with you on the value that agriculture once had, and which it has now lost, and I am very grateful to you for the connection you made with Indian culture and its proverbs,
      I thank you again and wish you a nice weekend🙏🙏🙏

      Like

  4. I didn’t know anything about Alexander Pope until last year when we visited Twickenham. We stayed in the Alexander Pope Hotel which is close to the site of his villa where he built a well-known grotto. The grotto wasn’t open to the general public, but hopefully it will be next year.

    The hotel had a book about him which I was only able to skip through, and so your post has made it easy for me to understand a lot more about a man who obviously had a lot of talent and highly respected. Thanks for reminding me about him Luisa.

    Liked by 3 people

  5. Come dare torto a questo poeta inglese! Solo nel leggere i suoi versi mi sento colma di serenità. Non poteva scrivere parole più belle!!! Stasera mi ci voleva proprio una simile lettura, grazie Luisa!!! ❤

    Liked by 2 people

  6. Mai avrei scritto un’ “Ode alla solitudine”, ritenendo io che questa dovesse essere ‘elogiata’. rappresentando per me uno dei mali fuggiti (anzi quello fuggito per primo), dal vaso di Pandora, la prima donna arrivata sulla terra per vendetta di Zeus.

    A prescindere da Quasimodo, che tristemente sentenzia che “Ognuno sta solo sul cuor della terra”, oggi specialmente essa mi terrorizza, e neppure so come definirla dal momento che il concetto di solitudine è immensamente sfuggente: infatti, esiste sempre in modo diverso da uomo a uomo, e varia di continuo da periodo storico a periodo storico, stante la commessa presenza o assenza di cultura

    Di recente ho letto:

    “La caratteristica dei nostri tempi, segnati dalla solitudine che si taglia a fette anche in mezzo a una piazza gremita di folla, è proprio l’aspirazione a vivere nascosti. Ma come? – dirà il lettore, convinto di vivere in una società dove il bisogno primario è apparire, farsi notare e conoscere, transumare nella mandria. In verità, per quanto la gente si affanni per imporre il proprio ego e il mondo sia una sagra dove ogni cosa è esposta e svelata, e sebbene si viva in rete, attraverso i social network, più che concedersi una vita reale, molti accusano la stanchezza da sovraesposizione, la necessità di tirarsi fuori, la voglia di ribellarsi alle logiche perverse di un sistema che ha disintegrato l’individuo, gli ha sottratto la libertà, lo ha mutilato sul piano culturale, affettivo e sociale”.

    Rebus sic stantibus, attualizzando proprio il concetto mi sono permesso di scrivere, nella speranza di non turbare qualche lettore . . .

    UN ANZIANO . . . UN GIOVANE

    E LA LORO SOLITUDINE

    (Làthe biòsas e La rabbia)

    Che cosa possa avere fatto io,

    che nulla sono, e niente sarò,

    perché mi benvolesse tanto Dio

    al punto da godere, sì e no,

    di quanto meglio c’è a questo mondo,

    di ciò che Lui stesso ha creato

    . . . alberi . . . vento . . . cielo . . . il mar profondo,

    o che l’Uomo ha prodotto? Io, beato

    mi sento sol se guardo il Colosseo,

    la Venere di Urbino di Tiziano,

    San Pietro, il Mosè, oppur mi beo

    di Bach, Offenbach . . . o con la mano

    sfioro sul volto dell’amata un neo

    che al suo sorriso ondeggia piano piano.

    . . . Se a sera mi addormento mentre un grillo

    canta alla luna una serenata,

    per cui non mi sento più un birillo,

    ma uno cui benissimo è andata

    . . . specie se al fianco mio ci sei tu!

    Ma che dovrei chiedere di più?

    Non può chi in alto sta andar più su!

    Scordavo: se poi leggo un po’ di Dante

    di Montale o Belli, dissacrante,

    “Grazie, Dio!” sussurro ad ogni istante.

    Però, voltando pagina, ciò dico

    solo perché sono un anziano

    e più non mi interessa manco un fico

    secco del domani. Se un insano

    destino mi facesse ritornare

    a venti . . . a trent’anni — senza quella

    cultura antica che mi ha fatto amare

    in questi tempi tristi assai la bella

    armonia — ah, se mi incazzerei,

    chè non mi è stato dato alcun “valore”

    per vivere ben bene i giorni miei,

    e manco la “cultura” perché il cuore

    non fosse sempre solo . . . e manderei

    tutti a quel Paese con furore

    . . . con rabbia forse il mondo spaccherei,

    accada quel che accada, e griderei:

    “Muoia Sansone e tutti i Filistei!”

    Da giovane ciò, sì, oggi direi!

    “Non mi potete più mangiare in testa,

    fottervene di tutto e fare festa,

    politici del cazzo, a quarant’ore!

    Ma ce l’avete, ditemi, un cuore!”

    Eppur “Politica” è necessaria,

    senza di lei “un altro” il posto piglia,

    e sarà peggio! . . . Nulla quindi all’aria

    io butto . . . ed inghiotto la pastiglia!

    O bere o affogare . . . meglio bere,

    e ricordare in più tutte le sere

    “Làthe biòsas” di Epicuro,

    per non venire . . . ‘ntòn! . . . sbattuto al muro

    . . . più che in politica in società.

    Sol così trovo la serenità!

    “Vivi nascosto” è felicità,

    specie se la mia ‘lei’ con me sta

    . . . e di vedute c’è identità!

    Non solo la bellezza salverà

    il mondo, come forse alcuno sa,

    ma pure la cultura. Tutto qua.

    Dateci sotto, uhè, per carità

    voi che avete ancor giovane età!

    (Cassandro)

    Liked by 3 people

    1. Grazie 🙏🙏🙏

      Adoro questi versi che hai voluto generosamente condividere.

      Ben venga la solitudine ricercata come un attimo di sosta, un rifugio dal brusio e dal correre senza meta del mondo. Ma la solitudine che angoscia perché non c’è nessuno con cui condividere un pensiero, una gioia, un dolore è, come dici tu, uno dei peggiori mali usciti dal vaso di Pandora

      Grazie ancora per questo tuo preziosissimo apporto 🙏🌹🙏

      Like

    2. Che bella sorpresa trovarti qua Cassandro!! Bel punto di vista il tuo. Punto di vista che non avevo considerato. Grazie carissimo e grazie alla brava Luisa che riesce sempre a sorprenderci piacevolmente con i suoi vari e colti argomenti 🙂 🙂 🙂

      Like

  7. Sempre approfonditi e interessanti i tuoi articoli. Grazie di aver condiviso i meravigliosi versi di Alexander Pope. Che bella quella bellezza che risiede nella semplicità delle cose, in conformità con la natura. Quanto distante è il suo pensiero dai nostri ideali. Si può dire che siamo peggiorati? Buona serata.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s