The Sound of Silence

I have already published some posts about this song, but in this period in which I am focusing on the theme of silence I would like to propose it again. Here silence is not something solemn and celestial in which to find refuge and inspiration, but only the result of the lack of communication among people.
The Sound of Silence” was written by Paul Simon over a period of six months in 1963 and 1964 and included in Simon & Garfunkel’s album, “Morning, 3 AM”.

The Sound of Silence

Hello darkness, my old friend
I’ve come to talk with you again
Because a vision softly creeping
Left its seeds while I was sleeping
And the vision that was planted in my brain
Still remains
Within the sound of silence

In restless dreams I walked alone
Narrow streets of cobblestone
‘Neath the halo of a streetlamp
I turned my collar to the cold and damp
When my eyes were stabbed by the flash of a neon light
That split the night
And touched the sound of silence

And in the naked light I saw
Ten thousand people, maybe more
People talking without speaking
People hearing without listening
People writing songs that voices never share
No one dared
Disturb the sound of silence

“Fools” said I, “You do not know
Silence like a cancer grows
Hear my words that I might teach you
Take my arms that I might reach you”
But my words like silent raindrops fell
And echoed in the wells of silence

And the people bowed and prayed
To the neon god they made
And the sign flashed out its warning
In the words that it was forming
And the sign said “The words of the prophets
Are written on the subway walls
And tenement halls
And whispered in the sounds of silence”

“The Sound of Silence” is an oxymoron (i.e. the combination of words having opposite or very different meanings) that skilfully underlines the concept of incommunicability among people.
The song can be interpreted as a bitter satire towards the materialism: people live in darkness, in the void and pursue only material well-being, and they have forgotten the real meaning and value of life. We are lonely people, who focus on worthless things and only listen to or watch trivial things which prevent us from realising the emptiness or alienation of our lives. We have become unable to communicate deeply, as communication occurs only on a superficial and “commercial” level .
Consumerism, materialism, mass media, have taken the lead of our thoughts and desires, directing our choices, necessities and goals. Now our attention is only attracted by the Neon signs, by the neon God we have created and worship blindly.
In such a society, lacking spirituality and true meaning of life, there is no serious understanding because there is no serious communication. No one dares take the risk of reaching out to disturb the sound of silence, because when meaningful communication fails, the only sound is silence.

Ho già scritto alcuni post su questa canzone, ma in questo periodo in cui sto focalizzandomi sul tema del silenzio vorrei riproporvela. Qui il silenzio non è qualcosa di solenne e celestiale in cui trovare rifugio e ispirazione, ma solo il risultato dell’incomunicabilità tra le persone.
“The Sound of Silence /Il suono del silenzio” fu scritta da Paul Simon in un periodo di sei mesi nel 1963/1964 e incluso nell’album di Simon & Garfunkel, “Morning, 3 AM”

Il suono del silenzio

Salve oscurità, mia vecchia amica
sono venuto a parlare di nuovo con te
perché una visione dolcemente strisciante
ha lasciato una traccia in me mentre dormivo
e la visione che mi si è impiantata nel cervello
rimane ancora
nel suono del silenzio

Nei miei sogni irrequieti io vagavo da solo
per strette strade acciottolate
sotto l’alone di un lampione
sollevai il bavero per il freddo e l’umidità
quando i miei occhi furono trafitti dal flash di una luce al neon
che squarciò la notte
… e toccò il suono del silenzio

E nella nuda luce vidi
diecimila persone, o forse più
gente che conversava senza parlare
gente sentiva senza ascoltare
gente che scriveva canzoni che nessuna voci avrebbe mai cantato
e nessuno osava,
disturbare il suono del silenzio

“Scocchi” io dissi, ” non sapete
che il silenzio si espande come un cancro
ascoltate le mie parole così che io possa insegnarvi,
aggrappatevi alle mie braccia così che io possa raggiungervi”
Ma le mie parole caddero come gocce di pioggia silenziose,
e riecheggiarono nei pozzi del silenzio

E la gente si inchinava e pregava
al Dio neon che aveva creato.
e l’insegna proiettò il suo avvertimento,
nelle parole che andava componendo
e l’insegna disse “le parole dei profeti
sono scritte sui muri delle metropolitane
e dei corridoi delle case popolari
e sussurrate nel suono del silenzio

“The Sound of Silence/Il suono del silenzio” è un ossimoro (cioè la combinazione di parole con significati opposti o molto diversi) che sottolinea magistralmente il concetto dell’incomunicabilità tra le persone.
La canzone può essere interpretata come un’amara satira nei confronti del materialismo: la gente, che vive nell’oscurità, nel vuoto e insegue solo il benessere materiale, ha dimenticato il vero significato e il valore della vita. Siamo persone sole, che si concentrano su cose insignificanti e ascoltano o guardano solo cose inutili e prive di valore, che ci impediscono di renderci conto del vuoto o dell’alienazione della nostra vita. Oramai siamo diventati incapaci di comunicare profondamente, poiché la comunicazione avviene solo a un livello superficiale e “commerciale”.
Il consumismo, il materialismo, i mass media, hanno assunto la guida dei nostri pensieri e desideri, indirizzandoci nelle nostre scelte, necessità e obiettivi. Oramai la nostra attenzione è attirata solo dalle insegne al neon, al Dio neon che abbiamo creato e in cui crediamo ciecamente

In una tale società, priva di spiritualità e di significato profondo, non esiste una comprensione seria perché manca una comunicazione seria. Nessuno osa correre il rischio di allungare la mano per disturbare il suono del silenzio, quello in cui siamo immersi perché la comunicazione significativa è fallita.


Here is a cover version proposed by Experience Film :

127 thoughts on “The Sound of Silence

  1. Wow. Super duper excellent. Dear Luisa, This is such a wonderful song and the lyrics and your interpretation are fantastic, excellent. Always love reading your blogs. ♥️♥️♥️❤❤❤❤🌷🌷🌷🌹🌹🌹🌹🌹

    Liked by 4 people

  2. ‘ The Sound of Silence ‘ by Paul Simon skillfully underlines the prevailing incommunicability among the people due to the deepening effects of over consumerism , materialism and mass media on the people as such . These are virtually side effects of cultural annihilation which has silenced the neurons of the mind of common man . His mind is full of unwanted thoughts and blind worship which doesn’t have an iota of spirituality at all . In such a society where we lack in true spirituality and true meaning of life , serious communication among people is lacking considerably . So no body is ready to break the sound of the silence . The title of the poem appears to oxymoron but true to the considerable extent . Thanks Luisa !

    Liked by 5 people

      1. È così recente che sembra scritta ieri. Ossimoro è un termine che amo molto e la tua spiegazione sul testo mi ha fatto vedere sfumature che non avevo colto. Come sempre…meravigliosa Luisa!🖤

        Liked by 2 people

  3. “Hello darkness, my old friend
    I’ve come to talk with you again”

    I think that I’ve mentioned this before, but this line is Paul talking to his darkened bathroom – a place where he went to break writers block.

    Liked by 4 people

  4. Excellent post Luisa! I love this song and everything you say in your post. Most especially the last line … “No one dares take the risk of reaching out to disturb the sound of silence, because when meaningful communication fails, the only sound is silence.” We are lonely people, indeed. Love and light, Deborah.

    Liked by 4 people

  5. This is wonderful, Luisa. Thanks for sharing it with us. I’ll bore you with one stanza of a parody I wrote a few yeas ago.
    Hello Donald, my old Friend
    I’ve come to ask you once again
    Because you’ve been busy tweeting
    When you really might be sleeping
    And the anger that is roiling through your brain
    Still remains
    Within the lines of twitter

    Liked by 3 people

    1. Great, and for those who want to enjoy it in Italian here is my version:
      🎶Ciao Donald amico mio
      vengo a chiederlo anch’io
      perché non smetti di twittare
      quando potresti riposare
      e la rabbia che ti frulla nella testa
      testa e appesta
      il cinguettio…🎶

      Liked by 2 people

  6. The song broke new ground in many ways – it was one of the first songs to use full orchestration as accompaniment instead of drums, bass or other instruments. It also marked an important shift in music style that became known as folk rock – one that came to dominate American music throughout much of the decade. The most important way it broke ground though, was by helping people begin to confront their inner fears and anxieties over living through a tumultuous time like post-war America; and how scary change can be even when it’s forced upon us. This is what makes Sound of Silence such a powerful song today. The times may have changed, but fear hasn’t. And while we’re never going back to those days where no one dared disturb the sound, we still need music like Sound of Silence now more than ever. That’s why it remains so popular among fans young and old today, almost six decades after its release.

    Liked by 5 people

  7. Magnifica canzone, 👍. Complimenti, cara Luisa, perché sei riuscita con questa analisi a fare il quadro esatto di quanto è oggi la situazione in cui viviamo. Ormai non si riesce più a comunicare come si faceva una volta, guardandosi negli occhi e parlandosi. Oggi, anche se si è seduti allo stesso tavolo, per fare un esempio, ci si parla attraverso la tastiera di uno smartphone, come se si fosse distanti migliaia di chilometri invece d’essere a pochi centimetri dalle altre persone. Che brutto modo di comunicare è questo, 😢. Dove sono finiti il dialogo, la voglia di una bella chiacchierata, il raccontarsi la propria giornata, dove sono finiti? Ormai in un mondo in cui ognuno è preso solo da sè stesso non si è più nemmeno capaci di un gesto piccolo come potrebbe essere un abbraccio, una pacca sulla spalla,, una frase amica.

    Liked by 3 people

    1. Eleonora, grazie di cuore!
      Grazie per questa lucida analisi della nostra situazione attuale, quotidiana, che ci vede monadi vaganti che hanno perso la capacità di ogni contatto umano

      … e la pandemia, con i suoi distanziamenti, ha reso tutto ancor più difficile

      Liked by 2 people

      1. Grazie a te, ☺️. C’è da sperare che questo non essersi potuti abbracciare a causa del Covid, una volta finita definitivamente la pandemia, possa servirci come sprone nel futuro ad essere più umani verso gli altri, ad interagire maggiormente con chi ci è a fianco e anche un semplice abbraccio possa diventare un bellissimo gesto di condivisione, 🙂.

        Liked by 2 people

      2. Me lo auguro anch’io, Eleonora, perché la speranza non deve essere mai lasciata morire…
        Tuttavia la convinzione iniziale che “ne saremmo usciti tutti migliori” si sta pian piano sgretolando, non credi?

        Liked by 1 person

      3. La penso esattamente come te: la pandemia sembra che abbia tirato fuori il peggio delle persone e non il meglio ma, come dici giustamente tu mai lasciare morire la speranza in un futuro migliore, 🙂.

        Liked by 1 person

  8. 💜 It’s NOT!!! “Lack of Communication” EveryOne; it’s Stubborn in Conflict and Argument then WALKING 🚶🏿‍♂️ 😒 🙄 😑 😐 🙃 🚶‍♀️ AWAY!!! in Rage then Regret and Remorse, Too Proud To Offer an Olive Branch…which 🫒 😉 👍🏾 👌🏾 👏🏾 😀 🫒 is 👩 (WITCH!!! 🧙 🪄🧹) why We Have Wars between Couples 💑 and Nations on Planet Earth 🌎 ; ergo, ALL is Fair in Love and War, but Do NOT!!! Tolerate Abuse whether OBVIOUS!!! or Perceived, Walk 🚶‍♀️ 🙄 🤔 😱 🚶🏿‍♂️ 🚶 AWAY!!!

    …💛💚💙…

    Liked by 1 person

  9. Silenzio non significa sempre sì, a volte esprime la stanchezza, la voglia di non comunicare con chi non ha voglia di ascoltare, vuole avere solo ragione.
    Di solito, chi ha ragione, ha smesso di parlare da un pezzo. Che poi della ragione non so che farmene, si dice che sia dei fessi.
    Finché ho potuto, ho taciuto e ho lasciato correre, poi giorni fa, come sai, non ne ho potuto più e ho parlato. Più che altro per lui, per cercare di aprirgli gli occhi e farlo riflettere!
    Un grande abbraccio 🤗 cara Luisa! ♥️♥️♥️♥️♥️♥️♥️♥️♥️

    Liked by 3 people

    1. deve essere successo qualcosa al tuo blog, perché non riesco a collegarmi. Mi viene mandato questo messaggio
      Something unexpected happened while accessing this website. It looks like it doesn’t have an active domain connection upgrade to link the requested domain name to the WordPress.com site.

      If this is your domain name and it has recently stopped working, it’s possible that your plan or domain may have expired. Please log in to your WordPress.com account and review the status of your plan and domain.

      Liked by 1 person

  10. A great song and a great interpretation of it Luisa. May I add to that, by saying that we’re living in a world of the silent majority being afraid to speak in fear of being scorned, or worse. ‘Empty vessels make the most noise’ is a saying that is still very true today. Some people think that they can win an argument by shouting the loudest.

    Liked by 1 person

    1. I totally agree with you: we live in a world of silent majority who are afraid to speak out for fear of being despised, or worse, as you say, I would add a world that has now become indifferent because either heartless or too exposed to the tragedies that have become routine

      Like

  11. Una delle mie canzoni preferite.Grazie di averla condivisa. Purtroppo l’incomunicabilità ci ha travolti, ora più che mai. E’ paradossale se pensiamo che siamo connessi gli uni con gli altri grazie ai social praticamente in tutto il mondo. Ma tutto questo materialismo e consumismo estremo ci ha allontanati dai sentimenti, dalle amicizie e vere ed economicamente disinteressate, per cui ci ritroviamo sempre più soli persi nel suono del silenzio.

    Liked by 1 person

  12. Per quanto mi riguarda . . . . . .

    NON VEDO L’ORA
    ( Il silenzio no!)

    Non vedo l’ora che si faccia giorno,
    che luce spunti dalla mia finestra
    che possa alzarmi e guardare attorno
    la vita e sentir la sua orchestra

    suonare or compassata sinfonia
    oppur poema epico e profondo,
    o ballata piena di allegria,
    oppure Requiem da fine del mondo.

    Ma a differenza dei pezzi suonati
    dalle solite orchestre, ove scandita
    è la lunghezza dei tempi fissati

    – tanti e non più – l’orchestra della vita
    non risolve in fine ed eternati
    i suoni sono, e senza vie d’uscita…

    No, essa mai finisce di suonare.

    Per ciò l’ora non vedo d’iniziare
    con gli altri i miei strumenti ad accordare

    …almeno fino a che lo posso fare!

    Pur se ne ho prese voglio ancor sperare.

    Mai il silenzio amo ascoltare!

    (Cassandro)

    Liked by 1 person

    1. Molto bella! Mi piacciono molto i tuoi sonetti (come li definisci? Caudati?)

      PS Per la traduzione di THE SLEEP OF LOVE (him and her) penso che quella pubblicata e modificata sia la versione definitiva 👍

      Like

      1. Un sentitissimo GRAZIE a Luisa, splendente traduttrice, e a tutti gli altri commentatori.
        A disposizione completa per chi volesse una composizione su un tema ad esso interessante. Cassandro.

        Liked by 1 person

  13. the version I ‘get’ the best from is by Distrurbed, try it on for size; Wittgenstein also comes to mind, especially his reference to self-in-and-of the background noise…

    Like

  14. I always liked the version of “Sounds of Silence” from the eponymous LP in January 1966. It seems strange that the year 1966 started with this contemplative, almost innocent song. At that time there was a conventional war in Vietnam, which no one could understand anymore, but which was only a partial aspect of a much larger conflict of the systems, which had not only competed in space, but also in both earthly hemispheres struggled for supremacy.

    Liked by 1 person

    1. Many believe that the song commented on the assassination of John F. Kennedy, as Simon had begun writing it in November 1963, the month Kennedy was assassinated, even though the artist stated in an interview that he had written it when he was 21 years old, in his bathroom, where he turned off the lights to better concentrate
      Thanks a lot for your great reflections!!!

      Liked by 1 person

  15. Casa Luisa grazie di avermi pensato mi Riempie.
    il cuore davvero.
    Mio fratello più piccolo ci ha lasciato dopo quattro anni di malattia eppure è stato un colpo terribile anche se ce lo aspettavamo. Ho bisogno di silenzio, ho bisogno di pensare a lui il più piccolo il più protetto che mia mamma mi aveva affidato.
    Ti abbraccio 🌹 🌹 🌹

    Liked by 1 person

  16. Lo sai, Luisa? Quando ieri ho letto il tuo post sul silenzio, prima ancora che alla battuta di Benigni che ho citato, ho pensato a questa canzone che é una delle mie preferite. Personalmente amo di piú la versione senza percussioni, solo con la chitarra.
    Un’altra delle mie canzoni preferite é “April come she will” che compare proprio in questo disco.
    Buona serata!

    Liked by 1 person

  17. It does seem, Luisa, that the sound of North American silence has grown louder and louder since the mid-1960s.

    People are afraid to communicate because of the violence which rides under and often at the surface of our society. Everyone wants to avoid confrontation at all costs. Trump did not help. Nor physically attacking the Congress of the US. Nor Covid isolation. Nor increasing disparities of wealth, health ad opportunity among us. Nor a long list of this and that.

    There are many ways of association, however, which have existed and been expanded here since the time of de Tocqueville. Some of the under-30s use inclusive language and behaviours as if they had learned these with their mothers’ milk.

    All this helps to counter the silence, I suppose. I have hope for this even if I understand that , until such time as our economic and international financial systems have been modified and their wealth moved more and more towards social justice, the silence will persist.

    Am I misremembering or did the silence finally fall between Simon and Garfunkel also?

    Sarah

    Liked by 1 person

    1. Thank you very much, Sarah, for this interesting and profound reflection, on which I fully agree.

      As for Simon & Garfunkel, even if the fans continue to hope for one more reunion, it seems that their streets have split forever, making the silence fall between them.🙏

      Liked by 1 person

  18. IL SUONO DELLE PAROLE

    Or tutto ciò che fai lo fai col gusto
    che sia l’ultima cosa che tu fai:
    non so se ciò sbagliato sia o giusto,
    se porta grave danno ed ampi guai

    o no a questo vivere così,
    diciamo “alla giornata” or che hai
    passati i 60 anni, ed ogni dì
    potrebbe essere l’ultimo. Lo sai

    che gli altri puoi ingannare col sorriso
    col gioviale tuo modo di fare,
    allegro, serioso e assai preciso
    come se ti dovessi aspettare

    ancora tanti soli e tante lune.
    Ignorano che stai a soppesare
    puranco le parole or che la fune
    al massimo è tirata, e vuoi lasciare

    gradevole ricordo, assaporare
    paganamente il loro sapore,
    come la lingua tua stette a gustare
    col primo bacio il tuo primo amore.

    Proprio come nel jazz dove ha valore
    solo la nota ardita e ben scandita
    da chi la trae e pensa nel suo cuore
    che l’ultima può esser di sua vita,

    così pronunci tu le tue parole,
    te le arrotondi in bocca piano piano
    mentre nessuno sa quanto ti duole
    saper che pure il loro suono è vano.

    Amare “l’ultimo” è molto umano:
    l’ultimo sole, l’ultima aurora,
    l’ultima stretta sincera di mano,
    e l’ultima parola “ancora… ancora!”

    (Cassandro)

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s