The Picture of Dorian Gray: a novella/1

On 20 June 1890 the reading public began to hear about “The Picture of Dorian Gray”, Oscar Wilde’s famous tale of a young man who purchases eternal youth at the expense of his soul.
It was on that day that a shorter novella-length version of the novel was published on both sides of the Atlantic in a Philadelphia-based periodical entitled Lippincott’s Monthly Magazine, a literary publication widely distributed in both Great Britain and the United States.
The novel-length version, released as a book in April 1891, contained six additional chapters and a new “Preface”.

The previous summer the magazine’s editor, J.M. Stoddart, had arrived in London hoping to commission brand-new works of fiction that might appeal to readers.
He had invited Oscar Wilde and Arthur Conan Doyle to a dinner at the Langham Hotel in London and by the end of the meal, he had secured those authors for two new works of fiction.
At the time, both writers were already on the rise: Doyle had recently created Sherlock Holmes, and Wilde was well-known for his writings and his views on aesthetics.
Doyle, who felt honoured to to have been able to meet Oscar Wilde, wrote: “It was indeed a golden evening for me … his conversation left an indelible impression upon my mind. He towered above us all, and yet had the art of seeming to be interested in all that we could say. He had a delicacy of feeling and tact… He took as well as gave, but what he gave was unique.”

Doyle promptly submitted his work, the sequel to “A Study in Scarlet” and the second appearance of Sherlock Holmes and Dr. Watson: the novella “The Sign of the Four”, originally called “The Sign of Three” before adding one more character.

Wilde, who had been given a £200 advance for the promise of a 30,000 word-long piece, first sent a fairy tale, but Stoddart wrote back and asked for a piece twice as long. So the Irish author began writing “The Picture of Dorian Gray”, and sent the typescript in April 1890, a full seven months after having been commissioned the work.

The careers of both authors took off after that moment, making the dinner at the Langham Hotel one of literature’s most successful meetings, perhaps akin to the summer Mary and Percy Shelley spent in rainy Geneva with John Polidori and Lord Byron, inventing spooky stories to pass the time.

Note:

A novella is a piece of fiction shorter than a full-length novel but longer than a short story. It generally contains from 20,000 to 50,000 words, features fewer characters, themes and conflicts than a novel.

The English word novella , like its counterpart “novel,” derives from the Italian novella (‘novelty’) applied to the stories found in Boccaccio’s Decameron (1353), a collection of 100 tales (named novellas) told by ten people fleeing the Black Death, and taking refuge from Florence to the hills of Fiesole.

In the late 18th and early 19th century the term gained prestige and began to be established as a literary genre.

Some famous and popular novellas include Franz Kafka’s “The Metamorphosis”, George Orwell’s “Animal Farm”, Saint-Exupery’s “The Little Prince”, H. G. Wells’ “The Time Machine”, John Steinbeck’s “Of Mice and Men”, Charles Dickens’ “A Christmas Carol” and Ernest Hemingway’s “The Old Man and the Sea”.
Others are often mistakenly referred to as novels, for example:
Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde by Robert Louis Stevenson
Heart of Darkness by Joseph Conrad
The Turn of the Screw by Henry James
Death in Venice by Thomas Mann (1912)
The War of the Worlds by H. G. Wells (1898)
Armageddon 2419 C.E. by Philip Francis Nowlan

To be continued

Il 20 giugno 1890 i lettori iniziarono a sentire parlare di “Il ritratto di Dorian Gray”, il famoso racconto di un giovane che acquista l’eterna giovinezza a spese della propria anima.
Fu quel giorno che una versione più breve del romanzo di Oscar Wilde fu pubblicata su entrambe le sponde dell’Atlantico in un periodico di Filadelfia dal titolo Lippincott’s Monthly Magazine, una rivista letteraria ampiamente distribuita sia in Gran Bretagna che negli Stati Uniti.
La versione in formato romanzo, pubblicata come libro nell’aprile 1891, conteneva altri sei capitoli e una nuova “Prefazione”.

L’estate precedente il direttore della rivista, J.M. Stoddart, era arrivato a Londra sperando di commissionare nuove opere di narrativa che potessero attirare i lettori.
Aveva invitato Oscar Wilde e Arthur Conan Doyle a una cena al Langham Hotel di Londra e alla fine del pasto aveva commissionato ai due autori due nuove opere di narrativa.
All’epoca, entrambi gli scrittori erano già in ascesa: Doyle aveva recentemente creato Sherlock Holmes e Wilde era famoso per i suoi scritti e le sue opinioni sull’estetica.
Doyle, che si sentì onorato di aver potuto incontrare Oscar Wilde , scrisse: “È stata davvero una serata d’oro per me … La sua conversazione mi ha lasciato un’impressione indelebile nella mente. Torreggiava sopra tutti noi, eppure aveva il modo di sembrare interessato a tutto ciò che potevamo dire. Aveva una delicatezza di sentimenti e tatto… Ha preso tanto quanto ha dato, ma quello che ha dato è stato unico”.

In seguito Doyle presentò prontamente il suo lavoro, il sequel di “A Study in Scarlet/Uno studio in rosso” e la seconda apparizione di Sherlock Holmes e del dottor Watson: il romanzo “Il segno dei quattro”, che originariamente era stato chiamato “Il segno dei tre”, prima dell’ aggiunta di un ulteriore personaggio.

Wilde, a cui era stato dato un anticipo di 200 sterline per un pezzo di almeno 30.000 parole, dapprima inviò una fiaba. Stoddart gli rispose chiedendo un pezzo lungo il doppio. Così lo scrittore irlandese iniziò a scrivere “Il ritratto di Dorian Gray” e inviò il dattiloscritto nell’aprile del 1890, ben sette mesi dopo che gli era stato commissionato il lavoro.

Le carriere di entrambi gli autori decollarono dopo quel momento, rendendo la cena al Langham Hotel uno degli incontri di maggior successo della letteratura, forse simile all’estate che Mary e Percy Shelley trascorsero nella piovosa Ginevra con John Polidori e Lord Byron, inventando paurose storie tanto per passare il tempo.

Nota:

Una novella è un’opera più breve di un romanzo (novel in inglese) ma più lunga di un racconto. Generalmente contiene da 20.000 a 50.000 parole e presenta meno personaggi, temi e conflitti rispetto a un romanzo.

La parola inglese “novella”, come la sua controparte “novel” (romanzo), deriva dall’italiano novella (“novità”) una forma letteraria costituita da un testo breve che si propone di intrattenere il lettore raccontando fatti reali o immaginari, piacevoli, curiosi e capaci di destare interesse. Il termine fu applicato alle storie contenute nel Decameron di Boccaccio (1353), una raccolta di 100 racconti narrati da dieci persone in fuga dalla peste e rifugiatisi da Firenze sui colli di Fiesole

In Italia, evoluzione della novella è il racconto e in generale mentre la parola novella si riferisce a testi più antichi, il termine racconto fa riferimento a produzioni più recenti.

Tra la fine del XVIII e l’inizio del XIX secolo il lavoro definito dal termine inglese “novella” acquistò prestigio e iniziò ad affermarsi come genere letterario.

In tale ottica, in inglese si definiscono “novellas”:La metamorfosi” di Franz Kafka, “La fattoria degli animali” di George Orwell, “Il piccolo principe” di Saint-Exupery, “La macchina del tempo” di H. G. Wells, “Uomini e topi” di John Steinbeck, “Canto di Natale” di Charles Dickens’ e “Il vecchio e il mare” di Ernest Hemingway.
Altre sono spesso erroneamente indicate come romanzi, ad esempio:
Lo strano caso del dottor Jekyll e mister Hyde di Robert Louis Stevenson
Cuore di tenebra di Joseph Conrad
Il giro di vite di Henry James
Morte a Venezia di Thomas Mann (1912)
La guerra dei mondi di HG Wells (1898)
Armaghedon 2419 A.D. di Philip Francis Nowlan

Continua

91 thoughts on “The Picture of Dorian Gray: a novella/1

    1. Luisa ! Your story about Oscar Wilde and Aurther Conan Doyle is an expression of your deep study of literature and , of course , of your literary flight . Nice in all respects . Beautiful literature-wise . But you have started your story with a story/novella by Oscar Wilde ‘ The Picture of Dorian Gray ‘ in which a young man purchases eternal youth at the expense of his soul . Soul actually is unimportant at an age one attains youth . At that time one’s youth is an important aspect of the human flight . Talk about the Soul is for the old man because it could be seen at the age of one’s being old . Have you ever seen Soul anywhere in this world roaming ? Nobody can answer this question . Simply because it is a concept for old . Youth believes in teens and teens only . Thanks for your comparative literary presentation .

      Like

      1. Thank you for your valid considerations on beauty, youth, old age and inwardness.
        I agree with you: reflecting on ourselves, talking with our soul is above all for the elderly.
        Young people also believe that love is only their prerogative

        Like

      2. Thanks !

        On Mon, 20 Jun 2022, 17:53 words and music and stories, < comment-reply@wordpress.com> wrote:

        luisa zambrotta commented: “Thank you for your valid considerations on > beauty, youth, old age and inwardness. I agree with you: reflecting on > ourselves, talking with our soul is above all for the elderly. Young people > also believe that love is only their prerogative” >

        Liked by 1 person

    1. Wow! Wow! Wow! You are a storehouse of incredible knowledge and the way you present your article is so awesome that I am always impressed with every single post. The legendary,Oscar Wilde and Sir Arthur Conan Doyle, the greatest figures in English Literature , are my absolute favorites. Thank you soooo much for this information. 😘😘🥰🥰🥰😍😍🥰♥️♥️♥️♥️🌹🌹🌹🌹

      Liked by 1 person

      1. Thanks !

        On Mon, 20 Jun 2022, 18:10 words and music and stories, < comment-reply@wordpress.com> wrote:

        aparna12 commented: “Wow! Wow! Wow! You are a storehouse of incredible > knowledge and the way you present your article is so awesome that I am > always impressed with every single post. The legendary,Oscar Wilde and Sir > Arthur Conan Doyle, the greatest figures in English Literat” >

        Liked by 1 person

      2. Thanks !

        On Mon, 20 Jun 2022, 18:33 words and music and stories, < comment-reply@wordpress.com> wrote:

        luisa zambrotta commented: “Thank you for reading and commenting, dear > Aparna, [image: 🙏] I’m glad that you enjoyed this post. It always means > a lot [image: 💓] I wish you a happy new week [image: 🦋][image: 🌸]” >

        Like

  1. Ho sempre adorato Oscar Wilde, Il ritratto di Dorian Gray è una perla.
    Lessi anche il De profundis, di genere ed argomento molto più complicati.
    Un abbraccio cara Luisa! 🥰🤗❤😍🌹

    Liked by 2 people

    1. Vero, ma se si è invitati forse si può essere esentati dalle preoccupazioni 😉😉😉
      Sai che in alcuni ristoranti, se si va in coppia, alle signore viene porto un menu che non riporta i prezzi ???

      Like

  2. “Il ritratto di Dorian Gray” è uno dei pochissimi libri che ho mollato dopo poche pagine ma voglio fare un nuovo tentativo e magari scaricarlo tra i libri da acquistare, 😉. Alle medie ho letto “Il piccolo principe” e devo dire che l’ho trovato un libro bellissimo, 😍. Un altro libro che mi piacerebbe leggere è “La guerra dei mondi”: dopo aver visto tante volte il film interpretato da Tom Cruise (l’abitudine di guardare prima il film e poi leggere il libro è dura a morire, 😁) mi piacerebbe leggere anche il libro, 😉.

    Liked by 2 people

  3. Esatto è ciò che hai detto su,Luisa: “i giovani credono che l’amore sia solo una loro prerogativa”
    DIALOGO GENERAZIONALE
    — “Donna sopra i cinquanta che ancor stai
    a lavorare al Ministero, in ditta,
    in banca oppure a scuola, o che fai
    l’avvocato o il medico, in soffitta
    . . . o in mansarda! . . . è bene che andassi . . .
    comunque fuori . . . e il posto di lavoro
    lasciassi a me che per età sorpassi
    più di due volte . . . ed ho capelli d’oro
    . . . veri però . . . non porto ancora occhiali,
    chè presbite non posso essere certo,
    e tengo il passo, tipo gli animali,
    elastico e veloce . . . e no sofferto
    come chi dopo tanti anni vuole
    ancora lavorare per comprarsi
    più abiti griffati . . . Pure il sole
    nel mare prima o poi deve tuffarsi.
    Tu fallo ora in modo che le viole
    e i gigli da quel sol non siano arsi.
    Scusami se ti dico queste cose
    ma aiuta a far sbocciare nuove rose,
    quelle che fra un po’ andranno spose
    ed hanno in cuor di amore una gran dose”
    ° ° °
    — “Perchè scusarti, sconosciuta amica,
    che per la strada vai scodinzolando
    e fai la morale a questa antica,
    . . . ma vecchia no . . . lavoratrice? Quando
    incominciai io a lavorare,
    me lo sognavo tutto ciò che tu
    solo a vent’anni fai: vai al mare,
    ai monti . . . hai la mini, e per di più
    studi quando ti va e sempre che
    non sia troppo pesante . . . Tu non vedi
    altri che te, te sola, e quindi a me
    tu non la dài a bere . . . Lotta . . . credi . . .
    Nulla ti è dovuto . . . E poi, perchè?
    . . . non sei quella che in tram . . . mi lascia in piedi?
    Anch’io posso amar, non solo tu,
    l’Anima mia ben vola in cielo blu!
    Coi tuoi capelli e il passo di gazzella
    a me non mi ci fai fessa . . . Ah, bella!”
    ( Cassandro)

    Liked by 2 people

    1. Thank you for your feedback, Ruth!
      I had also thought a lot about the beauty and importance of that meeting, I wish I had been a fly, or better still an elegant butterfly, to flit around them and enjoy their conversation 🦋

      Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s