The Picture of Dorian Gray: a novella/2

➡️ Part 1

When J.M. Stoddart finally received Oscar Wilde’s novella “The Portrait of Dorian Gray” and began reading it, he was immediately impressed by the literary merits of the work . But there were some aspects that left him much less enthusiastic, indeed, decidedly perplexed. He told the publisher, George Lippincott, that the story contained a number of things not suitable for “an innocent woman”, but assured him that he would try to make the book “ acceptable to the most fastidious taste”.
Therefore, to make sure that the story would not offend his readers’ sensibilities, Stoddart deleted around five hundred words, especially homosexual content, without Wilde’s knowledge prior to publication.

Even so censored, the story received a very controversial reception, for its sexually suggestive and homoerotic content, which had already been significantly reduced by Stoddart.
The novella was considered indecent by various British book reviewers, to the point that some of them claimed that its author deserved prosecution for violating the laws guarding public morality. This prompted Wilde to send letters to the press to defend his work.

Most of the criticism seemed personal, attacking Wilde for his free and hedonistic attitude, with values that deviated from the conventionally accepted morality of Victorian Britain.
One reviewer even refused to describe its contents because he did not wish to “advertise the developments of an esoteric prurience”.
Another claimed that the novella contained “one element … which will taint every young mind that comes in contact with it”.
Another defined it “a tale spawned from the leprous literature of the French Decadents – a poisonous book, the atmosphere of which is heavy with the mephitic odours of moral and spiritual putrefaction,” showing a ferocious Francophobia against the decadent “yellow book” that Lord Henry gave Dorian to recruit him to his belief in Art.
In short, the book was described as ” sickening “, “vicious,” ‘mawkish and nauseous”,” unclean “,” effeminate “and ” contaminating “.

One reviewer called it suitable for “none but outlawed noblemen and perverted telegraph boys” in an attempt to link the novel to the previous year’s Cleveland Street affair.

That scandal began unintentionally in July 1889 when, investigating a theft at the London Central Telegraph Office, the police found that a fifteen-year-old telegraph boy was in possession of fourteen shillings, corresponding to several weeks of his wages. Suspecting his involvement in the theft, he was questioned. And what did the police find out? The boy, accused of stealing, was forced to confess that the sum was the equivalent of some sexual services (at four shillings each) earned by “sleeping with gentlemen” at the Cleveland Street house of assignation. It was a male brothel near Tottenham Court Road, which supplied boys from the Post Office to have sex with aristocratic gentlemen. The authorities successfully managed to delay the investigation until many gentlemen could flee the country, even though the press later accused the government of covering up the scandal to protect the names of aristocrats and other wealthy and prominent personalities.
At the time, sexual acts between men were illegal in Britain, and the brothel clients faced prosecution and certain social ostracism if discovered.
It was also rumoured at the time that Prince Albert Victor, the second in line to the throne, was involved in the scandal and that he left the country soon afterwards, but no concrete evidence emerged to prove his involvement.

The criticisms addressed to Wilde’s story did not spare even the publisher of the magazine: it was written that Lippincott should be “ashamed to circulate such filth”

Due to all this controversy , the retail chain WH Smith, then Britain’s largest bookseller, withdrew every copy of that issue of Lippincott’s Monthly Magazine from its bookstalls in railway stations.

To be continued

➡️ Prima parte

Quando J.M. Stoddart finalmente ricevette “Il ritratto di Dorian Gray” di Oscar Wilde e iniziò a leggerlo, fu subito colpito dl valore letterario dell’opera. Tuttavia c’erano alcuni aspetti che lo lasciavano molto meno entusiasta, anzi, decisamente perplesso. Infatti comunicò all’editore, George Lippincott, che la storia conteneva una serie di cose non adatte a “una donna innocente”, ma gli assicurò che avrebbe cercato di rendere il libro “accettabile ai palati più esigenti”.
Pertanto, per fare in modo che la storia non offendesse la sensibilità dei lettori, Stoddart si mise d’impegno e cancellò circa cinquecento parole, in particolare con riferimenti omosessuali, senza che Wilde ne sapesse nulla.

Anche così censurata, però, la storia ricevette un’accoglienza molto controversa, per il suo contenuto sessualmente allusivo e omoerotico, anche se era già stato notevolmente ridotto da Stoddart.
La novella fu considerata indecente da vari critici britannici, al punto che alcuni di essi sostennero che l’autore meritava un procedimento giudiziario per aver violato le leggi a tutela della moralità pubblica. Questo spinse Wilde a inviare lettere alla stampa in difesa del suo lavoro.
Molte delle critiche erano, tuttavia, attacchi personali a Wilde per il suo atteggiamento libero ed edonista, che non si lasciava imbrigliare dalla rigida e ipocrita moralità dell’Inghilterra vittoriana.

Un recensore si rifiutò di descriverne il contenuto perché non desiderava “pubblicizzare gli sviluppi di una lascivia esoterica”.
Un altro affermò che il romanzo conteneva “un elemento … che contaminerà ogni giovane mente che verrà in contatto con esso”
Uno ancora lo definì “un racconto generato dalla letteratura lebbrosa dei Decadenti francesi – un libro velenoso, la cui atmosfera è carica degli odori mefitici della putrefazione morale e spirituale”, mostrando una feroce francofobia contro il decadente “giallo libro” che Lord Henry dà a Dorian per convincerlo della sua fede nell’Arte.
In breve, il libro fu bollato come “disgustoso”, “vizioso, “sdolcinato e nauseante”, “impuro”, “effeminato” e “contaminante”.

Un recensore lo dichiarò adatto a “nient’altro che nobili fuorilegge e fattorini di posta perversi” nel tentativo di collegare il romanzo all’affare di Cleveland Street dell’anno precedente.
Quello scandalo ebbe inizio involontariamente il 4 luglio 1889 quando, indagando su di un furto avvenuto al London Central Telegraph Office , l’Ufficio postale centrale di Londra, la polizia trovò che un fattorino quindicenne era in possesso di ben18 scellini che corrispondevano a diverse settimane del suo stipendio. Sospettando il suo coinvolgimento nel furto, la polizia si trovò sul punto di incriminarlo. E cosa disse il ragazzo per scagionarsi?
Fu costretto a confessare che la somma era l’equivalente di alcune prestazioni sessuali (a quattro scellini l’una) guadagnata “andando a letto con dei signori” presso la casa di appuntamenti di Cleveland Street. Si trattava di un bordello maschile nei pressi di Tottenham Court Road, che forniva ragazzi dell’ufficio postale per fare sesso con vari aristocratici.
Con estremo successo, le autorità fecero in modo di ritardarono le indagini fino a quando molti di quei gentiluomini non riuscirono a fuggire dal paese, anche se poi la stampa accusò il governo di aver insabbiato lo scandalo per proteggere i nomi di aristocratici e altri personaggi ricchi e importanti.
A quel tempo, gli atti sessuali tra uomini erano illegali in Gran Bretagna e i clienti del bordello avrebbero dovuto affrontare procedimenti giudiziari e un certo ostracismo sociale, se scoperti.
All’epoca si diceva anche che il principe Alberto Vittorio, il secondo in linea di successione al trono, fosse coinvolto nello scandalo e che poco dopo lasciò il paese, ma non emersero prove concrete a dimostrare il suo coinvolgimento.

Le critiche rivolte alla novella di Wilde non risparmiarono neppure l’editore della rivista: fu scritto che Lippincott avrebbe dovuto “vergognarsi di far circolare” tale sporcizia
A causa di tutte queste polemiche, la catena di vendita al dettaglio WH Smith, allora il più grande libraio della Gran Bretagna, ritirò ogni copia di quel numero del Lippincott’s Monthly Magazine dai suoi chioschi nelle stazioni ferroviarie.

continua

43 thoughts on “The Picture of Dorian Gray: a novella/2

  1. It’s interesting because it raises a wider question. Given that the reviews were so tainted, how far should we trust other contemporary reviews? After all, they will have been written with similar prejudices?

    And even earlier? Societies become more liberal with time, not less, so how much can we trust earlier reviews (of pretty much anything)?

    Liked by 1 person

  2. I went through you the contents of Novella called ‘ The Potraite of Dorian Gray ‘ by Oscar Wilde published in the magazine called Lippincott’s . Despite the fact that about five hundred objectionable words , having sexual contents , had been deleted by J.M. Stoddard without prior consent of the writer of the Novella , Oscar Wilde and send it to the publisher Lippincott , the Oscar Wilde was vehemently criticized by the critics and reviewers for promoting sexual contents against the public morality and not suitable for innocent women as such . So the demand for prosecution of Oscar Wilde was raised . The Novella was considered as indecent due to sensuous and homoserotic contents by many British book reviewers of that times . This prompted Oscar Wilde to send a letter to the press defending his book . Personal attacks included Wilde having free and hedonistic attitude , that’s why his work was against the conventionally accepted morality of Victorian Britain . But the moot question still arises as to what to be accepted — the facts of the true incidents or it being covered up on the name of morality and public order . Thanks Luisa for bringing before us such a critical and analytical story about a Novella written by Oscar Wilde .

    Liked by 1 person

    1. Thank you for another interesting comment- –
      Unfortunately morality, in the Western world, and especially in Victorian England, is often based only on external attitudes, which do not always correspond to what people think or do in private or in secret-
      Is it the same in other parts of the wold?

      Like

  3. Wow. Very interesting article on Oscar Wilde’s controversial book, ”The Portrait of Dorian Gray”. It was very difficult to express your opinion those days. Thank you so much for such a well researched, fantastic article. Loved it so much❤❤❤❤😊😊😊😊

    Like

  4. Capisco che i tempi erano quelli che erano ossia retrogadi, ma sono dell’avviso che s3 un qualcosa offende nel leggerlo Co e all’ora oggi, non leggerlo anziché metterti ad infamante e il contenuto e l’autore!!! Buon proseguimento di serata carissima Luisa 😘

    Liked by 1 person

  5. In view of what is allowed now, Luisa, the revelations of criticism Oscar Wilde endured seem funny. I have all his works and love especially his stage masterpieces and his quotes, “No good deed goes unpunished.”

    Joanna

    Liked by 1 person

      1. Temo in realtà di averne parlato troppo.
        Non sono solito avere attenzioni su di me, ma in effetti non avevo molti altri argomenti di cui parlare, per cui mi sono trovato a scriverne oltre le mie intenzioni.
        Sul fatto di essermi ammalato, credo dipenda dal fatto che comunque la terza dose l’ho fatta 6 mesi fa, e la sua forza di protezione nei mesi cala. Altrimenti non saprei, davvero.

        Liked by 1 person

  6. Il desiderio di non invecchiare esiste nell’essere umano fin dai tempi dei tempi (E il Faust di Goethe ne è la rappresentazione più sconvolgente).

    Solo per notizia e per scherzarci un po’ su — dato che il tema da te compiutamente proposto è stato degnamente ed efficacemente analizzato da parte dei tuoi preparatissimi commentatori — questo problema del “Vecchio no, giovane sempre!” l’ho trattato fin da quando alla fine di questo secolo — ero giovane anch’io — scrivevo ancora in dialetto siciliano-

    VIAGGI ALL’ESTIRU
    O VINNIRI L’ANIMA

    Iù vecchiu non ci vogghiu addivintari,
    non tantu ppi n’ addivintari vecchiu,
    ma picchì ‘u vecchiu ‘n casa non pò stari
    o ci sta quantu ‘a monaca ‘nto specchiu.

    A dritta . . . a manca . . . è costrettu a gghiri,
    ora ‘nta figghiu . . . ora ‘nta ‘na figghia
    . . . t’ ‘u ‘mmàggini a sò casa, unni si vidi
    sulu, comu patata quann’ aggigghia!

    “Cchi camurria ‘stu vecchiu di tò patri!”
    dici tò nora a lu tò figghi’ amatu,
    “Cchi vaju ‘sta vicchiazza di tò matri!”
    suspira lu tò jennuru ‘ncazzatu.

    Ma menu mali cco rimediu c’è,
    e prim’ ancora ca tu pigghi ciatu
    . . . valiggia . . . scappi ‘i tennis e . . . ahimè!
    ‘n bigliett’ aereu . . . Mosca – Leningratu!

    P. S.

    ‘U tempu passa puri ‘n puisia,
    ca Leningratu, ppi chiddu ca sentu,
    or’ è “San Petr’ o’ Buggu” . . . ‘A giografia
    . . . macari idda, uhè! . . . nun havi abbentu!

    Chiù facili ppi mia avissa statu
    s’avissi fattu dda granni pinsata,
    ca fici Dorian Grey . . . Morsi dannatu,
    ma pi tant’anni fici vita aggiata,

    e ‘u piccatu ‘nto quatru era stampatu!

    Ci hava pinsari quannu era picciottu
    e l’anima era menu di ‘n viscottu:

    nun avissi chiù vecchiu addivintatu
    e a pidati ‘n culu arruzzuliatu.

    (Cassandro)

    Ed ecco la traduzione nella lingua italiana, ora pur’essa maltrattata come viene detto nel recente post di Vitty

    VIAGGI ALL’ESTERO
    O VENDERE L’ANIMA

    Io vecchio non ci voglio diventare,
    non tanto per non diventare vecchio
    ma perchè il vecchio in casa non può stare
    o ci sta quanto (sta) una monaca davanti allo specchio.

    A destra . . . a sinistra . . . è costretto ad andare,
    ora a casa di un figlio . . . ora a casa di una figlia
    . . . te lo immagini nella sua casa, dove si vede
    solo, come patata quando fa i germogli!

    “Che seccatura questo vecchio di tuo padre!”
    dice tua nuora al tuo figlio amato,
    “che guaio questa vecchiaccia di tua madre!”
    sospira il tuo genero incazzato.

    Per fortuna il rimedio c’è,
    e prima ancora che tu possa pigliare fiato
    . . . valigia . . . scarpe di tennis e . . . ahimè!
    un biglietto aereo . . . Mosca – Leningrado!

    P. S.

    Il tempo passa pure in poesia,
    chè Leningrado, per quello che sento,
    ora è “San Pietro al Borgo” . . . La geografia,
    pure essa . . . uhè! . . . non ha tranquillità!

    Più facile per me sarebbe stao
    se avessi preso la grande decisione
    che prese Dorian Gray . . . Morì dannato
    ma per tanti anni trascorse vita felice,

    e il peccato in un quadro soltanto veniva stampato

    Avrei dovuto pensarci quando ero giovane
    e l’anima valeva meno di un biscotto.

    Non sarei più divetato vecchio
    e a calci nel sedere non sarei stato sospinto a destra e a manca

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s