Microstoria/Flash Fiction

Newwhitebear nel post Compagnia per l’estate – 1 – La danza ha proposto un  mini racconto  di non più di 200 parole sul tema: “La danza”.

Ecco il mio:

Ancheggiava felice lanciata e poi ripresa tra le braccia di lui. Quando i corpi si univano, sentiva il suo cuore battere veloce contro quello di lui. Comunicava con lei, come le parlavano le mani con quel loro linguaggio che richiedeva solo di essere assecondato
Goccioline di sudore gli brillavano sulla fronte: anche lei sapeva di essere ormai madida. Ma non poteva smettere, non voleva smettere fino a quando la musica non fosse ammutolita. Erano di una sensualità ossessionante, quei pezzi, una sensualità che la trivellava penetrandola dalle orecchie e da tutti i pori e arrivando al cuore e al cervello. Ormai era solo una farfalla volteggiante.
Poi sarebbero tornati a sedersi, avrebbero bevuto una bibita rinfrescante, e poi ancora sulla pista a sfinirsi in quell’emozionante piacere.
E anche la notte avrebbe continuato a udire quella musica, le sarebbe ancora parso di ballare la lambada, con la coscia di lui agganciata alle sue a dettare un ritmo che lei avrebbe saputo di nuovo assecondare.

Se vi fa piacere inviate il vostro, che verrà aggiunto qui sotto  ⤵️

Gian Paolo

I signori danzano. I domestici portano l’ombrello. La pioggia danza con loro e loro danzano con lei.
Scende e sale la musica che ci avvolge nel suo velo sonoro. Colori e gocce. Il quadro è appeso alla parete.
Che c’è di tanto strano? Forse non hai visto una coppia che volteggia mentre qualcuno li segue con l’ombrello?
Fermati e ascolta. Guarda e pensa. Cosa vedi in quel quadro?
Nulla dice l’uomo, che pare infastidito. Lo strattona ma lui resta lì incantato dai suoni e dai colori. E vola la fantasia.
Sognano gli occhi incantati di un fanciullo che ci osserva.

Newwitebear proposed a very short story of no more than 200 words on this theme: “Dance”.

Here’s how I tried to translate mine

She was swaying happily in his arms in a flowing wave motion. As their bodies joined, she could feel her heart beating fast against his. It communicated with hers, as his hands spoke to hers with that language of theirs that only required to be indulged.
Droplets of sweat glistened on his forehead: she too felt she was wet by now. But she couldn’t stop, she didn’t want to stop until the music fell silent. Those songs were obsessively sensual, a sensuality that pierced her, penetrating her ears and every pore and reaching her heart and brain. She was now just a fluttering butterfly.
Then they would go back to their table, drink a cold drink, and then again on the dance floor to exhaust themselves in that exciting pleasure
And even at night she would still continue to hear that music, she would still feel like she was dancing the lambada, with his thigh hooked to hers to dictate a rhythm that she would be able to follow again and again.

If you like, write yours in the comments: it will be added below ⤵️

Daphny Aqua:

It was a long gloomy day for Cynthia, she was in no mood of anything, just lied down on her bed all day long. She tried her best to get up and do something productive but it seems her body was unwilling to get up anytime soon, she couldn’t quite understand herself what was wrong. Sometime around noon her friends came over, seeing her so down and depressed they finally forced to get her out of bed. They knew her love for water so they forcefully took her down the river somewhere close to place they live. The way down there Cynthia told her friends that it wasn’t going to work, she wouldn’t get any better even after they get there, she complained the whole way while her friends reminds her how much she loves the water and how she comes alive whenever she’s in it. When they reach the spot they all went out and directly inside the water, her friends where right all along; it seems like the water knows the beat of her rhythms and she of the water. All gloominess of her gone in spilt of seconds, now she was dancing in tune of the river with pure joy in her face not wanting to get out of there anytime soon.

Image; http://clipart-library.com/clipart/1081744.htm

86 thoughts on “Microstoria/Flash Fiction

    1. Wow. Fantastic, dear Luisa. I have never tried writing a story in 200 words. Thank you so much for this lovable micro story. Enjoyed reading it. Your post also gave me an idea to try writing a mini story like this. 🥰🥰🥰🥰 ♥️♥️♥️♥️♥️

      Liked by 2 people

      1. Luisa ti ringrazio, non mi sento all’altezza di scrivere un racconto così bello!!! Scrivo di cose che conosco, e al massimo qualche storiella per bambini, ma piccolini che non mi danno soggezione!!! 🙂

        Liked by 1 person

      2. Ti dirò… ho ballato poco perchè mio marito non ama ballare. Da bambina sognavo di fare la ballerina sulle punte, infatti sfondavo tutte le punte delle scarpe perchè camminavo come se avessi le scarpette. Ma nessuno ha mai ascoltato i miei desideri, poi ci sono stati altri pensieri. Però mi hai dato un’idea e un post potrei anche scrivercelo!!! Grazie della fiducia, per me vuol dire molto 🙂 ❤

        Liked by 1 person

      1. It was a long gloomy day for Cynthia, she was in no mood of anything, just lied down on her bed all day long. She tried her best to get up and do something productive but it seems her body was unwilling to get up anytime soon, she couldn’t quite understand herself what was wrong. Sometime around noon her friends came over, seeing her so down and depressed they finally forced to get her out of bed. They knew her love for water so they forcefully took her down the river somewhere close to place they live. The way down there Cynthia told her friends that it wasn’t going to work, she wouldn’t get any better even after they get there, she complained the whole way while her friends reminds her how much she loves the water and how she comes alive whenever she’s in it. When they reach the spot they all went out and directly inside the water, her friends where right all along; it seems like the water knows the beat of her rhythms and she of the water. All gloominess of her gone in spilt of seconds, now she was dancing in tune of the river with pure joy in her face not wanting to get out of there anytime soon.

        Liked by 1 person

  1. La lambada rende accettabile qualunque cosa e qualunque situazione

    L A M B A D A

    Più tempo passa e più penso alla morte,
    così…come pensassi ad un’amica…
    d’altronde prima o poi avrò la sorte
    d’imbattermi in questa dama antica.

    Chissà come sarà?…Chissà in che modo
    mi accoglierà?…Chissà, potrebbe anche…
    essere bella…con il corpo sodo…
    capelli scuri sulle carni bianche.

    Che costa a me pensarla affascinante
    come le donne che spesso per strada
    vengono incontro a me?…sguardo sognante,

    fatto di ciglia lunghe e occhi di giada…
    Se è così…l’aggancerò all’istante
    nel passo più osè della lambada.

    (Sergio Sestolla)

    Liked by 1 person

  2. La lambada rende accettabile qualunque cosa e qualunque situazione

    L A M B A D A

    Più tempo passa e più penso alla morte,
    così…come pensassi ad un’amica…
    d’altronde prima o poi avrò la sorte
    d’imbattermi in questa dama antica.

    Chissà come sarà?…Chissà in che modo
    mi accoglierà?…Chissà, potrebbe anche…
    essere bella…con il corpo sodo…
    capelli scuri sulle carni bianche.

    Che costa a me pensarla affascinante
    come le donne che spesso per strada
    vengono incontro a me?…sguardo sognante,

    fatto di ciglia lunghe e occhi di giada…
    Se è così…l’aggancerò all’istante
    nel passo più osè della lambada.

    (Sergio Sestolla)

    Liked by 1 person

      1. Ich auch !!Grazie mille… Quando impari una lingua straniera, alleni il tuo cervello, quindi imparare a parlare è anche un salutare beneficio per il nostro cervello
        e lo faccio da qualche anno

        Liked by 1 person

  3. L A M B A D A

    Più tempo passa e più penso alla morte,

    così . . . come pensassi ad un’amica . . .

    d’altronde prima o poi avrò la sorte

    d’imbattermi in questa dama antica.

    Chissà come sarà? . . . Chissà in che modo

    mi accoglierà? . . . Chissà, potrebbe anche . . .

    essere bella . . . con il corpo sodo . . .

    capelli scuri sulle carni bianche.

    Che costa a me pensarla affascinante

    come le donne che spesso per strada

    vengono incontro a me? . . . sguardo sognante,

    fatto di ciglia lunghe e occhi di giada . . .

    Se è cos . . . l’aggancerò all’istante

    nel passo più osè della lambada.

    (Sergio Sestolla)

    Like

  4. Luisa l’amico Sergio Sestolla ha cercato di inserire una sua composizione in questo post ma non c’è riuscito. In un commento da me, ha chiesto di inserirla a nome suo. Spero ti farà piacere! Ciao!!!

    L A M B A D A

    Più tempo passa e più penso alla morte,
    così . . . come pensassi ad un’amica . . .
    d’altronde prima o poi avrò la sorte
    d’imbattermi in questa dama antica.

    Chissà come sarà? . . . Chissà in che modo
    mi accoglierà? . . . Chissà, potrebbe anche . . .
    essere bella . . . con il corpo sodo . . .
    capelli scuri sulle carni bianche.

    Che costa a me pensarla affascinante
    come le donne che spesso per strada
    vengono incontro a me? . . . sguardo sognante,

    fatto di ciglia lunghe e occhi di giada . . .
    Se è così . . . l’aggancerò all’istante
    nel passo più osè della lambada.

    Sarà bello così “chiamarsi fora”,
    e fottersene della Accabadora!

    (Sergio Sestolla)

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s