Computers

On 29 July 1947, ENIAC, the world’s first digital computer, was reactivated after a memory upgrade.
ENIAC, short for “Electronic Numerical Integrator and Computer”, was the first programmable, electronic, general-purpose digital computer, developed for the U.S. Army and completed in 1945.
In 1946, it was shut down for a refurbishment and a memory upgrade, and it was transferred to Aberdeen Proving Ground, Maryland , where it was turned on again on 29 July 1947.
Now capable of around 5,000 calculations per second, ENIAC was a thousand times faster than any other machine.
It remained in continuous operation until 1955.

From an IBM maintenance manual (1925):

“All parts should go together without forcing. You must remember that the parts you are reassembling were disassembled by you. Therefore, if you can’t get them together again, there must be a reason. By all means, do not use a hammer.

Il 29 luglio 1947 ENIAC, il primo computer digitale al mondo, fu riattivato dopo un aggiornamento della memoria.
ENIAC, abbreviazione di “Electronic Numerical Integrator and Computer” (“calcolatore elettronico e integratore numerico”), fu il primo computer digitale programmabile, elettronico e general purpose (per tutti gli usi), sviluppato per l’esercito degli Stati Uniti e completato nel 1945.
Nel 1946 fu chiuso per una ristrutturazione e un aggiornamento della memoria, fu trasferito ad Aberdeen Proving Ground, nel Maryland, dove divenne nuovamente operativo il 29 luglio 1947.
Ora in grado di effettuare circa 5.000 calcoli al secondo, ENIAC era mille volte più veloce di una qualsiasi altra macchina.
Rimase in funzione fino al 1955.

In un manuale di manutenzione IBM (1925) si legge:

“Tutte le parti dovrebbero andare insieme senza forzare. Devi ricordare che le parti che stai rimontando sono state smontate da te. Pertanto, se non riesci a riunirle di nuovo, ci deve essere un motivo. In ogni caso, non usare il martello”.

54 thoughts on “Computers

  1. How technology has grown. I love the reassembly instructions (obviously aimed at men). I did a prank photo of me at my work computer one day when I had 5 hammers in my hands. I entitled it as “Hit any Key.” Computers are a blessing and a curse. Happy Friday Luisa. Allan

    Liked by 1 person

  2. L’informatica e il mondo dei computer ha fatto e continua a fare passi da gigante: ormai con i device si fa tutto e hanno semplificato tantissimo la vita di tutti i giorni… anche se quando s’impallano qualche accidente può scappare, 😁😁.

    Liked by 1 person

    1. This is what usually happens to me too, when I try to repair something, So I was “kindly” asked by my sons not to repair anything because then they have to do double work, if they can remedy my damage.😉

      Liked by 1 person

      1. |Well, the thing I have aye repaired everything and built a lot of things too, except plumbing, which is why I thought, ‘ That tray needs a clean, why don’t I remove it……..???’

        Liked by 1 person

  3. E preistoria sia!
    Scritta ai tempi in cui il personal computer cominciava a fare
    i primi ingressi nelle case private

    P E R S O N A L C O M P U T E R ( Lei )

    Non son certo romantica, lo sai,
    e l’amo questo mondo d’elettronica,
    di video-clip, di byte, overlay
    . . . e accetto anche l’accento oltre la tonica.

    La storia deve pur fare il suo corso,
    e se t’opponi . . . beh, cavoli tuoi!
    . . . per me ci sto . . . non ho questo rimorso . . .
    almeno questo, no. Ma tu non puoi

    buttartici così . . . a capofitto!
    . . . contro natura è poi quel fatto lì.
    Ti prego, non difenderti . . . sta’ zitto! . . .

    non la sopporto questa cosa qui:
    ricever poesie che hai scritto
    con un freddo programma sul pc.

    O dentro o fuori . . . ogni cosa ha un costo:
    fàmmele a mano . . . o pigliala in quel posto!

    (Cassandro)

    Liked by 1 person

  4. La pagina del manuale IBM potrebbe far ridere ma in realtà era quello che succedeva quando qualcosa non andava. Una martellata a una scheda e come per incanto il mainframe – si chiamavano allora quegli enormi scatoloni rumorosi e che sembravano un albero di Natale per via delle luci lampeggianti – riprendeva a funzionare. L’ho visto fare tante volte dai tecnici di manutenzione. Sono nato professionalmente con quegli enormi scatoloni.

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s