Notte della Taranta 🕷️ Night of the Tarantula

The Night of the Tarantula (La Notte della Taranta) is a music festival that takes place every year in Salento, Apulia, (Italy),and one of the most significant manifestations on popular culture in Europe.
Since its beginnings in 1998, the event, which celebrates the importance of the folk music tradition of Tarantella and Pizzica, has grown exponentially bringing tens of thousands of tourists to the area and making Salento synonymous with pizzica, just as Argentina means tango.
The final concert took place on 28 August 2022.

Tarantella one of the most recognized forms of traditional southern Italian music and is characterized by a fast upbeat tempo, accompanied by tambourines.
Pizzica belongs to the tarantella family in the Salento area, and it is a variant with even stronger and wilder rhythms. The lyrics are usually in Salentino and Griko, dialects spoken here that date back to the Greeks who colonized the area long before the Romans arrived (Southern Italy was called Magna Graecia, the Greater Greece).

Tarantella derives its name from the bite of a poisonous spider, the tarantula.
According to legend, women claimed they had been bitten by a tarantula, becoming “tarantolate”, possessed, perhaps just a way to escape their dreary lives, and be able to express their rage, frustration or repressed sexuality.

From time to time someone, mostly women, would fall to the ground, glassy-eyed, and begin writhing on the floor, delirious, in a frenzied state caused by the spider’s venom. She was surrounded by friends and neighbours who began to play instruments. The afflicted person would eventually rise up and dance in circles, stamping her feet on the ground, as if trying to kill a spider, until the episode subsided.

They say that the term “tarantella” originally referred to a ritual that existed in Greece around 1100 BC , connected to the gods Dionysus and Apollo (the Greek gods of wine and music)
These Dionysian-Bacchanalian rites were later suppressed by the Roman Senate in 186 BC, but reappeared under the pretext of emergency therapy for bite victims, It was believed that victims needed to engage in frantic dances in order to sweat the poison out and prevent death from the delirium caused by the spider’s bite

Alan Lomax, famous for discovering Muddy Waters, Leadbelly, Woody Guthrie, and other American musicians, also collected a series of traditional Salento folk songs.

La Notte della Taranta

La Notte della Taranta è un festival musicale che si svolge ogni anno nel Salento, Puglia, e una delle più significative manifestazioni sulla cultura popolare in Europa.
Dai suoi inizi nel 1998, la manifestazione che celebra l’importanza della tradizione musicale popolare di Tarantella e Pizzica, è cresciuta esponenzialmente portando decine di migliaia di turisti nella zona e facendo del Salento sinonimo di pizzica, così come l’Argentina significa tango.

Il concerto finale si è svolto il 28 agosto scorso a Melpignano.

La Tarantella una delle forme più riconosciute della musica tradizionale del sud Italia ed è caratterizzata da un ritmo veloce e allegro, accompagnato da tamburelli.
La Pizzica appartiene alla famiglia della tarantella del Salento, ed è una variante dai ritmi ancor più forti e selvaggi. I testi sono solitamente in salentino e in griko, dialetti qui parlati che risalgono ai Greci che colonizzarono la zona molto prima dell’arrivo dei romani (questa zona faceva parte della Magna Grecia).

La Tarantella prende il nome dal morso di un ragno velenoso, la tarantola.
Secondo la leggenda , nel corso della storia le donne affermavano di essere state morse da una tarantola, diventando tarantolate, possedute, forse solo un modo per sfuggire alle loro vite tristi e faticose, e per poter esprimere  la loro rabbia,  frustrazione o sessualità repressa.
Di tanto in tanto qualcuno, soprattutto donne, cadeva per terra, con gli occhi vitrei, e iniziava a contorcersi sul terreno , delirante, in uno stato frenetico causato dal veleno del ragno . Era circondata da amici e vicini che si mettevano a suonare degli strumenti: allora la tarantolata si alzava e ballava in cerchio, pestando i piedi sulla terra come se cercasse di uccidere un ragno, fino a quando l’episodio non si placava.

Si dice che il termine “tarantella” originariamente si riferisse ad un rituale esistente in Grecia intorno al 1100 a.C. e collegato alle divinità Dioniso e Apollo (le divinità greche del vino e della musica).
Questi riti dionisiaci-baccanali furono successivamente soppressi dal Senato romano nel 186 a.C., ma riapparvero con il pretesto di terapia d’emergenza per le vittime di morsi velenosi. Si credeva infatti che le vittime dovessero impegnarsi in balli frenetici per sudare ed espellere così il veleno, prevenendo la morte per il delirio causato dal morso del ragno

Alan Lomax, famoso per aver scoperto Muddy Waters, Leadbelly, Woody Guthrie e altri musicisti americani, raccolse anche una serie di canzoni popolari tradizionali salentine.

Advertisement

83 thoughts on “Notte della Taranta 🕷️ Night of the Tarantula

    1. Luisa ! I have no hesitation in telling this fact that you are a unique mistress of all Words , Italian/Western Music and Stories—old and new . Apart from that your style of telling stories and presenting music 🎶 is so simple that a layman like me can enjoy them all . I was listening to your TARENTELLA music with my other family members before writing this comment . Neither I know Italian nor I know Greek . But I know how to listen a music of even different cultures , tunes an notes and enjoy them all . I can’t express my pleasure in words . I can’t respond it in music because I don’t know how to do it . But I can only feel them as such . And I wish let other also feel my feelings as I feel while listening the TARENTELLA music . Thanks !

      Liked by 2 people

      1. Dear Arbind, your comment filled me with joy. I am happy that the cheerful notes of this traditional Italian music brought joy to your family too.
        Thanks with all my heart,
        I wish you a happy weekend

        Like

  1. Wow! (That’s as eloquent as I can get at the moment.) What fun! I’d love to know what she was singing about – the spider? The dance?
    I took classical piano when I was a child, and I remember that the first piece I learned that I considered a “respectable” piece (not “Mary Had a Little Lamb”) was a tarantella.
    One of my “bucket list” dreams is to take a musical tour if the world. I’m sure that festival would be a highlight. Thanks so much for sharing the experience.
    (Have you ever been to it?)

    Liked by 2 people

    1. Thanks for your kind appreciation to my post. No, I did not attend the event because, despite being in Italy, it takes place over 1000 kilometers from where I live, but a friend of mine takes part in it every summer (except when they were suspended due to Covid) and is always enthusiastic about that 💃🎶🎸

      Liked by 1 person

      1. The singer is Elodie who came to prominence when she ranked second in an Italian talent show and the song is very difficult to fully understand for me too because it is in a dialect that I do not know- In short it is addressed to an appreciated and loved woman, to know where she was bitten. 🕷️

        Like

  2. Festivals of local culture are the best Luisa and as a tourist, it is great when you stumble on one in motion. Amazing how this dance was born out of history and that people needed a reason to dance with wild abandon, other than happiness. Thanks for sharing. Allan

    Liked by 2 people

  3. Thank you for sharing. I didn’t know Italians have such a tradition of music and dancing. And the poisonous spider, the tarantula, help women escape their dreary life. LOL. That’s really funny.

    Liked by 2 people

  4. Luiza, thank you for this post! I was not familiar with this music, and I loved it.
    Maybe I enjoyed it even more, because as soon as I saw “tarantella”… Well, we have actual tarantulas here in southern New Mexico. I have not personally seen many, but they come out after a hard rain. Once I saw one “strutting his stuff” down the street and across my driveway. LOL, I like the music much better than the spiders. 🙂 Hugs on the wing.

    Like

    1. Of course I love the tarantella more than the tarantula too, although I must tell you that I have a strange respect for spiders. Fortunately, the ones I see here are small and if they are inside, I kindly deposit them in the garden…and I recommend them to work hard and catch mosquitoes in their webs

      Liked by 1 person

  5. E se l’Argentina significa TANGO, spendiamo qualche parola per il ballo che per tradizione vuol significare amore, e cioè il . . . . . .

    T A N G O ( Lui e Lei )

    (Lui)
    — “Io t’ho trovato che sapevi fare
    l’amore molto bene, che baciavi
    assai meglio di Gilda: eri un mare
    ove affondavo quando t’accostavi . . .
    Chissà chi debbo tanto ringraziare?
    . . . Comunque era così e con me stavi.

    Non ti stancavi mai della passione
    che ti squassava e che mi trasmettevi,
    anzi coglievi al volo ogni occasione
    perchè questa crescesse e in tempi brevi
    ci ravvolgesse . . . Eri una canzone
    dai toni acuti, gravi, forti e lievi.

    Suonavi in tutte le tonalità,
    eri modo maggiore e mai minore,
    se pur da altri avevi avuto il ‘la’
    ora donavi a me onde sonore
    d’intensa e nuova musicalità,
    d’impeto nuovo e di nuovo tenore.

    Non eri fotocopia del passato.
    Aveva un peso, sì, l’esperienza,
    ma tu quel seme avevi rinnovato
    e fatto fiore di diversa essenza.
    Nel mio giardino ormai sta piantato,
    che tal più non sarà se sarà senza.

    Ah, quanto veri i versi, amica mia,
    di quel famoso tango: . . . Gelosia!”

    (Lei)
    — “Sarebbe come a dire: . . . ‘pronta all’uso’?
    . . . ‘seconda mano’? . . . oppur, d’altri rodata,
    un’auto che fa tutto? . . . nulla escluso?
    . . . e d’optionals al massimo dotata?
    Insomma . . . ‘chiavi in mano’, ottimo muso,
    coda ben alta, adatta cilindrata.

    Io quindi non ci ho meriti!? . . . Dovrei,
    . . . dovresti . . . o sbaglio? . . . altri ringraziare,
    di ciò che con te faccio . . . E che sarei?
    soltanto un bel robot? . . . Ma, di’, ti pare
    che i baci miei io li darei
    così . . . perchè così qualcuno a fare

    un giorno m’insegnò? . . . Dove la metti
    la mia . . . ci tengo . . . personalità?
    Lo stravedere . . . il batticuor li getti
    laggiù? . . . alle ortiche? . . . Ma va là,
    non si impara mica dentro i letti
    trasporto, affetto . . . passionalità!

    Se non mi pento, sai, d’averti fatto
    ciò che t’ho fatto . . . beh, è solo perchè
    l’amore mio per te prima che un patto
    è stato un botto . . . un flash . . . qualcosa che
    m’ ha illuminato e ancora splende intatto.
    . . . Nessuno c’entra qui fuori di me.

    Ah, quanto veri i versi dico anch’io
    ma di quell’altro lento . . . Amado mio!”

    (Cassandro)

    Liked by 1 person

  6. molto bello! ❤
    Sono nata in quella Terra (Salento) anche se vivo da parecchio in un'altra città.
    Il grande antropologo, ricercatore e scrittore Ernesto de Martino nella sua immensa ricerca racconta tutta la verità sul ragno "velenoso", che in realtà è un ragnetto innocuo per niente velenoso. Le donne, oberate di lavoro nei campi e ovunque da millenni, "inesistenti" per la Storia e considerate solo "fattrici" di altri esseri umani, entrarono in crisi profonda e pensarono che il loro malessere dipendesse proprio dalla puntura della tarantola, che si trovava nei campi, tra gli alberi, l'erba e le coltivazioni. IL loro ballo estremo, segnato dal ritmo dei violini e dei tamburelli, cercava di "espellere" tale veleno, ma la loro angoscia dipendeva da altro, cioè da un annullamento millenario nei loro confronti. La Chiesa settecentesca (e anche la precedente ) mise loro davanti l'immagine di San Paolo, protettore delle persone punte da insetti o serpi, ma quella immagine silenziosa cui le donne erano state indirizzate, non "rispondeva" alla loro esigenza profonda di essere liberate dall'angoscia profonda che, periodicamente, attanagliava la loro vita, e anche quella di qualche uomo.
    De Martino, e la sua equipe di studiosi e ricercatori con i quali lavorava in Salento e in Basilicata (negli anni 1950/1960), studiò per anni le cause di quel malessere profondo e coinvolse uomini, donne, sezioni di partito dei luoghi interessati per spiegare loro che la tarantola non aveva alcun veleno, e che i problemi erano altri … (fece raccogliere nei campi le tarantole e poi, schiacciandole una ad una con le dita davanti a tutti, spiegava e rispiegava che la loro puntura – se c'era … – non era velenosa). E' una storia affascinante, dolorosa, e antichissima.
    Il ballo di oggi, privo di quelle problematiche profonde (si spera …) riporta, ma con leggerezza e un pizzico di allegria e vitalità, alla memoria di un passato non troppo Lontano. ❤
    Scusa Luisa per questo lungo commento, ma pur essendo lontana da parecchio dalla mia Terra d'origine, ne conservo la Storia e la memoria.

    Liked by 1 person

    1. Grazie di cuore; avevo letto delle ricerche di De Martino, e ti ringrazio vivamente per averne parlato,
      E’ una storia fantastica che si dipana tra folclore, religiosità, disagio e necessità di esprimere e liberarsi in qualche modo della propria angoscia
      Buona domenica

      Like

  7. Come sempre Luisa tu offri dettagli preziosi. Ho assistito alcuni anni fa alla festa della Taranta Putignano. Una vera ‘orgia’ di musica canti e balli. Ne sono uscita stravolta e in trance alle 4 della mattina. Esperienza indimenticabile ma per me sufficiente!
    Abbraccio ❤️

    Liked by 1 person

  8. Innanzitutto grazie per tutte le spiegazioni e gli aneddoti che hai scritto nel post e che non conoscevo. Ho visto lo spettacolo e devo dire che è stato fantastico ed emozionante, soprattutto l’interpretazione di Elodie. Ancora non mi spiego come mai la Rai non abbia dato in diretta un evento del genere.
    Un saluto

    Liked by 1 person

    1. … purtroppo siamo arrivati a un punto in cui il denaro sembra la massima priorità.. Non si fanno guerre sacrificando tanti innocenti per motivi economici camuffati da religiosi/patriottici/pseudo pacifici/ecc.?

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s