Queen Elizabeth I’s Lipstick

During the Elizabethan age, the ‘golden age in English history’, the Queen was an icon of the beauty of the time with an impact never surpassed by any other English queen.

Besides using the dangerous Venetian ceruse, (see here) Elizabeth I loved lipstick and on her death, also her lips were encrusted with a layer which was half an inch thick (one inch corresponds to just over two and a half centimetres).
During that period it was believed that lipstick was magical and could ward off fate and death.
Elizabeth made her own bright red lipstick with a mixture of cochineal, gum Arabic, egg white, and fig milk. Cochineal was an expensive dye based on crushed dried beetles from Mexico and was considered to have extraordinary and healing powers, thanks to that red colouring.
Ironically, Elizabeth’s lipstick was not healing at all, in fact it also contained harmful ingredients such as Cinnabar, mercury sulfide

Previously, some early Renaissance paintings are said to even depict the devil putting lipstick on women, since red lips were associated with Satan worship, and women sporting lipsticks were suspected of being sorcerers and witches.
It is not surprising that one of the most frequent sins women were forced to confess to their priests was the use of lipstick.

Early Christian writers had already declared lipstick sinful, an act against God because it changed women’s appearance,”not knowing that everything that comes into existence is the work of God; that whatever is changed, is the work of the devil.”

A medieval text said that using lipstick was a mortal sin unless it was done “to remedy severe disfigurement or so as to be not looked down upon by [one’s] husband.”

However, during the reign of Queen Elizabeth, when luxury items became a way to flaunt one’s status, and the joy for the beautiful things was rediscovered, cosmetics made a comeback.
Lipstick became also a way to determine status and wealth: the more vibrant reds represented affluence due to the richer ingredients required to make them, while a dull ochre-coloured lipstick was worn by the lower class.

When Elizabeth died, even the affection for makeup seemed to disappear.
In 1650, for example, a law was presented that included restrictions on makeup and immodest clothing but it was not passed as many considered it unworkable.
The hatred for makeup reappeared again when Parliament passed a Matrimonial Act in 1770, a law that, according to some, prohibited the use of makeup to induce a man to marry a woman and allowed husbands who felt deceived by their wives’ alleged beauty to have them punished for using witchcraft for having resorted to witchcraft to enhance their appearance.

Some even quote an excerpt:
Be it resolved that all women of whatever age, rank, profession or degree, whether virgin maids or widows, that after the passing of this Act impose upon and betray into matrimony any of His Majesty’s male subjects, by scents, paints, cosmetics, washes, artificial teeth, false hair, Spanish wool, iron stays, hoops, high-heeled shoes or bolstered hips, shall incur the penalty of the laws now in force against witchcraft, sorcery and such like misdemeanours… and that the marriage, upon conviction, shall stand null and void.”

But maybe it’s just a legend.

To be continued

Durante l’età elisabettiana, l’età d’oro della storia inglese, la regina era un’icona della bellezza del tempo, con un impatto mai superato da nessun’altra regina inglese-

Oltre a usare la pericolosa cerussa veneziana, (vedi qui) Elisabetta I adorava il rossetto e alla sua morte aveva le labbra incrostate con uno strato spesso mezzo pollice (un pollice corrisponde a poco più di due centimetri e mezzo).
Durante quel periodo si credeva che il rossetto fosse magico e potesse scongiurare fatalità e morte.
Elizabeth preparava il suo rossetto rosso brillante con una miscela di cocciniglia, gomma arabica, albume d’uovo e latte di fichi. La cocciniglia era un colorante costoso a base di insetti essiccati e macinati provenienti dal Messico ed era considerata dotata di poteri straordinari e curativi, grazie soprattutto a quella colorazione rossa.
Ironia della sorte, il rossetto di Elizabeth non era affatto curativo, anzi conteneva anche ingredienti nocivi come il cinabro, solfuro di mercurio.

In precedenza, si dice che alcuni dipinti del primo Rinascimento raffigurassero addirittura il diavolo mentre metteva il rossetto alle donne, poiché le labbra rosse erano associate all’adorazione di Satana e le donne che sfoggiavano rossetti erano sospettate di essere streghe.
Non è sorprendente che uno dei peccati più frequenti che le donne erano costrette a confessare al prete era l’uso del rossetto.
I primi scrittori cristiani avevano già dichiarato il rossetto peccaminoso, un atto contro Dio perché cambiava l’aspetto delle donne “non sapendo che tutto ciò che viene all’esistenza è opera di Dio; che tutto ciò che è cambiato, è opera del diavolo”.

Un testo medievale diceva che usare il rossetto era un peccato mortale a meno che non fosse fatto “per rimediare a una grave deturpazione o per non essere disprezzata dal marito”.

Durante il regno della regina Elisabetta, quando gli oggetti di lusso divennero un modo per ostentare il proprio status e si ritrovò la gioia per le cose belle, i cosmetici tornarono alla ribalta.
Il rossetto era anche un modo per determinare lo status e la ricchezza: i rossi più vivaci rappresentavano agiatezza grazie agli ingredienti più ricchi necessari per realizzarli, mentre quelli color ocra, più opachi, erano sfoggiati dalle classi inferiori.

Alla morte di Elisabetta, sembrò sparire anche la passione per il trucco.
Nel 1650, ad esempio, fu presentata una legge che prevedeva restrizioni sul trucco e sull’abbigliamento immodesto, ma non fu approvata poiché molti la consideravano irrealizzabile.

L’odio per il trucco però riapparve e quando, secondo alcuni, il parlamento inglese approvò una Legge matrimoniale nel 1770 che vietava di usare il trucco per indurre un uomo a sposare una donna e permetteva ai mariti che si sentivano ingannati dalla presunta bellezza della moglie di farla punire per aver fatto ricorso alla stregoneria per esaltare il suo aspetto.
Alcuni addirittura ne citano uno stralcio:
“Sia deciso che tutte le donne di qualsiasi età, rango, professione o grado, siano esse vergini o vedove, che dopo l’approvazione di questo Atto impongano e inducano in matrimonio uno qualsiasi dei sudditi maschi di Sua Maestà, con profumi, colori, cosmetici, lavaggi , denti artificiali, capelli finti, lana spagnola, stecche di ferro, cerchi, scarpe col tacco o fianchi rinforzati, incorreranno nella sanzione delle leggi ora in vigore contro la stregoneria e delitti simili… e che il matrimonio, in caso di condanna, risulterà nullo”.

Ma forse si tratta solo di una leggenda.

Continua

Image:
The so-called Armada Portrait of Elizabeth I is an allegorical painting by an unknown artist (formerly attributed to George Gower) made in the late 16th century and executed with oil on panel technique. It depicts the Tudor queen surrounded by symbols of royal majesty against a backdrop representing the defeat of the Spanish Armada in 1588.
In the words of the Elizabethan philosopher Sir Francis Bacon, Elizabeth I imagined that the people, who are very much influenced by exteriority, would be distracted by the glitter of her jewels, from noticing the decay of her personal attractions.

Il cosiddetto Ritratto dell’Armada è un dipinto allegorico di artista ignoto (già attribuito a George Gower realizzato nel tardo XVI secolo ed eseguito con la tecnica dell’olio su tela. Elisabetta I è circondata da simboli di maestà reale su uno sfondo che rappresenta la sconfitta dell’Armata spagnola nel 1588.
Nelle parole del filosofo elisabettiano Sir Francis Bacon, Elisabetta I immaginava che le persone, che sono molto influenzate dall’esteriorità, sarebbero state distratte dallo scintillio dei suoi gioielli, dal notare il decadimento delle sue attrattive personali.

87 thoughts on “Queen Elizabeth I’s Lipstick

    1. Dear Luisa, your blogs are very very interesting, well researched and very very impressive. I am quite intrigued by Queen Elizabeth I. Looking forward eagerly to the next part. ♥️♥️♥️♥️♥️♥️♥️😍😍😍😘😘😘

      Liked by 2 people

  1. Luisa ! Medieval depiction that the woman with lipstick 💄 as sign of she being a witch or a sorcerer is still prevailing in many parts of the world . As it is not natural . As it is against the divine law . As it may be for unethical attraction of man . As it may be the sign of abnormalities . A sinful act . That’s why the British Parliament after the death of QUEEN ELIZABETH -I , who used an half inch lipstick on her lips to hide her disfigured lips , passed an ACT known as the MATRIMONIAL ACT of 1770 which stated that ‘ ….. all the women of whatever age , rank , profession or degree , whether virgin maids or widows , that after passing of this ACT impose upon or betray into matrimony any of His Majesty’s male subjects , by scents , paints , cosmetics , washes , artificial teeth , false hair , Spanish wool , iron stays , hoops , high-heeled shoes or bolstered hips , shall incur the penalty of the laws now in force against witchcraft , sorcery ….. and that the marriage upon conviction , shall stand null and void ‘. Such was the mandate of the Parliamentary of the Great Britain . Now , one can come to the conclusion that how in Medieval England women used to allure men and deceive them , which is still on in the many parts of the world . But not all women are like this . A few of them do believe in such show off . And I personally feel and think that the ACT was a male bias as such . Thanks !

    Liked by 2 people

      1. Thanks !

        On Tue, 20 Sept 2022, 18:20 words and music and stories, < comment-reply@wordpress.com> wrote:

        luisa zambrotta commented: “Thanks a lot for this comment that extends the > topic to more recent times or to other parts of the world, I think that > some laws that punish women for some of their misdeeds against men only > hide a great fear of women as such.” >

        Liked by 2 people

  2. Wow. 1/2 an inch thick. Crazy. Laws on womanly deception written by men, rather than common sense. Crazy. If vanity and deception were crimes these days, most of us would be guilty. Thanks for sharing Luisa. Allan

    Liked by 3 people

  3. I’m glad I don’t wear make up. These tales remind me of the time I had to visit a young lady who I knew. When she opened the door without her make-up on I honestly thought that I’d gone to the wrong house. Loving these posts Luisa 🙂

    Liked by 3 people

  4. Non ero a conoscenza del fatto che il trucco fosse visto come qualcosa di “malvagio” né che, in alcuni casi, ne venisse persino proibito l’uso. Mi sa che se fossero esistite, all’epoca, tutte le case cosmetiche che esistono oggi, molto probabilmente avrebbero chiuso in breve tempo per fallimento, 😉.

    Liked by 2 people

    1. Probabilmente, oppure le donne si sarebbero scatenate in casa, dove nessuno le vedeva…
      Quando nei viaggi andavo nei paesi in cui le donne erano obbligate a coprirsi da capo a piedi, mi meravigliavo di vedere esposta, anche nei bazar, tanta biancheria intima sexy.
      Mi è stato spiegato che, obbligate sotto informi abiti scuti, in casa invece si sfogavano, comprensibilmente, con un abbigliamento anche provocante

      Liked by 2 people

      1. Per fortuna che le cose, da allora, sono cambiate e truccarsi o indossare un rossetto rosso non crea più scandalo, 🙂.
        Se non sbaglio, almeno dai racconti che ho sentito, le donne arabe mostrano i capelli sono quando sono in casa propria e solo in presenza del marito o dei figli maschi o del padre. E se un altro uomo entra in casa, un invitato ad esempio, devono subito rimettersi il velo perché è considerato “sconveniente” che un altro uomo, che non sia della famiglia, le veda i capelli.

        Liked by 2 people

    1. Sì, anche se si pensa che a volte si sente i risultati non siano molto piacevoli: volti troppo alterati, a volte sfigurati, labbra troppo gonfie o asimmetriche… per non parlare di Carmen Di Pietro, la prosperosa fidanzata di Sandro Paternostro, a cui anni fa è scoppiato un seno mentre era in aereo😉

      Liked by 2 people

      1. I risultati sono inguardabili nella maggior parte dei casi. Ma poi, in donne già belle, che senso ha il ritocchino?
        Perché, per esempio, la Blasy sente il bisogno del ritocchino, che poi l’ha peggiorata? Ma dove hanno il cervello?

        Liked by 1 person

  5. SEI DONNE IN NIQAB

    Beh, li credevo in burqa ed invece

    erano in niqab, ovvio color pece,

    ben lucido, che dalla testa ai piedi

    chiudevano il tutto di ogni lady.

    Io per la prima volta in vita mia

    sei donne ho visto nel niqab nero,

    fresco di stiro, tessuto leggero:

    erano siluhette . . . una magia

    veder quei raffinati blocchi scuri

    e sopra gli occhi una feritoia

    con giovanili sguardi acuti (puri

    non lo direi). Quel guardare ingoia

    chi sta i loro occhi ad ammirare

    per farne cosa proprio non so dire,

    pure se a me è riuscito a dare

    complicità di intenti da morire

    e a fare fantasia galoppare

    sul sotto e ben nascosto lor fiorire.

    Ah, che bellezza, eh, sì, quell’intuire!

    Guardavano San Pietro attentamente,

    e attenta riguardava lor la gente.

    Le accompagnava un emiro in bianco

    dal passo lento (le sue mogli?) e stanco.

    Mi han sussurrato “Sono musulmane”,

    ho detto: “Sono come le cristiane

    per me, e porgo a loro i miei rispetti,

    gli omaggi miei, diretti ed indiretti”.

    Si vede che non ho io preconcetti?

    Velate o non velate son sorbetti

    le donne, babà al rhum, sfingi, confetti

    . . . e come catanesi . . . ‘alivetti’!

    I guardiani occorre ringraziare

    per avere permesso a lor di entrare,

    di avermele così fatto incontrare,

    capire che vuol dire “ammaliare”.

    Dovrebbe esser vietato di andare

    in giro a mostrar senza mostrare

    e fare al tempo stesso immaginare

    quali tesori, eh sì, nasconde il mare.

    Scordavo: . . . e che eccitanti quei ditini

    dei piedi, appena in vista ad ogni passo,

    nei sandali a stringhe nere e fini

    laccati rossi . . . da restar di sasso!

    E si ricominciava, ecco, dal basso!

    (Cassandro)

    Liked by 2 people

  6. Quante superstizioni, e quante trovate contro le donne! In effetti per anni, anche non lontanissimi da noi, il rossetto era considerato un richiamo peccaminoso.
    E pensare che la Regima Elisabetta II lo esibiva sempre, certo non rosso…

    Liked by 2 people

      1. ROSSETTO  
         
        (Lui)
        — “Ti levi per favore quel rossetto
        che rende le tue labbra rosso fuoco,
        che calamita son per cui di getto qualunque sguardo – e non solo per poco-
         
        attraggono, mia cara!”
                                               (Lei)                         
                                               “ — . . . come penso 
        accadde un dì per te, per cui io
        debbo ringraziarlo . . . e forte e denso
        quindi lo uso . . . e se fu l’avvio
         
        della nostra storia perché mai
        dovrei eliminarlo, anche se
        tanto risparmierei, in quanto sai
        costa ‘una cifra’, ahimè! E poi perché? . . .
         
        Perchè dovrei levarlo? . . . Dillo, su!”
        (Lui)
        — “Perché dei baci tuoi io ‘ce moro’,
        ma con quel coso lì io suppergiù
        non te ma un ‘Giorgio Armani’ assaporo.
         
        Comunque che sia bello non ci piove,
        che faccia innamorare a primo acchito
        chiunque guarda te – ne ho le prove —
        ma il sapore lascia . . . ehm . . . stecchito.
         
        Delle due una quindi: il passato
        non conta più . . . ti voglio al naturale,
        carnosa, dolce, come ogni lato
        che tu mi offri, e che oro vale!
         
         
        . . . e che al Cielo innalza senza scale!”
         
         
        (Lei)
        — “Okkei, cedo pur se non vorrei,
        dato che sei purtroppo come sei
         
        . . . però se un dì mi lasci, bene o male
        me ne rimetterò, sai, un quintale.
         
         
        Con quel rossetto . . . quanti cicisbei
        ai piedi miei . . .’ntan ‘ntà . . . di colpo avrei!

        (Me li so fare io gli ‘affari miei’! “)
         
        (Cassandro)
         

         

        Liked by 1 person

  7. non conoscevo questi aneddoti sul rossetto in particolare, unico vezzo di trucco che utilizzo in assoluto e che protegge anche da vento e sole. Di certo tra i componenti dei rossetti e di altri trucchi e unguenti dell’epoca elisabettiana c’erano sostanze tossiche, come anche per i pigmenti usati in pittura che hanno causato all’epoca malattie letali. Non c’è da scherzare neppure oggi nell’utilizzare prodotti di dubbia provenienza e contenuto, e non capisco come si possa decidere con tanta facilità di farsi deturpare il corpo per risultati orrendi a vedersi.

    Liked by 1 person

  8. Sone things never change. The essence of the Matrimonial Act is still aive and well. It just comes in different guises. Women are still burned at the stake for being too attractive, too smart or too threatening to the menfolk.
    Even with that being said, I just want to ‘fess up that reading your article made me wanna dash out and buy me a sinfully red lipstick 💄 🤣

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s