Lady Hamilton’s Youth (Part 2)

➡️ Part 1

Amy Lyon, who was to become Admiral Nelson’s mistress, had a quite remarkable past.

While she was a girl, in London, she worked for some time in the Pall Mall “Temple of Health and Hymen”, where she played the part of a sexy young goddess. It was run by the Scottish doctor James Graham, who had picked her up on the streets near his clinic.
The most prominent feature in Graham’s lavish clinic was his “Electro-Magnetic Musical Grand State Celestial Bed”, on which “perfect babies could be created”.
It ensured increased sexual pleasure and fertility through a series of electrical pulses and intoxicating aromas at the cost of £50 per session and it became one of the most fashionable destinations for the aristocracy of the day.
It was based on the theory that engaging in sex surrounded by a gentle field of electricity could not only enhance sexual performance and pleasure, but also aid fertility.
Graham’s pamphlet said that the magnets provided “irresistibly powerful tides of the magnetic effluvium’ creating ‘that sweet undulating, titillating, vibratory, soul-dissolving, marrow-melting motion which is at once so necessary and so pleasing”.
The bed rested on “forty pillars of brilliant glass” and a tilting inner frame to put couples in the best position to conceive, and their movements set off music from organ pipes which emitted “celestial sounds”, whose intensity increased with the ardour of the occupants of the bed.
At the head of the bed, there was a moving clockwork tableau celebrating Hymen, the god of marriage, and the words “Be fruitful, multiply and replenish the earth!“, formed of some conductive material so that they crackled and sparkled with energy.
All was inside a dome that also contained a cage full of cooing turtle doves.

Interviewed by The Gentleman’s Magazine, Graham praised his “chaise d’amour/ love chair” as follows:
“The influence of the electrical fire warms and invigorates the whole system, exciting and exalting the amorous ideas of both sexes, stimulating them to the enjoyment of love, and greatly heightening and prolonging its sweet pleasures.”

Acidic commentators like Horace Walpole called James Graham a quack.
But James Graham was much more than a quack, able to use scientific advances to great visual effect. At the time his bed embodied science, medical theory and cutting edge technology.

For some time the Temple of Health was a great success and became the subject of satirical plays, poems, and prints.
This electric sex bed was immortalized by the Yorkshire poet William Mason who wrote:

… thither haste with knocking knees;
Genial and prolific fires,
Shall wake your pulse to new desires;
Tho’ your embers should be dead,
Stretch on his celestial bed;
Soon you’ll feel the vital flame,
Rushing thro’ your icey frame!

To be continued

Amy Lyon, che sarebbe diventata l’amante dell’ammiraglio Nelson, aveva un passato piuttosto singolare.

Da bambina, a Londra, lavorò per qualche tempo nel Tempio della Salute e Imene (Temple of Health and Hymen) sulla centralissima Pall Mall, dove interpretava la parte di un giovane dea sexy. Questo era gestito dal medico scozzese James Graham, che l’aveva prelevata da una strada del centro e portata a lavorare nella sua clinica.
La caratteristica più importante della sontuosa clinica di Graham era il Grande Letto Celestiale musicale ed elettromagnetico, sul quale “si potevano procreare bambini perfetti”.
Assicurava un aumento del piacere sessuale e della fertilità attraverso una serie di impulsi elettrici e aromi inebrianti al costo di £ 50 a seduta e divenne una delle destinazioni più alla moda per l’aristocrazia del tempo.
Si basava sulla teoria che un amplesso in un delicato campo elettrico potesse migliorare non solo le prestazioni sessuali e il piacere, ma anche aiutare la fertilità.
Sull’opuscolo di Graham si leggeva che i magneti fornivano “ondate irresistibilmente potenti di effluvio magnetico” creando “quel dolce movimento ondulatorio, stuzzicante, vibratorio, che scioglie l’anima e il midollo e che è allo stesso tempo necessario e piacevole”.
Il letto posava su “quaranta colonne di vetro brillante” e un’intelaiatura inclinabile per mettere le coppie nella posizione migliore per concepire, mentre i loro movimenti creavano musica da canne d’organo che emettevano “suoni celesti”, la cui intensità aumentava con l’ardore degli occupanti del letto.
Sopra al letto c’erano un congegno meccanico in movimento che celebrava Imene, il dio del matrimonio, e le parole “Siate fecondi, moltiplicatevi e riempite la terra!“, formate da un materiale conduttivo, che crepitavano e brillavano per la corrente . Il tutto era all’interno di una cupola che conteneva anche una gabbia piena di tortore che tubavano.

Intervistato da “The Gentleman’s Magazine”, Graham così elogiava la sua “chaise d’amour / poltrona dell’amore “:
“L’influenza dell’ elettricità riscalda e rinvigorisce l’intero sistema, eccitando ed esaltando gli impulsi amorosi di entrambi i sessi, stimolandoli al godimento dell’amore e accrescendone e prolungandone grandemente i dolci piaceri.”

Alcuni commentatori acidi come Horace Walpole definivano Graham un ciarlatano.
Ma James Graham era molto più di un ciarlatano, in grado di utilizzate i progressi scientifici con grande effetto visivo. All’epoca il suo letto elettrico incarnava la scienza, la teoria medica e la tecnologia all’avanguardia.

Il tempio della salute fu per qualche tempo un gran successo, diventando anche l’oggetto di poesie, opere satiriche e stampe.

Il letto celestiale fu immortalato dal poeta dello Yorkshire William Mason che scrisse:

… Fuochi geniali e prolifici,
risveglieranno il vostro impulso a nuovi desideri;
anche se le vostre braci fossero morte,
stendetevi sul letto celeste;
presto sentirete la fiamma vitale,
che corre attraverso il vostro corpo ghiacciato!

Continua

Image-Flickr: Steve Knight – Emma Hamilton by Elizabeth Vigee Lebrun – 1792

116 thoughts on “Lady Hamilton’s Youth (Part 2)

      1. Inventive and industrious showmanship at least, although not entirely original. It was something of a fad in those days to promote licentious erotic activities under the guise of health practices. Physicians notoriously treated female patients for ‘hysteria’ with ‘happy ending’ ‘therapeutic’ massages. Spas were established for the purpose of administering enemas, attended by ‘clinicians’ of the opposite sex. And so on. It was quite a nod-and-wink industry.

        Liked by 1 person

  1. Luisa ! You have provided us all very nice and palatable information . The story of of Amy Lyon , a Sexy Young Goddess , and the ‘ Temple of Health and Hyman ‘ are very interesting . Graham’s clinic featured ‘ Electro-Magnetic Musical Grand State Celestial Bed ‘ on which ‘Perfect Baby Could Be Crated’. I think by such scientific and serious efforts of Graham , the English men started breeding perfect children and in enormous number , and by now (1st October 2022) its population reached 68,685,322 . For such experiments of Graham and the Sexy Young Goddess , Amy Lyon , the Gentleman Magazine praised their efforts in nice words . However , Acidic Commentator like Horace Walpole called James Graham a quack . But the Yorkshire poet William Mason immortalized Graham’s Electronic Sex Bed . Immense thanks for sharing such a fertile story of Lady Amy Lyon .

    Liked by 3 people

  2. Goodness me! Thank you so much Luisa. I still can’t quite understand how the erm, “electric sex bed” worked but nevertheless, what vivid images and novel scenes are flashing through my imagination now! Love and light, Deborah.

    Liked by 5 people

  3. Excellent, dear Luisa. Thoroughly enjoyed reading it, despite my hatred for sex. I had very bad experience with men trying to make sexual advances and I successfully avoided them, losing virginity only to my husband. I am so sorry. Should not have inserted personal feelings but got carried away.

    Liked by 5 people

  4. That must have been quite the show for the day in proper prudish England. This guy may or may not have been a quack, but, he was most certainly a marketing genius. Thanks for telling the tale Luisa. Allan

    Liked by 5 people

  5. Originale l’idea avuta da questo medico scozzese di favorire anche la fertilità usando un letto elettrico. Si può dire che questo letto elettrico potrebbe suppergiù corrispondere alle costosissime e lunghissime cure che chi vuole dei figli ma è poco fertile si deve sottoporre anche per lunghi anni.

    Liked by 2 people

      1. Ho sentito che hanno girato un documentario su di lei. Lo giudico un errore, perché per l’ennesima volta gli esempi negativi vengono reclamizzati e passati come “personaggi”, quando in realtà sono solo dei “delinquenti”.

        Liked by 1 person

  6. Tutta la storia umana è basata sui “letti”!

    I LETTI E LA STORIA

    Ma che ne sai, tu, ma che ne sai?
    . . . ascolta, ma non so se capirai

    perché io scrivo un poco criptato
    per non finire subito impalato.

    La vita si ripete e non sperare
    che la lezione si stia ad imparare:

    si ripeteranno beghe e torti,
    risate, lotte e sfide, lutti e morti.

    E’ guerra pure il tiro alla quaglia!
    Sempre la stessa inoltre questa è
    ovunque si combatta la battaglia,
    in campo aperto . . . o su un canapè

    (usando armi di morte e no fioretto
    . . . ben spesso preceduta da congiure . . .
    o rotolando su morbido letto
    fra risatine, baci e arcipremure).

    Solo che della prima è ignoto
    fino alla fine chi è il vincitore,
    sul letto invece no . . . qui vince, è noto,
    sempre la donna che si apre all’amore.

    Sempre così, da un miliardo d’ore!

    Lo scontro lì è molti contro molti,
    numeri sono tutti, uomini no . . .
    qui è . . . uno ad una, e sol gli stolti
    credono che anche lei perdere può.

    Pensa a Mata-Hari, oppure alla Contessa
    di Castiglione, Virgi Oldoini,
    alla Pimpaccia, e a chi per essa
    morì, sì, Papa . . . ma senza quattrini.

    Tiene la donna, infatti, mille volti
    . . . da occhi chiusi a boccuccia aperta . . .
    e frega gli ignoranti ed i colti
    con le mosse in cui è molto esperta.

    Ciò si ripete con vittoria certa!

    Quindi c’è chi è carne da cannone,
    e chi lo è invece . . . da lenzuola,
    profumata e bianca, che passione
    però mai vive nel fare la spola

    (altrove quella sta), che porterà
    a lei dei vantaggi — e che era fessa?! —
    . . . potere . . . soldi . . . e che lei fa
    giammai perché lo scelga da se stessa,

    ma sol perché così ‘qualcuno’ vuole
    . . . tu pensa al Cardinale Mazzarino,
    nei confronti allora del Re Sole,
    allo stesso Cavour, che tal giochino

    — che ripeteva ogni momentino —

    usò per alleanze . . . insomma, in uno,
    ‘chi può’ in tal maniera si fa fesso,
    in quanto furbo come orso bruno
    per lei sbrodolerà, bella di gesso.

    Sono una cosa i fatti della Storia
    perciò, ed altra i fatti di letto:
    i primi tieni sempre in memoria
    ma pure gli altri, e sempre con rispetto

    tu vèdili perchè hanno influito
    nel corso degli eventi, e pure in modo
    risolutivo: e ciò è riuscito
    sempre per avvenenza in corpo sodo

    — da una vita il chiodo scaccia chiodo! —

    . . . al punto che ben vengono osannate
    codeste belle donne, amico mio,
    e in quadri, oltre che in libri, immortalate
    sono e saranno loro, mica io.

    Chi le assaggia ben si sente un dio!

    Sì, luci ed ombre stanno in ogni posto
    . . . si dice che non c’è un re innocente . . .
    più studio, eh sì, e più riconosco
    che qui non posso far l’intransigente.

    La Storia non facciamo, la subiamo,
    siamo pedine in grande scacchiera,
    altri fanno le mosse e noi andiamo
    spesso dove un bacio nella sera

    — da chi è bionda mesciata, rossa o nera —

    ci porta, o un abbraccio sul divano,
    se non piedino ardito sotto il tavolo!
    Così, le porte apre e chiude Giano
    senza pensare a noi, seme di cavolo.

    Non lo scordare: non esiste bosco
    cui non insista sotto . . . il sottobosco.

    La Storia da un lato e chi la fa,
    dall’altro noi . . . E si ripeterà

    con la monotonia che fra le ortiche
    hanno le nere file di formiche.

    (Cassandro)

    Liked by 1 person

    1. Da una parte penso che tu possa avere ragione, in certi casi, dall’altra mi sembri un po’ misogino!
      Comunque è una composizione deliziosa e ti ringrazio per averla condivisa💙💙💙

      Like

      1. Ogni medaglia ha il suo rovescio.

        Scusa, Luisa, se insisto in versi (troppi, vero?), ma ho sempre presente i . . .
         
             PARADOSSI  DI  VITA
          (Tutto e il suo contrario)

        Di “questo” e “quello” ch’è il suo contrario
        noi siamo fatti, e nel modo più vario.

         
        La vita in fondo in fondo è paradosso:
        è Taide ed anche Beatrice,
        ma io me la godo a più non posso,
        pur se monaca è … e prima attrice,
         
        lenta lumaca e cavallo scosso,
        lago quieto e blu mare mosso,
         
        sapienza eccelsa e grande pazzia.
        E ancora, astrusa prosa e poesia,
        tsunami e al tempo stesso lieve brezza,
        ma mai, mai mai, una schifezza,
         
        da viver quindi con consapevolezza.
        E inoltre posso dire con chiarezza
         
        — pure se questo a qualcuno rode —
        tripudio di parole e alto silenzio,
        demone zozzo ed angelo custode,
        gustoso limoncello ed assenzio,
         
        nonchè dolor da gatto a nove code
        e gioia per l’amor di cui si gode.
         
        La vita è questa . . . ma guarda un po’ tu! . . .
        potrebbe adattarsi ogni parola
        ad una donna. E pertanto, su’,
        sceglietene, amiche, anche una sola,
         
        e forza, dite — okkei?  dateci giù! —
        se vi sentite – che so?! —  “mare blu” . . .
         
        “angeli” . . . “limoncello” . . . e anche di più!
         
         
        Ovvio, omettendo quel che non si addice,
        diciamo per esempio . . . “Beatrice”,
         
        che era “troppo” in tutto, e perciò
        potete eliminarla. Sbaglio o no?

        Anche perché, e qui non dico balle,
        mi è stata sempre un poco sulle palle…..

        (Cassandro)

         

        Liked by 1 person

  7. The only difference between the past and the present is that those days there were not internet so not much gossips were known by the people but now the whole world knows and sees, having said that the past was as bad as the present is. 🥀

    Liked by 2 people

  8. You know, that electric field sounds intriguing, but all those other effects would just be plain distracting, wouldn’t they? How would one get the turtledoves to harmonize with the organ notes? I guess people found media overwhelm quite the novelty then ~ these days to get all that we only need to plug in and press buttons…

    Liked by 2 people

    1. I think customers were attracted to the novelty and trasgressive unconventionality of the whole situation. And if the cooing of the doves did not accord with the melodies of the organ, perhaps they did not even notice it, all tense not to miss the exact moment in which they hoped to be able to hear the ringing of the bells of orgasm in their heads😉❤️🙃

      Like

  9. That electric sex bed must have attracted many admirers, both small and great. Graham mastered his arts of scientific and psychological appeals well. Actually any trade that involves sensual matters sell pretty well on this planet, since time immemorial. The human mind naturally craves for such. Good continuation here, my friend Luisa.

    Liked by 2 people

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s